1. Scozia

    di , il 19/9/2017 10:45

    La Guida per Caso della Scozia è Alessandra

  2. atir25
    , 17/6/2018 16:50
    Ciao,mi farebbe piacere se potessi aiutarmi ad organizzare bene il mio tour dato che mancano pochi giorni e non ho molto tempo disponibile.
    Dunque ho già prenotato il volo che arriva a Edimburgo alle 19,40 di mercoledì 4 luglio pensavo di prendere il bus e trovare un hotel in centro dove rimanere solo due notti perché preferisco la natura e il nord, quindi pensavo di noleggiare un'auto in aeroporto ? organizzare cercando di vedere le cose imperdibili perché il giorno 14 ho il volo di ritorno la mattina alle 6,40 consegnare l'auto e dormire vicino all'aeroporto ? ci sono disponibilità? Ma ho un dubbio partire subito e visitare Edimburgo gli ultimi giorni? per questo non ho ancora prenotato l'auto Tu che faresti ?
    Ti ringrazio anticipatamente per la disponibilità.
    UN saluto
    Massi
  3. Alessandra Carini
    , 11/4/2018 21:50
    Davvero!!! Non me ne ero accorta :-)
    Piacere di fare la tua conoscenza Collega GPC !!
  4. Alessandra Carini
    , 11/4/2018 21:43
    Bene Adriana,
    allora credo che sia tutto pronto per il to viaggio!!
    PS. non tutti i treni lo fanno .. ma è più semplice se quello che pensi! Vedrai che andrà bene :-)
    Buona viaggio e fammi sapere com'è andato quando tornerai!

    Alessandra
  5. DIDIADRY
    , 11/4/2018 21:17
    Ciao Alessandra,

    sì, ho già programmato tutto.. l'importante è avere le info necessarie per evitare intoppi durante i giorni di vacanza che sono sempre pochi... di solito noleggio l'auto ma questa volta io e mio marito abbiamo optato per il treno...

    Al ritorno ti racconterò com'è andata la vacanza...

    Buona serata :)
    Adriana

    P.S. siamo "colleghe" sono la GpC del Portogallo, della Florida...ecc...ecc..
  6. Alessandra Carini
    , 11/4/2018 20:46
    Bene Adriana,
    allora credo che sia tutto pronto per il to viaggio!!
    PS. non tutti i treni lo fanno .. ma è più semplice se quello che pensi! Vedrai che andrà bene :-)
    Buona viaggio e fammi sapere com'è andato quando tornerai!

    Alessandra
  7. DIDIADRY
    , 11/4/2018 17:57
    Grazie Alessandra, per la velocissima risposta.

    Confermo il biglietto è proprio anytime day.. è per il mese di Giugno e con il treno delle 13:38 Edinburgh - Inverness via Aviemore, e devo anche poi convertirlo in biglietto alla macchinetta self service.
    Non sapevo del problema di carrozze staccate dal treno principale :( ... un bel problema per chi non lo sa e magari perde una coincidenza oppure l'aereo...

    Ciao!
    Adriana
  8. Alessandra Carini
    , 11/4/2018 17:38
    Ciao Adriana,

    grazie per il tuo feedback!

    Forse a comperato un biglietto Anytime day, per questo non è riportato l'orario?
    ti allego questo link, magari riesci a controllare https://www.scotrail.co.uk/tickets/commuter?accordion=anytime-tickets

    Sulla disponibilità di posti vicini, diepnde molto dal mese, tratta e orario e in particolare dall'affluenza di quel giorno. Quindi difficile a dirsi :-) Meglio arrivare un pochino prima e cerca di salire a bordo per primi.

    Per quello che riguarda il treno e le carrozze ( se si staccano a meno, diventanto 2 treni per destinaizoni diverse) devi leggere bene il tabellone alla stazione. Sono come quelli che abbiamo qui in Italia, ma in più trovi specificato quali carrozze fanno la X tratta e quali fanno la tratta Y. Se dovessi avere anche il minimo dubbio, chiedi al personali che trovi di servizio. Sono quasi sempre gentili e disponibili a dare informazioni.
  9. DIDIADRY
    , 11/4/2018 17:26
    Ciao Alessandra,

    ho letto il tuo interessante e utile post su come viaggiare in Scozia... mi serve una info:
    ho acquistato sul sito della ScotRail due biglietti a/r Edinburgh - Inverness ho specificato lorario ma in realtà ho scoperto dopo aver pagato che è un biglietto aperto valido per tutta la giornata... ho un dubbio, poichè non ho i posti prenotati a tuo parere ci sono problemi per trovarne due liberi e magari vicino al finestrino? ... ho anche letto nel tuo post che a volte non tutte le carrozze partono, come si fa a sapere se effettivamente quella su cui siedo arrivi a Inverness? :) ovviamente prenderò un treno senza cambi..

    Grazie!
    Adriana
  10. DIDIADRY
    , 11/4/2018 17:25
    Ciao Alessandra,

    ho letto il tuo interessante e utile post su come viaggiare in Scozia... mi serve una info:
    ho acquistato sul sito della ScotRail due biglietti a/r Edinburgh - Inverness ho specificato lorario ma in realtà ho scoperto dopo aver pagato che è un biglietto aperto valido per tutta la giornata... ho un dubbio, poichè non ho i posti prenotati a tuo parere ci sono problemi per trovarne due liberi e magari vicino al finestrino? ... ho anche letto nel tuo post che a volte non tutte le carrozze partono, come si fa a sapere se effettivamente quella su cui siedo arrivi a Inverness? :) ovviamente prenderò un treno senza cambi..

    Grazie!
    Adriana
  11. Alessandra Carini
    , 13/2/2018 15:46
    SCOZIA IN TRENO: 15 GIORNI TRA LOCATIONS DA FAVOLA

    Questo viaggio sarà lento, scandito dagli orari dei collegamenti, calmo, alla ricerca dei luoghi e di ampio respiro. Si assaporeranno i panorami, che sono parte integrante della magia e della bellezza della Scozia; anzi direi una delle emozioni più intense, che questa terra ci regala. In questo modo avremmo il tempo per assaporarne ogni sfumatura della nostra amata Alba.

    Arriveremo in aereo ad Edimburgo e ripartiremo da Glasgow, per ottimizzare il nostro viaggio. Anche se potete fare come volete perché Glasgow ed Edimburgo Aeroporto sono ben collegate da citykink, che dalla bus station di Glasgow, vi porterà direttamente all’aeroporto di Edimburgo; l’importante è che
    stiate bene attenti ai tempi.

    L’itinerario che vi propongo è uno tra tanti possibili, che potete mixare, ampliare o ridurre, a seconda dei giorni che avete a disposizione e di quello che maggiormente vi interessa vedere vedere.

