1. HELP per telefonare dalle Maldive

    di , il 25/3/2003 00:00

    Salve vacanzieri!

    Premesso che il mio forum è ahimè scomparso (chiedevo consigli su possibili vacanze in Aprile): poco male, nel frattempo abbiamo deciso: andiamo alle MALDIVE!!!

    Sarei felice di ricevere qualche info relativa a OMNITEL ricaricabile (per intenderci, il servizio *123*). Sul sito di Omnitel non si capisce se è possbile chiamare e ricevere dalle Maldive, al 190 ti dicono che è possbile (a 6 euro al minuto...sic!) ma solo se visualizzi in traffico in euro (mi vergogno a dirlo, ma io visualizzo nostalgicamente il traffico ancora in lire!..)

    Ne sapete qualcosa? E invece, quanto costa chiamare l'Italia direttamente dal villaggio?

    A proposito, vado a Maayafushi (atollo di Ari).

    Poi vi racconterò.

    Grazie anticipatamente per l'HELP.

    Iaia

  2. BEATRICE1973
    , 16/5/2003 00:00
    Carissimo, davvero carissimo!
    telefonare dalle Maldive costa una cifra! Ti consiglio, se l'isola fornisce il servizio, di scrivere e-mail (nel 1998 io spendevo 8 dollari a e-mail)

