1. Turisti per caso?!?!?!?

    di , il 19/4/2002 00:00

    Ma quali sono i veri "turisti per caso"?

    Io non credo che chi vuole andare sull'isoletta a dormire sotto il sole, oppure nel mega villaggio turistico siano dei veri turisti che possano scrivere su questo sito!

    Ovviamente Susi e Patrizio accolgono tutti, ma sarà vera ospitalità o solo gentilezza?

  2. Francesca Di bella 1
    , 29/4/2002 00:00
    Ciao ragazzi!!
    siamo due amiche che qst'estate partiranno x N.Y. se avete delle info da darci siamo qui ad aspettarle, vorremmo girare e vedere il + possibile, ma vorremmo anke risparmiare c'e' ki ci consiglia di noleggiare l'auto ki di comprarla e ki di muoverci con i mezzi... voi ke ci consigliate??? Potete scriverci anke all'indirizzo email.....
    Ciao!! a presto!!
  3. lorecoll
    , 27/4/2002 00:00
    Pur amando poco il turista con Rolex e telefonino che pretende gli spaghetti al dente a cinquemila chilometri dall'Italia, debbo riconoscere che non ci può essere un identikit del vero TPC. In fondo lo siamo un pò tutti, dal pigrone sbracato su una spiaggia delle Maldive allo sportivo che si spacca di fatica scalando il K2, l'importante è amare i viaggi, farsi qualche domanda e prendersi poco sul serio. Non è indispensabile essere troppo originali o diversi per divertirsi, altrimenti, come diceva Mafalda di Quino:"Ecco un altro che va a far parte della massa di quelli che non vogliono far parte della massa".
  4. Cinzia Pertile 1
    , 24/4/2002 00:00
    Sono d'accordo con Blacky, ci mancherebbe altro che i siti fossero esclusivo appannaggio di chi si considera diverso dagli altri solo perche' viaggia in modo "diverso" dagli altri.
    Le emozioni di un viaggio sono le stesse e non trovo giusto criminalizzare le scelte altrui.
  5. Megane P. 1
    , 22/4/2002 00:00
    Per me un turista per caso in questo momento è Giobbe Covatta, ma avete visto la puntata di ieri con tutta la sua famiglia su Adriatica? Il prossimo sarà Comaschi...per me questi sono i Turisti per caso veri!
  6. RoboGabr'Aoun
    , 21/4/2002 00:00
    Per Rambutan:
    Mi chiamo RoboGabr'Aoun, nome arabo donatomi da amici libici anni fa,che sta a significare che porto nell'anima Aoun, capostipite di una dinastia scomparsa abitante in Ramla Zellaf(Libia)secoli orsono, nonchè protettore di quella regione di dune.
    Mi spiace essere stato confusionario nel citare il "mio" Sahara...perdonami:è così presente in me che riesco ad infilarlo ovunque!
    Circa la tua affermazione finale credo sia vero che siano molti coloro che, viaggiando, tendano a porsi uno scalino al di sopra degli altri, autodefinendosi "veri viaggiatori" e definendo altri "turisti da pacchetto": io credo che siano gli altri coloro che sono deputati a valutare il nostro personale modo di porci nei confronti di un Paese che visitiamo e delle persone che incontriamo: l'umiltà è sicuramente l'unica chiave che permette all'uomo di crescere e conoscere, e viaggiare arricchendosi nell'anima.Quando essa manca ovunque si passi non si lasciano tracce e, peggio ancora, ciò che di meraviglioso scorre accanto non lascia tracce in noi.Un saggio arabo un giorno mi disse,del suo immenso sapere e dei suoi innumerevoli viaggi" non faccio che raccontare cose già viste da milioni di altri,e percorrere strade esistenti da sempre".Solo se viaggiamo rendendoci conto di essere piccoli riusciamo ad essere parte dell'insieme.Perdonami il paragone ancora sahariano,ma se noi passiamo sulla sabbia convinti di essere grandi tracceremo solchi profondi che il vento presto cancellerà: se ci rendiamo piccoli come i granelli che calpestiamo diverremo noi stessi parte di ciò che circonda.
    Ciao
    RoboGabr'Aoun
  7. Rambutan N
    , 20/4/2002 00:00
    Bravo Robogramb o come ti chiami, sulla prima parte sono totalmente d'accordissimo con te. Da quando cominci a parlare del Sahara, mi sono un pò perso, però la prima parte mi è molto piaciuta.
    Io viaggio sempre per i fatti miei ma penso che comunque sia meglio un turista "impacchettato tutto compreso" che un turista "alternativo e indipendente" impacchettato dal suo snobismo. E in questi forum di quest'ultimo genere ve ne sono un bel pò !
    Ciao !
  8. Rox Fox
    , 20/4/2002 00:00
    Bè, personalmente credo che Patrizio e Susy accolgano tutti perchè hanno voluto fare un sito aperto a tutti anche a chi può permettersi solo di viaggiare con la mente...se non fosse così, avrebbero mandato una email con un modulo da compilare con tanto di iniziazione al club...tu entri, tu no...
    Può darsi che i turisti che dici tu non visitano neanche questo sito...dubito che chi va' a Cuba per sesso facile lo si trovi qui...poi oh, mondo era, mondo è...nn si sa mai...
    Non so', fare di questo un sito d'Elite mi sembra un po' esagerato e senza senso...credo cmq che in fondo un po' tutti siano turisti per caso con o senza tour operator.
    Bene, è ora per me di esplorare il frigo...
    Saluti
    Rox
  9. RoboGabr'Aoun
    , 20/4/2002 00:00
    L'umiltà è la chiave del viaggiare: l'andare per mare o per deserti o attraversare le città non dee, a mio modesto parere, divenire un mezzo per porsi al di sopra di altri,un mezzo per dire di sè stessi "io viaggio meglio,sono + sensibile,non sono impacchettato".Ho conosciuto gente che ha viaggiato per anni fuori pista in Sahara e non ha mai capito nulla del Sahara.Così come ho conosciuto gente che di esso ha intravisto l'anima pur avendolo sfiorato soltanto.Per non essere meteore di passaggio ma cogliere l'essenza di un luogo occorre fermarsi ad ascoltare,annusare, vivere,scoprire...e,sempre, dire (e pensare) mamma mia,come sono piccolo e quanto ancora ho da imparare,quanti passi ho ancora da fare.Henry Barth, uno dei + grandi esploratori d'Africa, amava dormire in riva al mare, sotto il sole.E penso che lui,anche se vissuto un po' di tempo fa, forse sarebbe ugualmente a pieno titolo un TPC.Siamo tutti TPC quando ci brillano gli occhi e l'anima saltella nel petto: è l'entusiasmo e la voglia di sognare il senso di tutto quanto.
    Ciao
    RoboGabr'Aoun
  10. Marco Chiarolini 1
    , 19/4/2002 00:00
    Ma quali sono i veri "turisti per caso"?
    Io non credo che chi vuole andare sull'isoletta a dormire sotto il sole, oppure nel mega villaggio turistico siano dei veri turisti che possano scrivere su questo sito!
    Ovviamente Susi e Patrizio accolgono tutti, ma sarà vera ospitalità o solo gentilezza?