    Per i primi giorni di viaggio, useremo come base per i nostri spostamenti Edimburgo. Vi suggerisco quindi di trovare una sistemazione in un albergo nei pressi della Stazione, in modo che molto velocemente, possiate raggiungere sia la stazione dei treni ,che il punto di partenza dei bus. Ottima
    sistemazione con un buon rapporto qualità/prezzo è il Motel One. Ci siamo stati a dicembre e ci siamo trovati benissimo. Ce ne sono due ad Edimburgo, noi eravamo in quello che affaccia sui giardini di Prince street.

    Itinerario:


    1 giorno: arrivo ad Edimburgo ed esplorazione della città. Per qualche idea su cosa fare ad Edimburgo
    gratis vi rimando al mio blog https://50sfumaturediviaggio.com

    2 giorno: trasferimento da Edimburgo verso Roslin, per visitare Rosslyn Chapel con il bus n15. Qui potrete visitare anche la città, il Roslin Glen e il Roslin Castle (raggiungibile tramite un sentiero nel bosco). Direi che questa è una delle tappe imperdibili, da fare almeno una volta quando si va in viaggio in Scozia e, se siete appassionati del genere, sono anche luoghi legati al Codice Da Vinci.
    Ritorno ad Edimburgo nel tardo pomeriggio, con uno degli ultimi bus, per fare una passeggiata al tramonto e mangiare qualcosa in città. Se volete qualche spunto su dove mangiare ad Edimburgo, ecco una delle mini guide che ho preparato per voi.

    3 giorno: trasferimento da Edimburgo, a Linlithgow, in treno per visitare il royal brough ed il palazzo. Partenza da Edimburgo Waverley Station. Linlithgow è una cittadina molto bella e caratteristica, ha il suo suggestivo loch e vari punti di interesse sono sparsi in città. Potrete pensare di restare qui e fermarvi a cena magari al the four Marys; per poi riprendere il treno verso Edimburgo .

    4 giorno: vi propongo 3 alternative:

    -tour del Fife in bus con Rabbie (solo in inglese) .
    -Oppure in alternativa, se non siete amanti dei tour organizzati e vi piace viaggiare per conto vostro: visita a St. Andrews. In treno da Edimburgo a Leuchars e poi in bus fino a St. Andrews. Potete dedicare tutto il giorno alla visita della città, perché offre davvero molto. In alternativa, se non volete passare tutto il giorno a St Andrews, potete prendere qualche bus che collega St. Andrews ai piccoli villaggi di pescatori dell’East Neuk, ed andarne a visitare almeno uno.
    -Se questa tappa non suscita il vostro interesse, potete spendere il 4 giorno per visitare SouthQueensferry e Inchcolm Abbey. Partenza in treno da Edimburgo Waverley destinazione Dalmeny
    station. Una volta arrivati alla stazione ferroviaria di Dalmeny, attraverso una scorciatoia che passa attraverso un sentiero boschivo, con indicazioni abbastanza chiare, potete raggiungere l’Hawes Pier (la banchina per gli imbarchi).
    A SouthQueensferry se volete fermarvi per un buon pasto con vista sui ponti, suggerisco Orocco Pier. Molto caratteristico e non delude davvero mai.

    5 giorno : trasferimento da Edimburgo a North Berwich in treno. Visitata questa incantevole cittadina marina, con il bus 120, dirigetevi al Tantallon Castle. Magnifico, con viste spettacolari su Bass Rock e incredibili panorami. Aperto solo da aprile ad ottobre.

    La notte del 5 giorno, sarà l’ultima che passeremo ad Edimburgo. La mattina del 6 giorno, ci sposteremo in treno verso Inverness. Dedicheremo questo giorno agli spostamenti e ad un giro, in esplorazione della città.

    Dettagli degli spostamenti:
    -Edimburgo/Inverness (il treno passerà via a Stirling e Perth, quindi a voi la scelta, se fare o meno uno stop in queste tappe, modificando e mixando l’itinerario in questione, a vostro piacimento)
    Se volete sfruttare al meglio il vostro tempo, vi suggerisco di prendere un treno la mattina presto per arriverete ad Inverness, in questo modo, potete decidere di dedicare mezza giornata ad un tour o verso
    Culloden/Clava Cairns oppure verso Nairn ed il Cawdor Castle. Molto suggestivo il villaggio di pescatori di Nairn e le sue spiagge e per gli amanti del genere in agosto, il festival internazionale del jazz.
    Stagecoach, offre vari collegamenti tra questi luoghi. Nairn può essere raggiunta anche in treno, ma poi per arrivare al castello dovrete prendere un taxi, a quanto ricordo non c’è un bus che porta direttamente al castello. Aperto per le visite da Aprile ad ottobre.

    7 giorno: da Inverness ci dirigeremo in treno a Kyle of Lochlash, per vedere uno dei castelli più fotografati della Scozia. Questo viaggio in treno viene descritto come uno tra i più belli a livello di panorami. Considerate almeno 2/3 ore qui se volete visitare anche il castello internamente e
    ricordate che avrete il vostro bagaglio con voi, quindi cercate di viaggiare leggeri. Non ci sono bus che vi porteranno qui, quindi o dovrete andare a piedi oppure prendere un taxi o rinunciare; a voi la scelta!
    Da Kyle of Lochlash in autobus, ci dirigeremo a Portree, Isola di Skye.

    dall'8 al 10 giorno: Rimarremo per 3 giorni sull’isola di Skye.

    Iniziamo la nostra esplorazione da Portree, magari con questa semplice walk intorno alla città e ai suoi punti più panoramici. https://www.walkhighlands.co.uk/skye/scorrybreac.shtml e passate il resto della giornata a visitare la Trotternish Peninsula, servita sempre dal servizio bus.

    Giorno 9: raggiungiamo Uig in bus e dopo aver esplorato la zona, con una passeggiata di circa 1 ora, possiamo raggiungere The Fairy Glen https://www.walkhighlands.co.uk/skye/fairyglen.shtml
    Se raggiungere the fairy glen non vi interessa, potete optare per Talisker bay e distillery, sempre raggiungibile in autobus.

    Giorno 10: in bus fino al Dunvegan Castle. Da qui potete decidere di fare un giro in barca sul loch Dunvegan, alla ricerca delle foche. Da Dunvegan, imperdibile nelle vicinanze è il Neist Point Lighthouse. Non ci sono mezzi che portano fino a qui, perciò avete solo 2 alternative prendere un taxi oppure noleggiare una macchina sull’isola, per raggiungere i posti più remoti.

    Vi sono linee locali sull’isola, che partono da Portree o Broadford ma, i servizi non sono molti durante la giornata e nemmeno in estate. Girare l’isola di Skye con i mezzi pubblici richiede una buona dose di adattamento e molta pazienza, specie se vi volete allontanare dalla strada principale che
    collega Kyleakin – Portree - Uig. Per chi fosse interessato può controllare il sito di Bus
    Stagecoach
    o cliccare qui oppure scaricare la mappa dei tragitti dei bus sull’isola qui:
    https://tiscon-maps-stagecoachbus.s3.amazonaws.com/RouteMaps/North%20Scotland/Skye%20route%20map.pdf

    La A87 attraversa l’isola dal Ponte di Skye ad Uig, collegando le maggiori città e centri di interesse.