    ciao ciao
  3. Turista Anonimo
    , 7/4/2003 00:00
    Grazie mille Alessandra.
    Sei stata molto gentile.
    Iaia
  4. Alessandra Miliano
    , 6/4/2003 00:00
    Certo che si può chiamare dalle Maldive,si può anche ricevere senza problemi!
    Ricordati però che tu poi ricevere i messaggi scritti sul telefonino,ma non puoi inviarli!!!!
    Quindi se ci provi è inutile!
    Io alle Maldive ho sempre chiamato con il telefonino,perchè chiamare dall'albergo è meno conveniente!
    Sappi che 10 minuti circa di telefonata costa sulle 100 mila lire!più o meno!
    Il telefonino si usa solo in camera,perchè se si usa sulla spiaggia si rischia il linciaggio!!!!
    ciao e buon viaggio nel vero paradiso!!
    saluti anche alla coppia più simpatica del mondo!
  5. Turista Anonimo
    , 4/4/2003 00:00
    Sola communication informa: esce il nuovo modello di cellulare SBORONE 2003.
    jingle... di tutto di più a meno per l'uomo diviso e la donna che si moltiplica ( mi mancava un'operazione)
    Lo sborone 2003 è identico al coltellino svizzero ma più versatile, per venire incontro a tutte le esigenze.
    funzione internecional: visualizza il credito residuo in rubli ( per nostalgici) e nel modello base il credito finto sempre pieno
    funzione Alka seltzer o Indiana Jones: lo sborone 2003 emette una suoneria simile ad un rutto che stimola le digestioni più difficili.
    funzione Maldive: in assenza di tacche si autobrucia per creare l'effetto segnali di fumo
    multifunzione benessere: digitando il numero verde della Nivea, dal ricevitore esce la crema solare
    dall'auricolare invece un cotton fioc ( nel modello extra il cotton fioc è intercambiabile)
    nella versione "sex shop" resta più o meno uguale ma vibra che è un piacere, digitando xxx estrae una frusta in pelle valida anche per domare tigri.
  6. Turista Anonimo
    , 4/4/2003 00:00
    La redazione invita il signor Jones Indiana, autore del racconto di cui sotto, a passare quanto prima dagli uffici dell'emittende onde prendere visione di una proposta di contratto di colaborazione con la stessa.
    Grazie.
  7. Turista Anonimo
    , 4/4/2003 00:00
    Carissima,
    capisco la tua problematica , mi rendo conto: son cose grosse.
    Ricordo quella volta quando ero in Malawi alla ricerca del Sandalo perduto: se non fosse stato per il mio cellulare trial band con rifiniture in Iridio ardenio e buzio che lo rendevano infrangibile e allo stesso tempo sensibile al benchè minimo segnale di onde elettromagnetche, sarebbe stato un vero guaio: infatti un branco di mufloni imbufaliti ci attaccò all'improvviso. Io allora, thanks to my mobile (scusa ma non mi veniva in italiano), ho potuto chiamare Megane Gale che, con il suo elicottero verde è accorsa prontamente in mio aiuto lanciandomi una serie di lazi per immobilizzare la terribile mandria. Quindi la ricezione è fondamentale. I lazi in Malawi, pure.
    Rimembro ancor quella volta in Tibet, lassù insieme a Brad... quanti ricordi: io ero salito per recuperare lo Shaker maledetto, una specie di Santo Graal utilizzato anticamente per l'happy hour. Brad era tutto immerso nelle sue meditazioni, e io gli dicevo: "guarda che se vai avanti così non ti muoverai di qua per almeno deci anni". Avevo sbagliato di tre, ma ci avevo preso. Comunque, il terzo giorno che ero lì, mi trovavo sulla cima del monte Paaa quand'ecco che mi accorsi d non avere con me l' Alka seltzer: problema gravissimo, considerato che avevo appena inghiottito tre chili e mezzo di yak, peli inclusi (i peli di Yak sono utilissimi per sviluppare calore durante la notte: se ne ingerisci una buona quantità, all'abbassarsi della temperatura esterna il pelo di yak creerà nel tuo stomaco un rivestimento pellicciato che, volendo, ti può addirittura permettere di andare nudo in giro e fare un ingresso trionfale nel forum del naturismo).
    Quindi cosa fare per recuperare l'Alka Seltzer in Tibet sul monte Paaa?
    Chiamare Brad Pitt? No,i il cellulare non l'aveva portato, è uno poco previdente lui.
    Chiamare i monaci del tempio? Macchè, pensa che non distinguevano il cellulare dal mio cervello (sì, la dimensione è quella ma, andiamo, sono diversi, e poi sul mio cervello mica c'è scritto nokia)
    Decisi di chiamare la Omnitel al 190. Mi rispose direttamente Megane Gale e in meno di mezz'ora col suo bravo elicotterino mi portò il mio Alka Seltzer e un bicchiere di vetro per prenderlo: fondamentale il bicchiere di vetro in Tibet.
    Ma tutto questo è niente confronto a quello che mi accadde nella foresta amazzonica quando ero andato a cercare l'Urka dell'Alleanza, una gola in mezzo alla foresta che produceva un'eco dai poteri inimmaginabili. Così, tra una liana e l'altra, tra un boa e un' anaconda, tra un ragno grande come un vitello e una formica da latte, mi introducevo bel bello nel cuore della foresta. Quand'ecco che mi accorsi di non avere il rullino Gold 320 ASA dentro la mia Yashica con pluriobiettivo catodico e zoom erogeno. Perdincibacco e come potevo fare? Per fortuna avevo il mio cellulare, così lo estrassi dal fodero maculato e iniziai a digitare. Fu lì che mi accorsi del dramma: il mio trial band non prendeva. Troppe fronde, troppa selva, troppa vegetazione. Che fare?
    Un lampo di genio pervase la mia fragile mente: mi ricordai di avere ancora un lazo avanzato dalla spedizione in Malawi, così lo estrassi e , fattomi forza, lo lanciai verso il ragno-vitello e gli salii in groppa: era un po' indisciplinato e selvaggio ma dopo pochi minuti era bell'e che domato. A cavallo del ragno salìì sull'albero più alto della foresta, estrassi il mio cellulare a braccio teso e cominciai a pregare: DUE TACCHETTE! Dio esiste.
    Inutile dire che nell'arco di qualche minuto la fida australiana cavallona mi aveva portato dieci rullini da 320 ASA.
    Indispensabili i rullini 320 Asa nella foresta amazzonica.
    Ma soprattutto, insdispensabile il mio celllulare.
  8. Turista Anonimo
    , 4/4/2003 00:00
    ah, beh...mo' è tutto più chiaro...'tacci della omnitel!!!
  9. Turista Anonimo
    , 4/4/2003 00:00
    Per l'amico spendaccione. Certo che faccio problemi x due euri di meno: nel credito ne avevo 5! Non era mia intenzione spendere 2 euri per chiedere alla signorina un'informazione, avrei preferito usarli x chiamare, non so se mi spiego. Bastava che me l'avessero detto che il servizio era a pagamento e non gratis come con wind che ho chiamato senza spendere! Capì?
  10. Turista Anonimo
    , 3/4/2003 00:00
    Una mail?
  11. Turista Anonimo
    , 3/4/2003 00:00
    E un piccione viaggiatore? Segnali di fumo?
  12. Turista Anonimo
    , 3/4/2003 00:00
    http://www.190.it/index.asp?DestUrl=/offerta/offerta_roaming.asp
  13. Turista Anonimo
    , 3/4/2003 00:00
    Per Daniela:
    La New Columbus funziona solo su alcuni telefonici pubblici della capitale, cioè Malè. Quindi niente da fare.
    La uso sempre all'estero, è comodissima (ed effettivamente è economica). La raccomando anche per viaggi intercontinentali.

    Il cellulare per me era un'alternativa, considerati i costi elevati delle telefonate dagli alberghi (minimo 7,50 dollari al minuto), ne farei a meno anch'io, credetemi!! E comunque odio quelli che lo usano in spiaggia.
    Io in genere, se/quando lo porto in viaggio, lo tengo spento e lo accendo solo per un appuntamento telefonico (in uscita o in entrata) preso in anticipo. Altrimenti che vacanza è?
    Grazie comunque per la gentile risposta.
    Iaia
  14. Turista Anonimo
    , 3/4/2003 00:00
    LE RUBRICHE UTILI DELLA CNN: L'angolo di Indiana Jones

    A seguito di numerose richieste giunte in redazione ed a fronte ad un costante aumento dello share in concomitanza di programmi relativi a temi di viaggio e turismo, inauguriamo oggi una nuova rubrica nell'ambito di CNN Utility: L'angolo di Indiana Jones.

