1. I corpi plastificati di Von Hagens: è arte?

    di , il 25/3/2002 00:00

    L'Inghilterra è il quinto paese che ospita la mostra "Body worlds", corpi umani senza pelle e sezionati, conservati attraverso un particolare processo di "plastificazione".

    L'artista, anzi, "l'artista" è Gunter Von Hagens, medico anatomo-patologo che ha inventato una tecnica tale per cui corpi veri, con vene, ossa, muscoli e organi in bella vista, vengono plastificati e rimessi in pose uguali alla realtà.

    La mostra ha sollevato molte critiche ma ha attirato milioni di spettattori. Cosa ne pensate? Anche questa è arte?

    Pepa

  2. PepaC.
    , 12/4/2002 00:00
    Eccolaaaaaaaaaaaa!
    ciao cara, sono qui e non sono ancora "plasticata" !

    Ciaaaaaaaaaaaaaao Meg

    Pepa




    PS
    Oggi se vuoi mi trovi sul forum della fallaci e su quello di Daniela (non mi ricordo come si chiama: qualcosa tipo "c'era anche qui")
  3. PepaC.
    , 12/4/2002 00:00
    Eccolaaaaaaaaaaaa!
    ciao cara, sono qui e non sono ancora "plasticata" !

    Ciaaaaaaaaaaaaaao Meg

    Pepa




    PS
    Oggi se vuoi mi trovi sul forum della fallaci e su quello di Daniela (non mi ricordo come si chiama: qualcosa tipo "c'era anche qui")
  4. Megane P. 1
    , 12/4/2002 00:00
    Pssss....ma esisti ancora?
    Ciao Pepa
    Meg
  5. Rambutan N
    , 5/4/2002 00:00
    Si !
    Secondo me Van Hagens doveva applicare il famoso detto "Prendi l'arte e mettila da parte". Cioè, nel senso che proprio doveva metterla da parte e tenerla ben nascosta !
    Se quella è arte, anche la torta di mele che preparano alla mensa aziendale lo è, dopo tutto anche lì i cuochi ci mettono del loro !
  6. lorecoll
    , 4/4/2002 00:00
    Beh, non ci dimentichiamo che in Italia c'è da almeno
    un secolo un museo che ricorda molto da vicino la mostra
    dei corpi plastinati: è quello della Specola, in Liguria, dove
    valenti artigiani realizzarono con una miscela segreta di cere
    e resine corpi e pezzi di corpi umani incredibilmente simili
    ai veri, o perlomeno è questa l'impressione che fanno.
    Quanto poi a uperiore dignità dell'Italia, non scordiamoci le
    cripte dei cappuccini a Palermo, le mummie di Ferentillo o le
    carrettate d'ossa che ornano la chiesetta all'inizio di Via Veneto
    ... Giò, non ce lìho con te, anzi, riconosco la massima dignità
    a cadaveri & dintorni, a Bruxelles mi si è accapponata la pelle
    quando ho letto che la gente plasticata aveva volutamente
    donato il corpo alla scinza, anzi, che facevano parte proprio di un
    associazione pro-plastinazione: roba da matti, scegliere volonta-
    riamente di finire un vetrina come un foglio d'erbario, con tutte le
    trippe di fuori! Insomma, non prendiamocela troppo, il macabro
    fa parte della vita al pari della morte, "show must go on" e speriamo di
    finire belli fondi sotto terra quando sarà il nostro turno!
  7. De Giò
    , 3/4/2002 00:00
    Non vorrei sbagliare, ma credo che per fortuna in Italia sia proibito utilizzare dei reperti umani, per simili coglionate. Perchè coglionate? perchè il corpo umano, alla pari delle anime che ha contenuto, ha una sua dignità che non può essere vilipesa. Anche la letteratuta ha da sempre nobilitato i resti umani; si parla infatti di "cadaveri" e non di "carogne", oppure "salme", ecc.
    Per me questa non è arte, nè Pop Art nè Cazz Art...è solo un'arte del Cazz.
    In ogni caso, niente di più facile che il caro artista non adorni, alla sua dipartita, qualche parco pubblico con le sue coratelle!!
    Giò
  8. Barbara La mantia 1
    , 2/4/2002 00:00
    Pepina..non ho mai visto questa forma di arte..però se cerco di immaginarla mi fa un pò impressione.La trovo una cosa un tantino macabra...
    Barbara
  9. Gavino Perre
    , 30/3/2002 00:00
    Ma a chi é venuto in mente un tema del genere?
  10. Annie
    , 29/3/2002 00:00
    ciao, io non avevo sentito dire sta roba per niente. ho letto un po' cosa avete detto. se mi posso permettere...ARTEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE??????? gusto dell'orrrore, no schifo, direi. anzi un terribile senso di non rispetto della persona. dopo cavolo ci si stupisce se i fatti di cronaca vedono la gente morbosa....ma ki gliela fa fare la mostra a questo?????? scusate la critica pesante...ma m'è scappata....
  11. Fabrix Antonelli
    , 29/3/2002 00:00
    Allora ci andiamo o non ci andiamo. Madonna quanto siete lunghi a organizzare. Sempre a rompere io sono stato qua, io la, io ho viaggiato, poi quando c'è da fare non se fa mai niente.