    Potete girare l’isola: 1) da soli usando gli autobus locali; 2) noleggiando una macchina per 1/2 giorni (cosa che per Skye suggerisco) oppure; 3) affidandovi ad un tour operator locale, come Tour Skye
    (solo in lingua Inglese) molto gettonato, per farvi portare in giro e raggiungere anche i posti meno a portata di mano. Ne potete trovare diversi altri se cercate su internet!

    11 giorno: partenza per Fort William
    Dettaglio spostamenti:
    -da Portree ad Armadale in autobus;
    - Da Armadale a Mallaig via traghetto panoramico; se arrivate sull’isola di Skye via terra, lasciatela via mare e fate un’altra splendida esperienza di viaggio. Mi raccomando prenotate il posto in traghetto in anticipo, specie in estate.
    - da Mallaig a Fort William in treno. Potete percorrere quest’ultimo tratto in treno, con lo storico Jacobite Steam train (per intenderci il treno a vapore di Harry Potter), che è considerato uno dei viaggi in treno, tra i più belli al mondo. Oppure prendere un treno normale.

    Se viaggerete con il Jacobite, prenotate il posto finestrino, vista mare. Per saperne di più su questa rotta panoramica, nota come la “road to the isles”, visita il mio blog. Sono anni che aspetto di fare questa tratta a bordo di questo fantastico treno a vapore! Fino ad ora ho percorso quello che è stato
    possibile, inseguendo la ferrovia, in auto e facendo degli stop panoramici con passeggiate. Prima o poi arriverà l’occasione giusta! Il viaggio sola andata, dura circa 2 ore. La prima classe ha gli
    scompartimenti divisi e con la porticina che si apre, proprio come nel film, a differenza della seconda classe, che non li ha.

    Poco dopo aver lasciato Mallaig, vedrete il piccolo Loch Etive, con l’isola dove venne sepolto Albus Silente in Harry Potter ed il Principe Mezzosangue, piccola e con pochi altissimi alberi, ma,
    talmente caratteristica che chiunque ami questa saga, la riconoscerà a prima vista.

    Il resto del giorno 11 lo passeremo a visitare a Fort William e pernotteremo in città.
    Dal giorno 12 fino alla fine del viaggio saremo di base a Glasgow per esplorare la città ed alcune zone circostanti.

    12 giorno: partenza da Fort William verso Glasgow. Potete decidere se fare questa tratta in treno o bus. Dedicheremo questo giorno ad una prima esplorazione della città, imperdibile la zona storica e la cattedrale. La parte storica di Glasgow è molto suggestiva e merita senza dubbio una visita.

    13 giorno: partenza da Glasgow, verso Stirling in treno. Qui avrete diverse scelte a disposizione: visitare il castello, il mausoleo di Wallace o fare un giro per la città.
    Da Stirling, prendiamo un autobus per andare al Doune Castle, che avrete visto sul grande schermo sia in Outlander, che nel Trono di Spade. Rotorno a Glasgow per la notte.

    14 giorno: visita alla città di Glasgow. Per sapere cos’altro visitare in città fate un giro sul mio blog. Ci sono parchi bellissimi, musei, monumenti storici e chiese. Per i fan di Outlander molte locations della serie e forse la possibilità di incontrare Sam, che vive proprio in questa città.

    15 giorno: Ritorno a casa, prendendo l’aereo da Glasgow per tutte le info sui bus, i treni ed i vari collegamenti potete consultare:
    Traveline Scotland https://www.travelinescotland.com/
    CityLink: http://www.citylink.co.uk/
    Scotrail : https://www.scotrail.co.uk/
    per tutte le info sui vari pass per le attrazioni o per i mezzi, puoi cliccare i relativi link qui sotto:
    https://50sfumaturediviaggio.com/2017/04/06/scozia-mini-guida-come-scegliere-il-pass-piu-adatto-a-te-per-i-luoghi-da-visitare/
    https://50sfumaturediviaggio.com/2017/04/07/scozia-mini-guida-scegli-il-mezzo-che-fa-per-te-ed-il-pass-piu-vantaggioso/

    Piccola info sui treni:
    Il Jacobite è in servizio da maggio a fine ottobre sull’ultimo tratto della West Highland Line – una delle ferrovie più spettacolari del mondo – tra Fort William e Mallaig. Fa una corsa al giorno (andata e ritorno) con partenza alle 10.15 e rientro alle 16.00, ma tra metà maggio e la fine di agosto,
    effettua anche una corsa pomeridiana che parte alle 14.30 e rientra a Fort William alle 20.30. Ottima se si viaggia in estate per sfruttare al massimo tutte le ore di luce.
    Potete prenotato il biglietto direttamente dal sito della WestCoast Railways e ve lo consiglio. Di solito il treno è pieno, specie nei periodi di alta stagione. Se deciderete di fare questo viaggio, meglio avere i
    posti migliori e più panoramici. Al momento della prenotazione potrete anche ordinare degli extra com la guida turistica del Jacobite.
    Quando prendete il treno in generale (non questo che fa un’unica tratta), andate nel posto a voi assegnato, non cambiate carrozza e non girovagate. Spesso i treni, arrivati alle stazioni, subiscono
    delle modifiche: alcuni vagoni vengono staccati ed attaccati ad altri treni, perché procederanno verso altre tratte e direzioni! Quindi un treno può diventarne 2. Fate attenzione quindi, perché altrimenti rischiate di ritrovarvi da un’altra parte!!!

    Se prenotate il treno con tre mesi di anticipo, potete trovare dei prezzi molto convenienti sulle lunghe tratte, però ovviamente, una volta prenotato e acquistato il biglietto, dovete essere sicuri di prenderlo! Ci sono pro e contro da valutare.

    Spero che questo viaggio vi sia piaciuto e che vi possa essere di aiuto! Per saperne di più, vi aspetto sul mio blog
  12. Alessandra Carini
    , 26/1/2018 13:03
    LE ISOLE DI MAREA : ESPLORANDO CRAMOND ISLAND

    Siete mai stati a passeggio sul mare del nord?
    Ebbene si, In Scozia
    ho potuto fare tante esperienze e avventure tra le più singolari:
    soggiornare in una farmhouse; fare un seafari alla ricerca di balene e
    delfini; alloggiare in un castello in mezzo al bosco; dormire in un faro
    (o quasi)... e fare una passeggiata di 1 miglio (1,6 km) in mezzo al
    mare del Nord, verso una delle 17 “tidal island”.
    Le isole di marea, si possono raggiungere, camminando dalla terraferma, con la complicità
    della bassa marea, attraverso le Drum Sands. Una di queste è Cramond
    Island e si trova vicino Edimburgo ... natura incontaminata a 2 passi
    dalla città!
    Il sentiero che si percorre per arrivarci è molto
    suggestivo! Attraverso il mare del Nord, ai piedi di una fila di
    pilastri di cemento, costruiti come barriera di difesa per la
    navigazione dei sottomarini, durante la II Guerra Mondiale (boom
    navigation barrier).
    Sono una delle attrazioni più interessanti
    della zona. E' stato veramente impressionante camminarci in mezzo!! Una
    volta attraversato, potrete iniziare ad esplorare la selvaggia e
    disabitata isola in libertà, oltre che entrare nei vecchi e traballanti
    edifici superstiti. Era una giornata di dicembre meravigliosa quando ci
    siamo stati, tiepido sole e un pò di neve.
    Tenete d'occhio l'orologio, per evitare di restare bloccati sull'isola al risalire della marea.
    Dal punto più alto dell’isola si può godere di bellissime viste sulla
    Mainland e sui ponti di Queensferry che mozzano il fiato.

