1. Un libro sui viaggi di tpc

    di , il 7/8/2003 00:00

    Vogliamo o non vogliamo che si pubblichi un libro con tutti i viaggi più belli del sito di tpc?

    Stiamo cercando un editore che si prenda a cuore la cosa, se c'è, esca fuori.

    Ne possiamo discutere liberamente qui.

  2. Turista Anonimo
    , 7/8/2003 00:00
    lo sapevo, solo storie a lieto fine
  3. Turista Anonimo
    , 7/8/2003 00:00
    Intervengo solo ora, ma ho letto tutti i post precedenti.
    Rita, se si fosse capito, non ti avrebbero fatto delle domande. Tra l'altro mi sembra abbastanza curioso quello che dici e sarei curiosa anch'io di sapere quali gusti ha il critico letterario (ossia tu, Rita) che promuove tanto questa iniziativa.
    Tanto per capire se il libro poi finisce nei romanzi rosa o se vengono scelti solo racconti di un certo tipo.
  4. Turista Anonimo
    , 7/8/2003 00:00
    Ok Ok.
    Vi porto un esempio, anche se non so a cosa vi può essere utile.
    Tempo fà ho letto "Non ti muovere" della Mazzantini. Premio Strega si sà, dell'anno scorso. Osannato dalla critica in molti modi e presto film al cinema.
    Io l'ho trovato troppo triste, angosciante, pieno di dolore e presentava una condizione di Donna ancora difficile, incapace di crescere emotivamente. Troppo crudo. Scritto in maniera impeccabile, quello non si discute.
    Quello è stato un caso in cui ho preso il libro spinta dalla pubblicità-critica e dalle mille copie che vedevi nelle librerie esposte in bella mostra.
    E ne sono rimasta delusa.
  5. Turista Anonimo
    , 7/8/2003 00:00
    Vabbè Daniela, ma io credo di averlo portato come esempio. Si era capito? O no?
    uffi...fa caldo!!!! :)
  6. Turista Anonimo
    , 7/8/2003 00:00
    si faceva così per parlare, del resto sei stata tu a lanciare l'argomento. Ma non importa.
  7. Turista Anonimo
    , 7/8/2003 00:00
    Delle volte proprio l'entusiamo mi si spegne con un attimo...uff...

    Sì, anche la segnalazione di siti utili potrebbe andar bene.
  8. Turista Anonimo
    , 7/8/2003 00:00
    Ma scusate, a voi che importa quali libri leggo?
    Inoltre la critica in alcune situazioni e azioni, io la leggo anche come mezzo di pubblicità.

    Questo forum ho chiesto di pubblicarlo per cercare di dare risalto all'idea di alcuni di noi e di Martino per trovare un editore volenteroso e per cercare di capire se l'idea può funzionare?
    Potete cercare di convertire la vostra attenzione al libro?
    Non amo essere messa al centro di nulla, nè tanto meno di critiche a vuoto.
  9. Turista Anonimo
    , 7/8/2003 00:00
    Sì, sì. mi piace questo nuovo spirito!
    Bene, secondo me lo scaffale è quello dei viaggi.
    Gli autori dovrebbero un minimo "formattare" i contenuti, nel senso che forse dovrebbe esserci un'impronta comune, ad esempio la lista dei siti utili alla fine, o dei libri consigliati.
    Vorrei che questo libro fosse il più vario possibile, un solo racconto per ogni luogo e tantissimi luoghi, almeno la prima edizione (me ne immagino già altre quattro almeno a seguire).
    Ancora consigli, forza!
  10. Turista Anonimo
    , 7/8/2003 00:00
    Sì decisamente sullo scaffale dei VIAGGI.

    Farei un bell'indice, diviso per continenti.
    E poi alla fine, se fosse possibile, metterei una sezione dedicata alle ricette trovate in giro per il mondo.
    Con l'aggiunta poi di cose da fare e da non fare in quel paese se si volesse andare in vacanza lì.

    ...a meno che però questo non venga già detto nel racconto del viaggio stesso.
  11. Turista Anonimo
    , 7/8/2003 00:00
    Rita, vedo che parlavi proprio di critica non di pubblicità. Allora sinceramente mi unisco a chi ti ha chiesto qualche esempio. Senza malignità, solo per capire i tuoi gusti.
  12. Turista Anonimo
    , 7/8/2003 00:00
    Uehh fatela finita, mettetevi il cuore in pace, rilassatevi, e cercate di dare un senso a quello che facciamo qui: come si organizzano degli itinerari così diversi gli uni dagli altri? Il libro di tpc deve stare sullo scaffale dei viaggi o in quello della narrativa?

    Io propendo per i viaggi, tutti i racconti sono comunque animati dall'amore della scoperta, del viaggio inteso come cammino verso cose nuove... il tutto condito da un pizzico di protagonismo che anima ognuno di noi che pubblica anche per il piacere di condividere con altri altri le proprie esperienze ed emozioni.

    E se fosse diviso in macrogruppi?
    a- I viaggi al mare/montagna/pianura
    b- i viaggi nelle capitali/città
    c- ...

    Avanti tpc! Contibuti utili a derimere i problemi, niente polemiche o ripicche, chi sgarra è un asino!
  13. Turista Anonimo
    , 7/8/2003 00:00
    Mi fate proprio ridere! :-P (mi riferisco all'Attento Osservatore e uso il plurale perchè non so se è sempre la stessa persona o altre messe insieme)

    Ma quante cose ci vedete in un mio intervento!!!!!
    E' un chiaro segno che certa gente ha poco da fare evidentemente.

    Se io leggo un libro esaltato dalla critica e poi non mi piace, ne prendo atto, e ringrazio il cielo che ho avuto la capacità ci elaborare una mia opinione. Non sempre bisogna per forza omologarsi alla massa. E lo stesso discorso vale al contrario. Può darsi che un libro non molto amato mi possa piacere molto.

    Tutto questo discorso c'entra anche con il libro di tpc e della scelta degli itinerari. Alcuni mi possono piacere altri no. Ma poi la mia opinione alla fine rimane la mia e come tale discutibile. E penso che leggendo il libro, non tutti i racconti mi potrebbero entusiasmare. Ma sarebbe una gran bella soddisfazione poterlo vedere rilegato, con tanto di copertina, in bella mostra su uno scaffale di una libreria.
  14. Turista Anonimo
    , 7/8/2003 00:00
    Io scommetto che Rita potrebbe tranquillamente dirci un po' di libri che la critica ha osannato e che secondo lei invece non meritano. E son sicuro che anche tu, Attento Osservatore, sarai d'accordo!
  15. Turista Anonimo
    , 7/8/2003 00:00
    Daniela, non ce l'avevo con te!
    Neanche nei forum riesco a non tradire la mia natura acidella, sigh!
  16. Turista Anonimo
    , 7/8/2003 00:00
    Annalaura, c'è bisogno di rispondere così?