1. DELIRIO COLLETTIVO

    di , il 12/4/2002 00:00

    Son traumatizzata dalla sindrome da delirio collettivo che sta dilaganda sulla questione mediorientale.Trovo allucinanti i cortei mascherati che inneggiano al terrorismo e a nulla giovano su questioni tanto serie e complicate e trovo patetica la sig. Ra Fallaci che mette da parte la sua intelligenza tirare fuori dall'armadio fantasmi del passato su un antisemitismo mai sepolto, ma che appartiene solo a un branco di dementi che profanano tombe e monumenti di vittime innocenti con scritte infamanti e stupide.

    Poi veramente questa di Gesù che era un ebreo grazie al quale adesso la gente 'mangia' se la poteva proprio risparmiare!Da una donna che ha vissuto le tragedie della guerra mi aspetterei una saggezza superiore e non tanta banalità!

  2. De Giò
    , 21/4/2002 00:00
    Caro Gere
    il tutto rientra nella cosidetta pax americana. Purtroppo negli USA le lobbyes economiche condizionano tutto, inoltre gli americani, tanto attenti alla salvaguardia dei principii democratici in casa loro, chiudono gli occhi e turano il naso, per tutto ciò che avviene all'estero. Questo spiega l'avallo a dittature sudamericane, altrimenti inpresentabili e la tolleranza con Israele, esasperata con Bush e la sua politica estera. Paradossalmente Clinton, "incastrato" più volte per le sue avventure galanti, è stato molto attento affinchè Israele non si abbandonasse a quello che sta facendo adesso, sotto la presidenza di Bush.
    In ogni caso bisogna dare atto agli USA che hanno sacrificato la vita di centinaia di migliaia di giovani americani per lottare contro le dittature nazifasciste, e questo è un dato di fatto inconfutabile.
    In sostanza si alle critiche ma senza scordare quello che gli americani hanno fatto di buono per la democrazia.
    Giò
  3. Fabio Lessi 1
    , 18/4/2002 00:00
    Ma il kuwait aveva il petrolio, la palestina no, inoltreil kuwait era minacciato da saddam, la palestina da Isarele, uno stato amicisssimo degli USA.Certo è bello vedere come casi simili si interpretano in maniere opposte.
  4. De Giò
    , 17/4/2002 00:00
    Il razzismo e il genocidio sono degli abominevoli frutti della mente umana. Non esiste popolo o razza del pianeta che non abbia assaporato sulla propria pelle l'onta del razzismo. Ebrei, italiani, irlandesi, nordamericani, cinesi, tedeschi, arabi, turchi, ecc. tutti sono stati vittime del razzismo. Nella vicenda palestinese il razzismo non c'entra niente! siamo di fronte ad una vicenda di pura violenza e negazione di ogni principio di giustizia. Gli ebrei, dopo ogni guerra che si è succeduta dal 1946 a tutt'oggi, hanno "incamerato" territori che erano degli arabi, con tutti gli annessi e connessi, ossia con gli stessi abitanti arabi, che di punto in bianco, sono diventati reclusi in casa loro.
    Gli U.S.A. , tanto pronti a menar cazzotti per ridare la libertà al Kuweit, non hanno fatto nulla per ridare la libertà al popolo palestinese, e questo è veramente scandaloso!.
    Giò
  5. Miky Radi
    , 14/4/2002 00:00
    Eccomi, sono ancora qui. Fa piacere sentire che ci sono ancora persone dotate di buon senso e che non valutano le questioni con atteggiamento superficiale. Se qualcuno di voi ne ha voglia ed è a conoscenza delle ragioni storiche dello scontro israelo-palestinese mi farebbe una cosa gradita se le volesse riassumere brevemente.Ammetto io stessa di non conoscerle approfonditamente. Lancio un sassolino: il risarcimento morale per una tragedia terribile quale l'olocausto può essere una ragione per la quale la comunità internazionale stenta a muoversi per fermare questa crisi? e in termini di vite palestinesi bisogna attendere che si arrivi a un pareggio prima di fermare Israele? scusatemi, ma sono amareggiata.
  6. lorecoll
    , 14/4/2002 00:00
    Mah, io sono per natura pacifica ed accomodante e non
    riesco a giustificare la violenza sotto qualsivoglia forma,