    SCOPRIAMO QUALCOSA DI PIU':
    Cramond Island, in Gaelico scozzese “Eilean Chathair Amain” è
    una di queste, e può essere facilmente raggiunta dal centro di
    Edimburgo con il Bus numero 41 o in auto, se vi trovate nei pressi della
    città o nelle zone limitrofe. Cramond Island si trova
    al largo della costa di Cramond. L’isola fa parte della tenuta Dalmeny,
    di proprietà della Rosebery Estates Partnership ed è lasciata al Cramond
    Boat Club.Un percorso asfaltato,
    esposto alla bassa marea, consente un facile accesso all’isola, tuttavia
    occorre prestare attenzione durante l’attraversamento, poiché il
    percorso non è omogeneo ma, spezzato e può essere pericoloso in alcuni
    punti e scivoloso.


    Questa strada, molto
    suggestiva, corre ai piedi di una fila di pilastri di cemento da un lato
    della strada, che sono stati costruiti come una barriera di difesa per
    la navigazione dei sottomarini, durante la II Guerra Mondiale (boom
    navigation barrier) e sono una delle attrazioni più interessanti della
    zona. Veramente impressionante vederli e camminarci ad un passo!!


    Con l’alta marea il sentiero è coperto da alcuni piedi d’acqua di mare che, taglia l’isola fuori dalla terraferma. E’
    sicuro camminare lungo la strada rialzata fino all’isola quando c’è la
    bassa marea, ma siate sempre sicuri di avere abbastanza tempo per
    tornare sulla terraferma prima che la marea si alzi di nuovo. La velocità con cui la marea risale, può facilmente
    intrappolare le persone inesperte, incapaci o imprudenti o che non hanno
    ben capito come andare e tornare dell’isola. Non è infrequente che
    qualche visitatore resti bloccato! Fortunatamente si può chiamare la
    guardia costiera (composta anche da molti volontari). Un grande cartello
    (situato all’inizio del camminamento) avverte i visitatori del pericolo.
    Se questo avviso viene ignorato, possono esservi gravi incidenti o le
    persone possono restare bloccate sull’isola fino alla seguente bassa
    marea. E spesso si parla di molte ore!
    Il 999 è il numero da
    chiamare in caso di emergenza, per i volontari della guardia costiera e
    questo è il link del sito internet per le allerte e gli orari delle
    maree, ve lo posto proprio qui . La
    guardia costiera raccomanda di attraversare durante le due ore a
    cavallo dell’acqua bassa. Occhio quindi ai tempi di attraversamento
    sicuri!!! Per essere sempre aggioranti e ricevere un sms sugli orari
    sicuri ecco il numero 81400 (cliccate qui per tutte le info) e siate prudenti mi raccomando, camminare in mezzo all’oceano è entusiasmante ma occorre fare attenzione!


    43 di queste isole di marea si trovano in Gran Bretannia, di cui 17 in
    Scozia e tutte possono essere passeggiate dalla terraferma fino
    all’isola, con le dovute accortezze e precauzioni.

    Oltre l'isola potete visitare anche il villaggio di Cramond e magari incontrare J.K. Rowling!
    Fin dalla fine del 1800 Cramond è stata una delle più
    auspicibili periferie residenziali di Edimburgo, desiderata dai più per
    una gita fuori città e per godere di un pò di relax e pace.
    Non aspettatevi chissà cosa, il paesino è piccolo e si è reinventato
    parecchie volte nel corso degli anni. Ormai è solo un’oasi di pace e
    tranquillità, un modo per sentirvi un pò scozzesi ed un pò parte di
    questa tipica usanza degli abitanti di Edimburgo, che quando vedono un
    pò di sole, scappano qui a godersi un pò di sole e di quiete!

    Se volete sapere di più sull'isola e la sua storia, cliccate qui: https://50sfumaturediviaggio.com/2017/07/24/cramond-island-a-passeggio-nel-mare-del-nord/


    Voi ci siete già stati?
  13. Alessandra Carini
    , 15/12/2017 11:30
    MINI GUIDA ACCOMODAMENTI IN SCOZIA

    Una delle prime questioni di cui occuparsi quando si decide di partire per una vacanza “on the
    road” in Scozia è appunto quella di trovare un accomodamento.
    Che siate viaggiatori in solitaria, una coppia, una famiglia oppure un gruppo di amici, tutti dovrete rispondere alla spinosa domanda “e adesso, dove dormo?!”.
    Ci sono tantissime soluzioni possibili adatte a tutte le tasche e tutte le esigenze, sia che stiate pensando ad una vacanza a 5 stelle, sia che stiate pensando ad una vacanza economica in cui la parola risparmio è al primo posto! Vi ho già raccontato alcune delle nostre esperienze, in locations particolarmente accattivanti, vediamo invece adesso quali sono tutte le possibili soluzioni su dove dormire e come e dove cercare una sistemazione. E’ una delle domande più frequenti che riceviamo sul gruppo, per questo ho deciso di dedicarle un articolo intero.
    Non dimenticate che molti dei motori di ricerca che inserirò nei link e nelle categorie sottostanti
    vanno bene per la ricerca di più soluzioni, al loro interno, infatti questi motori di ricerca hanno più categorie tra cui potrete scegliere.
    In Scozia per i vostri accomodamenti e a seconda del vostro budget, potrete optare per:

    Bed&Breakfast:
    Una delle soluzioni più sempici e tra le più scelte dai viaggiatori. Consiste nel pacchetto dormire e prima colazione che spesso consiste in una full cooked breakfast, cucinata al momento. I B&B
    sono tantissimi in Scozia e disseminati un pò ovunque. Quando sarete in loco, basta vedere il cartello “Vacancy” appeso alla finestra e saprete che c’è una stanza disponibile! Potete avere una variabile infinita di B&B a partire da quelli ricavati da una stanza di un’abitazione privata (come quella della vecchietta dolcissima dove abbiamo dormito noi, che viveva lungo la road to the isles), fino ad arrivare a quelli a 5 stelle come alcuni che si trovano accanto al castello di Edimburgo (quindi capite bene che i prezzi, anche di questa tipologia di alloggio, può variare notevolmente). La doccia è spesso elettrica
    – controllate l’interruttore se non volete brutte soprese!! – ed il lavandino ha il miscelatore.
    Bed&Breakfast searcher
    Walk Highlands(per cercare sia B&B che Guest House)
    Undiscovered Scotland (qui potrete cercare non solo B&B ma ogni tipologia di accomodamento di cui parleremo in questo articolo)
    Private House Stay
    Scotland’s Best B&B
    Alistair
    Sawday’s Special place to stay
    , vi aiuterà se siete alla ricerca di alcuni B&B particolari e famosi per i loro spettacolari giardini.

