1. Albero Falcone

    di , il 22/5/2002 00:00

    Palermo 24/05/1992

    ORE 18.20: APOCALISSE DI MAFIA

    Autostrada

    Palermo - Punta Raisi

    Uscita per Capaci.

    Oggi sotto l'abitazione dell'ex magistrato, un grande albero raccoglie ogni sorta di messaggio della Palermo degli onesti e di tutti quegli Italiani che si sono fermati davanti ad esso.Uno di quei messaggi è proprio del magistrato ossia le sue ultime parole: "CHI NON HA PAURA DI MORIRE, MUORE UNA VOLTA SOLA".

    Un piccolo ricordo da lasciare in memoria di Giovanni Falcone

    Megane

  2. Andrea C. 1
    , 24/5/2002 00:00
    Il passare del tempo spesso e volentieri deposita su fatti e cose quello strato di polvere che del tempo è segno e sintomo. Così basta un anno e colori e forme perdono nitidezza e contorni; questo è quanto è successo anche con Falcone e Borsellino ma forse non nel cuore e nelle coscienze delle persone. Perchè al di là del ruolo ricoperto o dell'esempio di una vita eroica hanno costituito e costituiscono la fonte di un sospiro di sollievo. Questa è una generazione di disillusi, un popolo di persone che della corruzione, della difesa degli interessi personali conosce parto, crescita e mai l'avvizzimento. Molti di noi della politica hanno conosciuto gli sporchi interessi, la corruzione e ben pochi ideali o valori. Ma anche quando la cognizione del giusto, dell'onesto perde definizione abbiamo imparato che si può contare sulla presenza di quelle persone che, spesso silenziosamente, al sacrificio ancora credono, sulla giustizia costruiscono una vita, una esperienza. Certo poco o nulla è cambiato dai tragici eventi e mai credo il sacrificio della propria vita possa avere senso come molti in queste giornate di revisione dicono. La morte non cambia nulla sia nel privato (penso ai familiari e fra tutti è indelebile l'immagine della signora Montinaro) che nel pubblico. perchè la morte non aggiunge ma toglie, non sancisce ma spaventa. Così si torna in balia delle correnti precedenti con una speranza e una coscienza che è quella del germoglio che nasce dall'esempio!
  3. Megane P. 1
    , 24/5/2002 00:00
    Bravo, grazie Giò
    Megane
  4. Marco Barbieri
    , 23/5/2002 00:00
    Falcone, Borsellino, Dalla Chiesa, le bombe nei treni, nelle piazze, nelle stazioni, negli aerei, D'Antona, le Brigate Rosse, Guido Rossa, Piazza Fontana....quanto è lungo l'elenco dei morti innocenti, in questi casi non ho parole, ricordo e basta, come quando arrivo in stazione a Bologna, vorresti reagire, ma contro di chi?
    ...un pensiero a tutti, Marco
  5. Paolo Motta 2
    , 23/5/2002 00:00
    "Oggi la gente sembra guardare alla vita come a una speculazione. Non è una speculazione, è un sacramento. Il suo ideale è l'amore, la sua purificazione è il sacrificio."
  6. De Giò
    , 23/5/2002 00:00
    Considero Falcone e Dalla Chiesa i due più grandi eroi che la nostra giovane Repubblica abbia avuto dalla sua nascita. Si sono sacrificati per combattere la mafia ma ieri leggevo su un noto quotidiano che a Palermo tutti pagano il "pizzo", dal ristoratore al venditore ambulante di saponi. A questo punto è chiaro come il sole che è impossibile combattere la mafia con le leggi ordinarie. Occorrono delle leggi speciali che permettano di acchiappare questi signori, con tutti i loro parenti fino alla settima generazione, e schiaffarli in galera a vita. E se qualche coglione mi dirà che questo è anticostituzionale e lede i diritti della gente, gli rispondo che le leggi ordinarie sono assolutamente insufficienti e inadeguate a fronteggiare questo cancro che è la mafia, perchè la mafia è l'antistato, è la negazione di ogni diritto, è sorpruso puro, è capacità di sfruttare il cosidetto garantismo costituzionale. La mafia è come certi virus, non è possibile distruggerla perchè si insinua nelle stesse cellule vitali, e per distruggerla bisognerebbe distruggere lo stesso tessuto sociale nel quale ingrassa e prospera.
    Giò
  7. lorecoll
    , 23/5/2002 00:00
    A me piacerebbe che fosse scritta questa frase:
    "Al futuro o al passato, ad un tempo in cui il pensiero è libero, quando gli uomini sono differenti l'uno dall'altro e non vivono soli ...
    Ad un tempo in cui esiste la verità e quel che è fatto non può essere disfatto:
    dall'età del livellamento, dall'età della solitudine, dall'età del Grande Fratello, dall'età del bispensiero ... tanti saluti!"

    George Orwell, "1984".
  8. Megane P. 1
    , 22/5/2002 00:00
    Palermo 24/05/1992
    ORE 18.20: APOCALISSE DI MAFIA
    Autostrada
    Palermo - Punta Raisi
    Uscita per Capaci.
    Oggi sotto l'abitazione dell'ex magistrato, un grande albero raccoglie ogni sorta di messaggio della Palermo degli onesti e di tutti quegli Italiani che si sono fermati davanti ad esso.Uno di quei messaggi è proprio del magistrato ossia le sue ultime parole: "CHI NON HA PAURA DI MORIRE, MUORE UNA VOLTA SOLA".
    Un piccolo ricordo da lasciare in memoria di Giovanni Falcone
    Megane