1. Romagna

    di , il 23/1/2015 16:34

    La Guida per Caso della Romagna è Marcello (marviu) :)

  2. marviu
    , 22/7/2016 12:03
    Un po' di eventi da non perdere che trovate in giro per la Romagna in questo periodo:

    CALICI DI STELLE: a Santarcangelo di Romagna il 9 e 10 agosto due serate in cui degustare i vini delle migliori aziende vinicole del territorio immersi nella magica atmosfera santarcangiolese

    PALIO DEL DAINO a Mondaino dal 18 al 21 agosto coinvolgente rievocazione storica per rivivere le suggestioni del Medioevo attraverso arti e mestieri e la sfida tra le contrade del borgo. Colorate bancarelle si snodano lungo le strette vie del paese. Uno dei momenti più suggestivi è lo spettacolo di falconeria che si tiene nella semicircolare ottocentesca Piazza Maggiore (www.mondainoeventi.it)


    VERUCCHIO MUSIC FESTIVAL a Verucchio fino al 4 agosto importante festival curato da Ludovico Einaudi che chiuderà con il suo concerto due settimane di eventi musicali da non perdere ( http://www.verucchiofestival.it )
  3. marviu
    , 22/7/2016 12:02
    Scusa Marialuisa ma mi era sfuggito il
    tuo post, comunque non avrei saputo aiutarti..
  4. Marialuisa Milu P
    , 18/3/2016 07:54
    so di essere fuori tema.... ma qualcuno conosce qualche fioraiio /fiorista zona Ferrara/Bologna
  5. davovad
    , 20/10/2015 16:52
    Dall'Emilia alla Romagna il passo è breve.
  6. Marialuisa Milu P
    , 20/10/2015 15:15
    Davodad.... ;P io ti aspetto sempre a Ferrara...

    mi scusi la guida di Romagna...
  7. marviu
    , 19/10/2015 18:01
    I BORGHI DELLA ROMAGNA
    Per chiunque fosse interessato a spendere qualche giorno nell’entroterra romagnolo pubblico qui di seguito una lista dei miei dieci borghi preferiti. Buona lettura e buon viaggio!

    Verucchio:suggestivo borgo in provincia di Rimini affacciato sulla Valmarecchia. La rocca maestosa domina il paese: al suo interno è possibile osservare reliquie appartenute ai Malatesta e una piccola sala delle torture. Il museo civico archeologico espone una ricca selezione di corredi funerari rinvenuti nelle necropoli adiacenti a Verucchio risalenti all’età del ferro e riferibili alla civiltà villanoviana, documentazione unica di rilievo internazionale per la rarità dei reperti conservati. In estate a luglio si tiene un importante festival musicale curato da Einaudi. A poca distanza da Verucchio, non perdete il Convento Francescano che conserva al suo esterno il cipresso più antico d’Europa.

    Santarcangelo di Romagna: molto amata dai riminesi, presenta una parte moderna fatta di bei negozi e ampie vie pedonali e una parte alta storica caratterizzata da antiche dimore e scorci suggestivi. Salite fino alla Torre del Campanone e concedetevi delle tappe intermedie nell’originale museo del bottone e in quello dedicato a Tonino Guerra. Da non perdere la visita alle grotte tufacee utilizzate nell’antichità come luoghi di culto pagano e poi adoperate come cantine e rifugi durante la guerra. Dopo una giornata in giro fermatevi a gustare l’ottima piada dell’osteria La Sangiovesa.

    Montefiore Conca: attrazione principale di questo grazioso borgo è l’imponente rocca malatestiana. Da non perdere la passeggiata intorno alle mura, accessibile a fianco all’edificio di Porta Nova. Degno di nota il Santuario della Madonna di Bonora, meta di numerosi pellegrinaggi (oggetto di devozione è un’immagine della Madonna che allatta Gesù).

    Mondaino: piccolo centro abitato dalla particolare forma allungata, ebbe ruolo di grande importanza nel dominio della Signoria dei Malatesta. Da segnalare il Palio del Daino che si tiene nella seconda metà d’agosto (in genere il primo weekend dopo ferragosto), rievocazione storica per rivivere le suggestioni del periodo medievale attraverso arti e mestieri e la sfida tra le contrade del borgo.