    Guest House:
    Di solito un evoluzione dei B&B, spesso grandi case, riadattate, di livello superiore rispetto ai precedenti e che offrono un alloggio più lussuoso e una qualità superiore. Il trattamento stanza singola o doppia (en suite solitamente) con prima colazione molto ricca e quasi sempre full cooked scottish breakfast.
    Visit Scotland (tante e a prezzi anche non troppo esosi le potete trovare anche
    qui, oltre che nei link che vi ho postato sopra). Tenete presente che chi si registra tende ad avere prezzi più alti di chi non lo fa! Perchè stare su certi siti ha un costo.
    Potete cercare anche in tutti i link ch vi ho postato nella categoria B&B. Molte Guest House dispongono anche di alloggi self Catering (sono alloggi con uso cucina) che si possono affittare con condizioni differenti ovviamente. Spesso dislocate a parte della casa e con ingresso indipendente.

    Affitto case/appartamenti, i self-catering:
    Avete la possibilità di affittare un cottage, un appartamento, un casa da dividere tra più amici o
    con la vostra famiglia, per stare in libertà e più comodi. Più stanze a disposizione e cucina completamente attrezzata. Potete scegliere tra varie tipologie di affitto: cottage, bunkhouse e lodge.
    Di solito viene richiesto un tempo minimo di permanenza in alta stagione (minimo 1 settimana) e
    in bassa stagione (3 giorni o a volte anche meno). Il prezzo è per la notte o per settimana, non a persona, quindi questa soluzione è più conveniente in questi casi. Potete in aggiunta ai precedenti citati, consultare anche questi siti.
    Self Catering e B&B
    Scottish Accommodations index Uk (buono anche per Guest house e B&B)
    Holiday Cottage in Scotland
    CKD Galbraith

    Ultimamente anche molti privati, affittano case, sia parti di casa, che case intere ci sono diversi siti a cui vi potete rivolgere. Forse il più noto è Air B&B ma ce ne sono diversi altri attendibili ed affidabili tra cui:
    Home base holiday
    Link international selezionanado la nazione di interesse
    Home away

    Old Inn:
    Disseminate un pò in ogni dove e che vi suggerisco solo se siete alla ricerca di una vacanza Old fashion Old stile. L’acqua potrebbe non arrivare sempre calda, il letto potrebbe non essere proprio comodo e non proprio tutto potrebbe filare liscio! A voi la scelta.
    Stay in a Pub (se cercate qualcosa di particolare e fuori dal comune)

    Ostelli:
    Forse tra le soluzioni più economiche. Ne esistono di molte tipologie e anche questi sparsi
    per tutta la Scozia. Offrono più opzioni di sistemazione. Dormitori misti oppure uni sex, o camere familiari (en suite o con bagno in comune). Tre sono le catene di ostelli più presenti sul terrotorio. In alcuni Ostelli è possibile fare colazione, pagando un piccolo supplemento. Bisonga dire che gli ostelli in
    Scozia sono puliti e tenuti benissimo. Esistono due tipi di Ostelli quelli dalla gioventù e quelli della gioventù indipendenti. Nel primo caso vi servità un tessera, annuale del costo di 10£ con la quale potrete soggiornare in tutti gli ostelli della catena; per chi non è socio vi è un supplemento a notte in
    più da pagare. Dopo 7 notti se siete membri della comunità europea diventerete automaticamente soci e ricordate che c’è una tessera fedeltà che da diritto all’8° notte gratis, trane che di venerdì e sabato. Molti ostelli sono chiusi in inverno e non troverete nessuno ad accogliervi durante l’orario delle pulizie, ovvero tra le 10.30 e le 17. Gli ostelli della gioventù indipendenti chiamati Bunkhouses o SiH sono forse ancora più diffusi, ma sono rarissimi nel sud della Scozia. Per il loro carattere questi ostelli sono più accoglienti e caldi, sono spesso tenuti bene (ma non sempre!). Se non ricordo male, dai racconti di alcuni amici, ho capito che non è possibile prenotare in Ostello più di 15gg di seguito, attenzione quindi perchè anche se vi faranno fare la prenotazione on line, rischierete di essere sbattuti fuori al 16° giorno!
    Hostelling Scotland (SYHA dalla gioventù)
    Scottish Indipendet Hostels (SiH) – trovate anche un elenco di Ostelli Dog friendly!
    Indipendent Hostel
    Hostel Word presenti in tutto il mondo
    Family Hostel Guide (non solo per ostelli)
    Scotland TopHostels

    Sistemazioni Universitarie:
    Durante le vacanze scolastiche, molte università scozzesi mettono a disposizione dei turisti le camere destinate agli studenti, si tratta quasi sempre di singole confortevoli e pulitissime. Talvolta è possibile allggiare in camere con due letti o unità abitative familiari (appartamenti indipendenti e case da dividere con altre persone). Spesso è possibile scegliere tra pensione completa, mezza pensione, B&B o self catering. Trovate le camere libere tra fine giugno e settembre. Per dare un’occhiata a quanto sono belli ed economicamente vantaggiosi questi alloggi, potete dare uno sguardo a questi link, ma ce ne sono molti altri:
    -Stirling University Willow Court
    Edimburgo Pollock Halls

    Alberghi/Hotel:
    Potete cercare in tutti i siti che vi ho elencato nelle categorie precedenti che hanno anche l’opzione per alberghi, più alcuni motori inglesi e di certo tutti conoscete i classici Booking e Trivago, anche se forse sono solo i più noti, ma i meno ricchi. A mano a mano parleremo anche di molti alberghi e di tutte le variabili (da 1 a 5 stelle, come per tutte le sistemazioni, le variabili sono infinite e adattabili a tutte le tasche).
    West Scotand (un bel sito per cercare in questa zone è questo)
    Anche qui vale la tattica di prenotare prima possibile per risparmiare di più e poter fare un’esperienza in un albergo magari bellissimo e caratteristico delle Highlands super lussuosso ed indimenticabile!
    Per tenere d’occhio le offerte e i database a disposizione, con le offerte del momento potete provare qui, oltre i classici che conoscete già e quelli che vi ho già suggerito:
    Moneysaving
    lastminute
    laterooms
    priceline

    Campeggi:
    Non parliamo solo dei classici campeggi da fare montando le tende, anche per questa tipologia si
    scelta in Scozia, ci sono molte opzioni. Ricordate che il campeggio è libero in Scozia.
    Wigwam (Glamping) va per la maggiore in questo momento, sono casette di legno con riscaldamento, con bagno, cucina e camera da letto.
    Aviemore Glamping
    Pitchupper cercare campeggi e villaggi vacanza
    Sligachan Campsite
    Glenbrittle campsite a Dunvegan
    Badaguish center (per vari tipi di accomodamento)
    Eriskay(non solo campeggi, anche self catering, cottage, b&b, glamping se esplorate il sito, troverete tantissime informazioni interessanti).