    Io sono dei gemelli, ascendente Forum dei plasticati.
  12. PepaC.
    , 29/3/2002 00:00
    Per lore
    Oooh, finalmente qualcuno che l'ha vista dal vivo, la mostra!
    Leggendo quello che hai scritto mi trovi assolutamente d'accordo:...brrrrr mi sembra quasi di essere lì .

    Ps:non ci credo granchè ma anch'io sono Scorpione. E sono nata il giorno di Halloween....


    ciaaaaaao
    Pepa
  13. lorecoll
    , 29/3/2002 00:00
    Ho visto la mostra a Bruxelles lo scorso febbraio, lì si
    chiamava "Kopperwelten" o giù di lì - a quanto sembra
    forse sono l'unica finora ad averla vista davvero e prima
    dell'apertura del forum... Se volete proverò a scrivere un
    resoconto (stile "turista macabro per caso"), per ora mi
    limito ad una rapida carrellata. La mostra è davvero
    particolare, macabra, tosta ed originale oltre ongi dire:
    con l'uso di almeno tre tecniche diverse (note nel loro
    insieme come "plastinazione") è stato conservato di tutto,
    dalle vene delle gambe di un bambino di un anno a molti
    copri interi o sezionati per tutti i verso, organi con tumori,
    feti, ecc. Al di là degli aspetti puramente anatomici ho notato
    che in molit "specimen" c'erano intenti artisitici - es "La Naiade"
    era una donna appesa, messa in posizione di nuoto, sezionata
    in due e sistemata in un angolino corredato di cascatelle d'acqua
    e piante verde. Era arte tutta la mostra? Non lo so, forse si, ma
    con qualcosa di veramente malato dietro: altro che mummie della
    cripta dei cappuccini di Palermo! Alcuni pezzi si possono toccare
    e sembra di stare a tastare della carne di cavallo secca o della juta.
    Toccantissimi i bambini o le donne in vari stadi di gravidanza, con le
    pance aperte come portafogli, veramente mi si è stretto il cuore.
    Per finire: a me la mostra è piaciuta, anche perchè sono di gusti
    macabri e bizzarri (sono una Scorpione nata il giorno dei morti, famo
    a capisse) però è davvero sconvolgente, ed ancor più sconvolgente è
    stato per me vedere le tante scolaresche belghe che scorrevano le teche
    nel massimo disinteresse, mangiando una pizza e sbriciolando pure
    sopra i vetri... Nel libro alla fine della mostra ho scritto che era bellisima
    e che ero molto contenta di aver smesso di fumare da tempo (c'erano
    una marea di polmoni, ben rosei quelli dei non fumatori e catramosi
    quelli dopo la cura). Forse è arte? Ed il K-tree, l'albero di metallo interattivo
    che a Bruxellese è stato esposto epr sei mesi davanti al Consiglio d'Europa
    durante la Presidenza svedese, composto di metallo e resina e che i passanti,
    schiacciando un pulsante, potevano far cantare, lo era o no?
  14. Francesca Montanelli
    , 29/3/2002 00:00
    Ciao Pepa!
    è bello sai leggere che tra di noi ci siano idee diverse riguardo a questo argomento.
    Non so come sarebbe stata la reazione dell'opinione pubblica se questa "idea" fosse venuta a un artista.. potrebbe aver sconvolto di più... non so.. sai, si dice che l'arte turba e la scienza rassicura... ma quando sono insieme.. he! le reazioni sono quelle che sono..
    Speriamo che questa mostra arrivi anche in Italia... andrei sicuramente a vederla!

    P.S.
    Colgo l'occasione per farvi gli auguri di Buona Pasqua, sperando che non ci sia nessun attentato...

    Baci
    Francesca
  15. PepaC.
    , 29/3/2002 00:00
    Ciao a tutti e ciao Franci.

    Credo sia tutto molto soggettivo. Quindi come giustamente dici tu non penso che esista una regola per definirla o meno ARTE.
    Per me arte è la capacità di manifestare la propria interiorità attingendo dal reale o dalla fantasia. Questa definizione che ho dato è senza dubbio incompleta e inesatta ma è quello che l'arte significa per me. Mi deve trasmettere qualcosa della persona che l'ha fatto: positiva o negativa che sia, voglio leggere in un' opera artistica un' interpretazione, una lettura.
    Ora queste "cose" di Von Hagen mi sembrano più un esercizio "scientifico" che artistico. Un esperimento da "addetto ai lavori" più che un'opera.
    E quel che trovo veramente macabro è l'uso del corpo umano: solo un medico, quindi uno "scienziato dell'uomo", avrebbe potuto concepire l'utilizzo di una simile "materia".
    E mi domando: se uno scultore, un pittore un artista avesse avuto quest'idea, come sarebbe stata letta dall'opinione pubblica? Da tutti noi?

    Pepa


    Ps:
    - comunque andrei sicuramente a vederlo
    - per Kocis: informati sui voli......
  16. Salvatore Sirico
    , 29/3/2002 00:00
    Organizziamo un charter? :D