    Montegridolfo: a breve distanza da Mondaino si trova uno fra i paesi fortificati meglio conservati della Romagna. Dopo aver ammirato la bella porta d’accesso consiglio di perdervi tra le viuzze del borgo per godere dei bei paesaggi sull’intera costa romagnola. Interessante una visita al Museo della Linea dei Goti che contiene reperti, riviste e manifesti legati al passaggio del fronte sulla Linea Gotica
    (i giorni feriali solo su prenotazione). Se decidete di dormire in questo piccolo borgo l’elegante Palazzo Viviani fa al caso vostro.

    San Leo:è facile immaginare l’inespugnabilità del forte di questo borgo arrivando dall’unica strada tagliata nella roccia. San Leo sorge su un enorme masso roccioso della Valmarecchia e conserva un notevole patrimonio storico architettonico (da non perdere la pieve preromanica e il Duomo romanico oltre al già citato forte in cui fu rinchiuso il Conte di Cagliostro). Vale la pena di arrivare fin quassù anche solo per il panorama mozzafiato che spazia dai monti circostanti fino al mare.

    Montebello di Torriana: frazione del comune di Poggio Torriana, è famoso per il castello che, secondo la leggenda, sarebbe abitato da un fantasma di nome Azzurrina la cui storia si tramanda tutt’oggi. Si narra che Guendalina Malatesta, figlia di Ugolinuccio Malatesta, scomparve misteriosamente nelle segrete della rocca mentre giocava: il corpo della bimba non fu mai trovato e la leggenda vuole che il fantasma della bambina sia ancora presente nel castello e che torni a farsi sentire ogni cinque anni, in concomitanza con il cadere del solstizio d'estate, attraverso risate di bimba e il rumore di una palla che rimbalza. (http://www.castellodimontebello.com/index.php?leggenda) Fermatevi per pranzo da Pacini e per dessert provate il famoso porcospino.

    Longiano: arroccato su un colle al confine tra Cesena e Rimini, questo borgo ha numerose belle chiese e interessanti musei da offrire. Da vedere l’ex Convento di San Girolamo (ospita un centro culturale con esposizioni di arte moderna e contemporanea) e il Santuario del Santissimo Crocifisso chiamato così perché al suo interno si trova un prezioso dipinto su tela applicato a legno del tredicesimo secolo. Inoltre consiglio una visita al museo della Ghisa (all’interno dell’ex chiesa di Santa Maria delle Lacrime) che espone oggetti di arredo urbano di fine ‘800 inizio ‘900. Concludete la giornata con uno spettacolo al suggestivo teatro Petrella.

    Brisighella: in provincia di Ravenna, alle pendici dell’appennino tosco-romagnolo sorge questo borgo la cui peculiarità è avere tre pinnacoli rocciosi che lo delimitano su cui sorgono la Rocca, il Santuario del Monticino e la Torre dell’Orologio (quest’ultima oggi è sede del Museo del Tempo). Il borgo medioevale mantiene quel fascino e suggestione di una volta. Le vie del centro sono caratterizzate da enoteche e negozi di prodotti tipici. Da non perdere l’originale Via del Borgo (l’antica via degli Asini), strada coperta sopraelevata con ampi archi a mezzaluna. Nelle vie del centro si tengono in estate le Feste Medioevali. A un chilometro da Brisighella si trova una delle pievi romaniche più importanti e meglio conservate della Romagna, la Pieve del Tho.

    Predappio: famoso per aver dato i natali a Benito Mussolini, oltre agli edifici di impronta fascista (la Casa del Fascio, l’ex Albergo Appennino e il Mercato dei Viveri), il paese offre un borgo medievale fortificato (nella Predappio Alta) dove si staglia la Rocca dei Calboli. Predappio è la città del Sangiovese e diverse sono le cantine dove degustare un ottimo vino robusto e strutturato. Da non perdere le favolose bruschette al metro del Caffè Anni 30.
  8. davovad
    , 23/1/2015 20:29
    sento la nostalgia del passato, ...
  9. Turisti Per Caso.it
    , 23/1/2015 16:34
    La Guida per Caso della Romagna è Marcello (marviu) :)