    Castelli, Fari, chiese, Farmhouse ( e all particolar locations)
    Potete fare anche questo tipo di esperienza particolare e dormire in una canonica, un faro, una
    fattoria! Ebbene si, in Scozia non vi mancheranno esperienze di accomodamenti! Avrete solo l’imbarazzo della scelta! Lusso a non finire, vasche idromazzaggio e viste mozzafiato dalle scogliere oppure fattorie immerse nel verde, lontane da tutto e che vi riporteranno indietro nel tempo! Avete letto la nostra avventura, avvenuta in modo assolutamente casuale? Se per caso ve la siete persi, cliccate qui !
    Per cercare accomodamenti nei castelli, ecco qui un pò di link:
    Historic Accommodations (per cercare castelli e non solo)
    Scotland Accommodation (percastelli e tutti i tipi di soluzioni in tutta la Scozia)
    Scottish Castle Hotels
    Stay in a Castle
    Wolsey Lodges ltd (vi indirizzerà verso vecchi manieri e canoniche, i fantasmi sono compresi ma non sempre visibili !)
    Visit Scotland un bel e-book che vi guida per trovare il posto perfetto, oppure cliccate qui
    per trovare tanti link utili. Su Visit Scotland invece trovate informazioni per tutti queste locations particolari!
    Se vi siete persi la nostra notte alla torre, cliccate qui !

    I Rifugi (bothies):
    Per chi decide di esplorare le mangifiche Highlands scozzesi camminando, potete trovare accomodamenti e consigli utili, così come rifugi assolutamente particolari:
    Mountain Bothies , non sono case vacanza né campeggi. Se deciderete per questi rifugi, assicuratevi di conoscere bene l’ambiente. A volte questi rifugi, non hanno rubinetto, nessun lavandino, niente letti, niente luci e, anche se troverete un camino, forse non avrete niente da bruciare. I bothies a volte, hanno solo una semplice appoggio per dormire, ma a volte, potresti scoprire che l’unico posto in cui dormire è il pavimento di pietra! È necessario predisporre il proprio dispositivo per l’acqua e tenere presente che potrebbe non esserci un posto dove mangiare vicino. Se non c’è il fuoco, in una notte fredda potresti avere problemi a stare al caldo. La stragrande maggioranza delle notti sono fantastiche se siete alla ricerca del’avventura e, ricordate, che la maggior parte dei bothies si trovano sulle colline. Pochi hanno servizi igienici. Ecco questo serve a farvi un’idea di quello che saranno questi rifugi. Non li ho ancora mai provati, quindi non vi so dire di più.

    Alloggi child friendly:
    Non tutte le strutture accolgono i bambini, alcune solo da una certa età in su, altri affatto. Per la ricerca di alcune strutture child friendly potete cercare qui:
    Premier Inn: nelle catene del Premier inn, i bambini fino ai 15 anni (non devono aver compiuto 16 anni) soggiornano gratis (fino a 2 figli) ed anno diritto ad una colazione gratis. Ottima soluzione se si cercano sistemazioni economiche.
    Stay in a Pub (per una stanza in una Inn che vi accoglierà non solo per dormire ma anche per
    mangiare). Troverete una cartina intereattiva della Scozia, basta cliccare la zona di vostro interesse e cercare il posto giusto per voi!
    Child Friendly Holiday Cottage, anche qui basta che scegliate quale zona della Scozia vi interessa e l’opzione child.
    Away with the kids
    Farm stay Scotland, selezionando l’opzione child friendly holidays Scotland
    Embrace Scotland

    Alloggi Dog:
    FriendlyUltima informazione ma non certo meno importante, come forse ben sapete in Scozia ci sono più di 3000 alberghi, b&b e strutture di vario genere, che sono dog friendly. Potrete trovare
    tante informazioni cliccando a questo link di visit scotland parecchio fornito e poi abbiamo anche questi altri:
    Forest Holiday
    –Holiday Cottage

    Ovviamente tutti conoscete i classici Booking e Trivago (adesso sta andando molto anche AirB&B), ma non sempre questi classici motori di ricerca sono realmenti adatti a trovare la soluzione più adatta alle nostre esigenze. Ne esistono davvero molti altri, nei quali spesso trovate tante strutture che non sono
    presenti in questi appena nominati, ma che invece sono ricchissimi di informazioni e molto validi.
    Se Viaggiate da soli:
    ricordate che spesso viaggiare da soli comporta di pagare un supplemento, spesso anche salato (controllate bene le condizioni prima di prenotare).
    Se Viaggiate in famiglia:
    ricordate che spesso viaggiare con bambini al seguito comporta amare sorprese. Ebbene si, non tutte le strutture accettano i bambini (alcune volte troverete scritto i bambini sono i benvenuti solo da una certa età in su). Le strutture che li accettano non sempre li fanno
    soggiornare gratuitamente. Spesso si paga un supplemnto che varia a seconda dell’età. Superati i 12 anni (a volte quando si è parecchio fortunati i 15) si paga come per un adulto. Quindi controllate molto bene le condizioni prima di prenotare.
    Alta, media, bassa stagione
    . Il prezzo e la disponibilità varia tanto anche a seconda del periodo dell’anno in cui andate. Se pensate di andare in alta/media stagione, il mio suggerimento è quello di prenotare il prima possibile (se potete) per risparmiare, perchè i prezzi raggiungono molto velocemnte il picco massimo possibile. Ricordate poi che le strutture più piccole osservano un periodo di chiusura da novembre a marzo spesso. Spesso in quelle che restano aperte trovate buone offerte e sconti allettanti. Vi ricordo che ogni isola, ogni città, ogni luogo che vi interessa, ha la sua pagina ufficiale ed i suoi motori di ricerca dai quali si può sempre partire per iniziare a cercare accomodamenti e poi ampliare le proprie ricerche. Come ad esempio per le Isole Orcadi, questo è il sito ufficiale e il link accomodamenti.
    Sarebbe stato impossibile citare tutti i siti per fare ricerca, sono davvero tantissimi, ma mi auguro che questa panoramica possa essere abbastanza ricca e varia, da permettervi di farvi una prima idea e poter iniziare la vostra ricerca perfetta.
    Per saperne di più “Scozia on the Road – Scotland, Alba gu bràth” oppure “Scozia on the road – 50 sfumature di viaggio” o https://50sfumaturediviaggio.com
  14. Alessandra Carini
    , 22/11/2017 18:06
    Scozia: cosa vedere in 7 giorni
    - Itinerario con partenza ed arrivo da Edimburgo -
    7 giorni, non sono molti, ma sono un buon
    punto di partenza per iniziare ad esplorare questa terra,
    incredibilmente magica e farne un assaggio, che certamente vi farà
    venire voglia di tornare ancora.