    però per capire un minimo i palestinesi mi basta immaginare
    che mi si pari dinnanzi un tizio presunto discendente degli
    Etruschi che illo tempore vivevano in zona e mi sloggi con
    la forza da casa mia, altro che bazooka ... e voi, che fareste?
    Per quel che riguarda le esternazioni della Fallaci, se è
    riuscita a far incazzare anche un giornalista solitamente
    posato e ragionevole come Tiziano Terzani, vuol dire che
    forse ha davvero qualcosa che non va...
  7. Fabio Lessi 1
    , 13/4/2002 00:00
    L'altra sera a sciuscià c'era tra gli altri anche una ragazzina di 15 anni che ha scritto un libro, penso leggerò il suo piuttosto che ascoltare la Fallaci, che ormai in pieno delirio di onnipotenza pensa di poter gettare merda su tutti senza nemmeno giustificare le sue accuse.Complimenti alla signora Oriana Fallaci, con le ultime due uscite indegne perfino di essere chiacchere da bar di beoni è passata da esere un'intelletuale ben considerata da tutti a un sempliciotta un po' teppista e intollerante, tanto da far passare una ragazzina di 15anni per una vera intelletuale.
  8. De Giò
    , 13/4/2002 00:00
    Ma possibile che non si riesca a comprendere che esiste una soluzione per il problema Palestinese?
    CHE ISRAELE ABBANDONI IMMEDIATAMENTE TUTTI I TERRITORI STRAPPATI AGLI ARABI CON LE VARIE GUERRE E FACCIA RIENTRARE IL SUO MEGAGALATTICOSUPERPOTENTESPAZIALE ESERCITO DEL CAVOLO, NEI CONFINI STABILITI DALLA RISOLUZIONE ONU DEL 1946.
    Tutto il resto è retorica stupida, partigiana e disinformante.
    Giò
  9. Stefania Guastella 1
    , 13/4/2002 00:00
    Sono perfettamente daccordo con te e le mie opinioni le avevo in parte esposte nel forum sull'antisemitismo. Non approvo questi atteggiamenti di tifo per una o per l'altra fazione come se si trattasse di una partita di calcio, non trovo giuste le manifestazioni pacifiste fatte pro uno dei due schieramenti, sembra più un atteggiamento da guerrafondai che da operatori di pace. Se posso comprendere la follia che dilaga tra israeliani e palestinesi perchè circondati dalla morte, dalla paura, da sentimenti di vendetta e dalla disperazione non riesco a capire gli altri uomini che nel mondo guardano da un punto di ossrvazione privilegiato e invece di moderare i toni e di tentare di ristabilire la calma inneggiano all'odio e alla vendetta. Per quanto riguarda la Fallaci è da un pò che ha dimostrato di avere perso il lume della ragione, se mai l'ha posseduto.
  10. Licia Siciliano
    , 13/4/2002 00:00
    Anche io sono veramente demoralizzata...non ne vedo via d'uscita finchè c'è questa chiusura ad dialogo e finchè si estremizzano così esasperatamente le posizioni.
    Provare pietà per un popolo oppresso non significa essere razzisti verso gli altri, io trovo vergognoso l'articolo della Fallaci perchè ha tratto conclusioni ridicole interpretando in modo assolutamente parziale i fatti.
    Sinceramente mi sento schierata dalla parte di quelli che provano pena per i palestinesi, perchè per ora gli oppressi sono loro. Ma non per questo mi si può includere tra i filo-terroristi (ma esistono davvero persone che inneggiano al terrorismo?Anche questo è terribile!)
  11. Miky Radi
    , 12/4/2002 00:00
    Son traumatizzata dalla sindrome da delirio collettivo che sta dilaganda sulla questione mediorientale.Trovo allucinanti i cortei mascherati che inneggiano al terrorismo e a nulla giovano su questioni tanto serie e complicate e trovo patetica la sig. Ra Fallaci che mette da parte la sua intelligenza tirare fuori dall'armadio fantasmi del passato su un antisemitismo mai sepolto, ma che appartiene solo a un branco di dementi che profanano tombe e monumenti di vittime innocenti con scritte infamanti e stupide.
    Poi veramente questa di Gesù che era un ebreo grazie al quale adesso la gente 'mangia' se la poteva proprio risparmiare!Da una donna che ha vissuto le tragedie della guerra mi aspetterei una saggezza superiore e non tanta banalità!