    La Scozia sembra piccola, ma non lo è
    affatto, soprattutto vi accorgerete che c’è tantissimo da vedere,
    gustare e toccare. Partiamo allora per assaporare una della 50 sfumature
    di Scozia on the road!


    L’itinerario che vi propongo ora, è uno
    dei classici, che solitamente viene suggerito quando si va per la prima
    volta in terra Scozzese. Sono circa 820 Km, per un totale di 12 ore di
    auto (traffico e soste intermedie non considerate). L’itinerario si
    snoda in questo modo:


    Edimburgo


    Inverness (con tappe intermedie)


    Loch Ness


    Eilean Donan castle


    Fort William


    Loch Lomond & The Trossachs National Park


    Edimburgo

    GIORNI 1 e 2

    Dedichiamo i primi 2 giorni alla visita di Edimburgo, tra i luoghi di Harry Potter, Il castello, la Old e New Town e quanto altro questa città ha da offrire. Cliccate pure qui, per vedere le attrattive disponibili! Volete saperne di più su cosa visitare in città e per di più gratis? Vi aspetto allora su https://50sfumaturediviaggio.com

    GIORNO 3

    Partenza per Inverness,
    considerata la capitale alle porte delle Highlands. Vi aspetta un
    viaggio di 350 Km, lungo il quale vi suggerisco 3 possibili soste
    intermedie (o un mix delle stesse):
    - la prima opzione è una visita a Perth e allo Scone Palace
    (dove potrete ammirare la riproduzione della Stone of Scone, con il
    magnifico palazzo gestito da Historical Houses, i giardini incredibili e
    le sue storie di cavalieri)
    -
    la seconda opzione è una sosta al Blair Athollcon visita alla città e al castello, per un’anteprima di quello che vi aspetta, guardate qui
    -
    la terza alternativa è una visita al Cairngorms National Park
    La fine di questo 3 giorno, prevede l’arrivo ad Inverness e magari, se
    non è troppo tardi o non siete troppo stanchi, una piccola visita alla
    città, godendo anche di una passeggiata lungo il fiume.

    GIORNO 4
    Direzione Loch Ness, passando per la
    strada meno battuta e meno trafficata lungo la A862. Non è una zona
    turistica, le strade sono piccole ma, offrono delle bellissime viste sul
    Loch. Seguendo in lago, arriverete all’ Urquhart Castle, uno dei più grandi di Scozia. Concedetevi qualche ora per visitarlo.


    Per una sosta pranzo, vi consiglio Fiddler’s dove troverete ottimo Haggis ed una vastissima scelta di birre.

    Se non avete bisogno di fare una sosta, visto il castello sul lago di
    Loch Ness, partite alla volta di Kyle of Lochalsh, dove vi aspetterà uno
    dei castelli più fotografati della Scozia, l’Eilean Donan Castle(se siete curiosi di sapere di più sulla Scozia nei film, ecco qui).
    Potete fermarvi qui per la notte, oppure scelgiere un paese intermedio
    tra questa tappa e quella del giorno 5, a voi la scelta! Il bello dei
    viaggi che si fanno volando e guidando (fly & drive) è proprio
    questa assoluta libertà che si ha, nel fare ciò che più ci piace!

    GIORNO 5

    Direzione Fort William, passando per la panoramica ed imperdibile Road to the isles (che va appunto da Fort William a Mallaig).

    Da fort William potrete prendere anche il Jacobite Steam Train


    Se amate i ponti ed i vecchi treni oppure siete fan di Harry Potter, consiglio anche una sosta a Glenfinnan. Viste mozzafiato vi aspettano!

    GIORNO 6

    Direzione Loch Lomond e le sue meravigliose viste ed il Queen Elisabeth Forest park

    Visto il lago, potrete iniziare a scendere e pensare di fermarvi:


    - a Stirling dove avrete davvero molto da vedere come Il Wallace Monumet, il castello ecc
    - oppure a Falkirk con visita ai Kelpies.

    GIORNO 7
    Ritorno ad Edimburgo e pronti per tornare
    a casa. A seconda di quando avrete il volo, potrete dedicare ancora un
    po’ di ore alla visita della città.


    In questo itinerario non ho volutamente inserito l’Isola di Skye,
    perché necessita almeno di 2 giorni per essere visitata. Se vorrete
    inserire Skye, vanno eliminate 2 tappe intermedie oppure se avete già
    visitato Edimburgo, potrete pensare di utilizzare quei 2 giorni per
    vedere Skye.


    Arrivare a Skye, se poi non si ha tempo
    di visitarla, vi porterà via solo molto tempo, togliendovi la
    possibilità di visitare altri luoghi. Se invece avete altri 3 o 4 giorni
    da aggiungere al vostro itinerario, ecco qui cosa vedere a Skye !


    Purtroppo ad un certo punto occorre fare una scelta, anche se ci piacerebbe poter vedere tutto.


    Questo è solo uno dei mille itinerari
    diversi che si possono percorrere e resta un suggerimento per iniziare
    il vostro viaggio, andando alla ricerca di ciò che più vi piace. Uno
    spunto per costruire il tragitto più giusto per voi.


    Per ulteriori informazioni, suggerimenti e curiosità, se volete
    potete seguirmi anche su facebook, pagina e gruppo Scozia on the road oppure sul mio blog https://50sfumaturediviaggio.com
  15. Alessandra Carini
    , 17/11/2017 15:25
    Scozia ed i suoi fastidiosi Midges

    Sta arrivando l’estate in Scozia e tutti i suoi visitatori devono conoscere i Midges dei quali
    non si parla molto e dei quali poche volte si viene informati. Io stessa non ne avevo mai sentito parlare e nessuno dei miei amici che è partito per la Scozia con agenzie turistiche del posto, è stato informato in merito!
    Il nome Midges viene dal gaelico scozzese “Meanbh-chuileag” e sono piccoli insetti che sono presenti in varie parti del globo. Tuttavia, la particolare specie che si trova in Scozia è nota come l’Highland Midge o “Culicoides Impunctatus” e sono più feroci e aggressivi delle altre speci. Vederne uno singolo ad occhio nudo è praticamente impossibile perchè sono piccolissimi. Ma quando verrete attaccati da uno sciame ve ne accorgerete eccome!

    I midges si trovano per lo più a Nord e ad Ovest della Scozia, meno nel Sud o nei territori ad
    Est. Particolarmente presenti in maniera massiccia nelle zone che hanno terra bagnata ed incolta, e come potete bene immaginare, se ne trova molta in Scozia!

    È la femmina dei Midge che morde, infatti essa può depositare le sue uova solo dopo che ha
    succhiato un pò del nostro sangue!! Eh si è proprio così !! I midges cominciano a diventare un problema a partire dal mese di giugno, acluni dicono già dalla primavera e di solito durano fino ad agosto quando la loro presenza inizia a diminuire rapidamente, prima che scompaiono del
    tutto con l’arrivo del primo gelo d’autunno. Il numero di midges varia notevolmente da anno in anno, a seconda di come è stato l’inverno precedente, della quantità di pioggia primaverile caduta e delle
    temperature.
    Trovate anche questo interessante libro in vendita su amazon e dalla copertina già si capisce tutto!!

    Il fenomeno dei Midges non è recente, infatti si hanno notizie che già nel 1872 anche la regina
    Vittoria fu costretta ad abbandonare un pic-nic sulle Highland dopo aver protestato per essere stata “semi-divorata” da queste bestioline!


    Per poter evitare i midges, bisogna conoscere le loro abitudini e gli ambienti che prediligono. I Midges amano la luce indiretta e fredda sia dell’alba che del crepuscolo e non amano la luce solare diretta, essi muoiono da soli se le temperature sono troppo alte. Prediligono luoghi umidi e non secchi; brezze leggere e aria pulita. I midges quindi si trovano più facilmente la mattina molto presto e nelle ore del tramonto; è più difficile imbattersi in loro nei posti in collina più esposti ai venti forti piuttosto che nelle valli protette, dove invece sono presenti in maniera più massiccia. Ne possiamo trovare molti nei boschi e nelle aree forestali. Sembra che mordano di più chi indossi un abbigliamento scuro
    piuttosto che colorato sotto la luce.

    Ogni turista che si appresta a visitare la Scozia nei mesi in cui sono presenti i Midges,
    deve munirsi di un insetticida o repellente. Ce ne sono molti e di marchi differenti in commercio, tra i più diffusi ci sono quelli che contengono la sostanza chimica DEET oppure DMP. Basta controllare
    l’etichetta dell’insetticida e verificare che sia presente uno di questi due componenti. Un nuovo repellete che è stato messo sul mercato si chiama proprio “Smidge”, che contiene come sostanza il Saltidin, che pare sia molto efficace.

    Per chi non volesse utilizzare agenti chimici sulla pelle ci sono altre alternative disponibili che sono l’utilizzo di olio di citronella e di eucalipto.

    In alcuni posti come la Highlands e le Isole, spesso infestati da questi animali pestiferi, troverete in vendita cappe di retina che potrete mettere sul capo, per proteggervi ulteriormente. Questo perchè attaccano prevalentemente il viso e la faccia.

    Il morso di questi moscerini è descritto, da chi ha avuto questa sfortunata esperienza, proprio come un taglio e spesso, subito dopo si ha prurito e si formano dei gonfiori irritanti che di solito scompaiono dopo poche ore, ma che a volte possono durare persino per alcuni giorni. Secondo alcune ricerche, uno sciame può infliggere circa 3.000 punture in un’ora, mentre 40.000 midges possono attaccarsi su un braccio non protetto nello stesso lasso di tempo.

    Alcuni, che scrivono su questi insetti, sostengono che il fenomeno dei Midges vada visto in prospettiva. Da secoli fanno parte della vita negli altopiani e se il clima cambiasse e loro scomparissero, significherebbe che quei luoghi non sarebbero più gli stessi! Forse le Highlands sono rimaste così incontaminate, anche per la presenza di questi insetti! Sembra che la presenza dei midges sia utile anche per controllare il ruolo e l’impatto dell’uomo sull’ambiente scozzese. Senza di essi la Scozia
    sarebbe un posto diverso !

    Vi lascio qui un link molto interessante nel quale potrete vedere e leggere tanto su questi animaletti non troppo simpatici. Andando sui vari siti troverete anche della mappe stagionali e riferite all’anno in corso, che evidenziano le zone di allerta con più midges che di solito si chiamano “Midges
    Forecast”.
    Quindi cari viaggiatori, siate informati e partite preparati, così questi fastidiosi animali non sarenno in grado di disturbare la vostra vacanza scozzese!

    volete saperne di più? vi aspetto su https://50sfumaturediviaggio.com oppure sulla mia pagina facebook
  16. Alessandra Carini
    , 17/11/2017 15:22
    Scozia: 6 motivi per innamorarsene

    La Scozia è una Nazione unica, per me che
    me ne sono innamorata al primo sguardo. Atterata in terra straniera per
    la prima volta nel 2008, non ho mai più dimenticato l’emozione
    fortissima che ho provato e la sensazione di essere finalmente ritornata
    a casa.


    Ci sono mille motivi per cui la amo e per
    cui non posso fare a meno di tornare a visitarla, ogni volta che mi è
    possibile. Ci sono tanti luoghi meravigliosi nel mondo che ho visitato e
    altri che spero di visitare, ma quando la Scozia chiama, non posso fare
    a meno di rispondere e di tornare da lei.


    I CASTELLI
    Se siete amanti di questo genere di
    attrazioni non vorrete mai più lasciare questa terra. Castelli in ogni
    dove, privati, diroccati, bombardati, a picco sul mare, immersi in
    parchi enormi, visitabili e non.


    Insomma ce ne davvero per ogni gusto!
    Potrete anche acquistare una mappa, nella quale li troverete disolacti
    tutti. Fa una certa impressione e non basterebbe un anno intero per
    poterne vedere anche solo una piccola parte!


    Eccone alcuni, per iniziare ad assapore ciò che vi aspetta

    I LOCH
    Scintillanti e meravigliosi, solitari e
    melanconici, ricchi di storia e mistero. Loch nei quali il cielo si
    specchia e sembra caderci dentro! Così limpidi e splendenti che ci trovi
    dentro le nuvole! Come molti di voi sapranno, è per questo che si parla
    di Sky fall.


    Potrei restare ore ed ore ad ammirarli
    seduta su una panchina, sognando e dimenticandomi del tempo che passa e
    dei problemi della vita

    I PANORAMI

    Meravigliosi e selvaggi, costieri di
    campagna o cittadini. Ogni persona troverà il suo luogo del cuore e non
    lo potrà mai più dimenticare. In viaggio on the road e anche dentro le
    vostre emozioni!

    LE CITTA' ED I VILLAGGI

    Dalla capitale Edimburgo, fino ai piccoli
    paesini dell’East Neuk, piccoli villaggi di pescatori e paesini delle
    Highlands. Potrete perdervi alla ricerca del tipo di cittadina che fa
    più al coso vostro e certamente, non ne resterete delusi.

    LA CULTURA ED I SIMBOLI

    Infine, tutto ciò che rende la Scozia così … scozzese!


    In nessun altro luogo del
    mondo troverete uomini in kilt, adorabili Highland cows, whisky
    eccezionale e tutti i simboli che rendono questo mondo unico ed
    irripetibile!


    Per non parlare del popolo scozzese, accogliente ed orgoglioso ed ovviamente del clima