    Nostra intenzione è quella di fungere da guida informativa virtuale per tutti quegli intrepidi che, in procinto di affrontare un viaggio estremo, necessitino aiuto, assistenza o che semplicemente cerchino una risposta ai mille quesiti che sorgono spontanei nella testa di chi si appresta a recarsi in paesi dalle mille insidie. In poche parole cercheremo di differenziarci dai programmi turistici proposti dalle altre reti, puntando più sulla reale utilità che su vallette scosciate dal Q.I. prossimo allo zero assoluto.

    Visto l'enorme successo televisivo ottenuto dal nostro episodio-zero dal titolo "Gabicce mare: la mucillaggine può uccidere?" iniziamo oggi la serie vera è propria con una nuova puntata intitolata "Maldive....piange il telefono".
    Si rammenta che la trasmissione è sottotitolata, sillabata (e c'è pure l'analisi logica) alla pagina 6-1-RITARDATO del teletext CNN.

    Dal nostro inviato:

    Intrepidi avventurieri, viaggiatrici scavezzacollo....buonasera!
    Vi siete mai trovati ad invidiare il vicino del terzo piano quando la portiera del vostro stabile vi ha raccontato del suo spericolato safari fotografico allo zoo di Affi?
    Avreste mai detto che il Rag. Bonaccioni dell'ufficio contabilità avesse il sangue freddo per andare in pullman fino a Vienna e salire addirittura sulla ruota panoramica del Prater?
    E che dire della sensazione di impotenza all'ascoltare dal parrucchiere la vostra vicina di casco che racconta al cellulare della sua esotica crociera sul Brenta???

    Da oggi, con la nostra trasmissione, non dovrete più sentirvi inferiori a nessuno....voi sognate l'impossibile, noi vi aiutamo a realizzarlo!!!
    In questa puntata affronteremo il tema "Maldive" cercando di renderle una meta appetibile anche per coloro che non hanno la tempra e lo spirito da avventurieri.

    Decalogo di sopravvivenza maldiviana:

    - Le maldive si trovano nell'Oceano Indiano ma non è necessario che vi portiate cinturone, speroni e cappello da cow-boy...gli Apaches si sono trasferiti da tempo negli USA;
    - All'arrivo se vi venisse offerto un cocktail di benvenuto accettatelo....sembra incredibile ma le bottiglie di San Bitter, Bacardi Breezer e i Succhi Pago sono giunte fino a qui. Quasi contemporaneamente è arrivato anche l'apribottiglie e quindi non c'è assolutamente nulla da temere;
    - Le noci di cocco che cascano dalle numerose palme sono vere, è inutile che intavoliate discussioni col vicino di bungalow sostenendo che a Forte dei Marmi il cocco in spiaggia cresce a spicchi.....quello lo taglia il marocchino che ve lo vende;
    - Se di notte sentite un fischio strano, trattasi di geko, curioso animale autoctono simil-lucertola che vi allieterà per tutta la vacanza. Avete pagato l'all inclusive, prendetevela con voi stessi!
    -Non riuscite a telefonare a casa? Non fatene un dramma e smettetela di rigirare l'atollo col cellulare in mano assumendo pose plastico-idiote per cercare il segnale...il ripetitore più vicino è a Nuova Dehli, rassegnatevi!
    - Insistete nel calpestare la battigia calpestando pure i maroni degli altri turisti continuando ad urlare...."Pronto, mammaaaaa?? Mi sentiiiiiiii???..." e poi lamentandovi a voce alta che il VOSTRO NUOVO NOKIA QUADRI-BAND-GPRSXYZ-PHOTO-VIDEO-DVD PAGATO 2500 EURO NON FUNZIONA per fare i fighi? Piantatela e ricordate che dovunque al mondo c'è sempre un milanese che avrà un modello più nuovo e costoso del vostro! E soprattutto che saprà urlare più forte per farlo sapere in giro prima e meglio!!!!
    - Portatevi montagne di creme solari da casa che non è vero che alle Maldive gli indigeni vi proteggeranno con unguenti preparati dal santone del villaggio usando cocco, molluschi e formule magiche....Il villaggio non esiste, il santone lo vedete solo dopo molti cuba libre e al limite vi venderanno un flacone di Piz Buin, lo stesso del supermercato sotto casa vostra, a $40;
    - E' inutile che facciate gli spiritosi con i dipendenti della recption cercando di farfugliare nel vostro inglese-DeAgostini che dove venite voi d'inferno fa freddo e scende la neve, mimando il tutto come deficenti: loro, che hanno studiato tutti in scuole alberghiere inglesi, al massimo capiranno che avete il morbo di parkinson e la forfora;
    - Niente lacrima di commozione nel vedere al buffet del ristorante una zuppierona con scritto "Macaroni Carbbonarra"...assomigliano a quelli della mamma come Topo Gigio ad un canguro e sono studiati apposta per darvi la giusta autonomia per arrivare al bungalow di corsa e passare una dolorosa serata in bagno; l'antidoto c'è e lo vendono all'infermeria del villaggio: una pastiglina di imodium che vi costerà l'equivalente in Italia di una Farmacia intera, laurea compresa; non per niente tutti i bungalows in tutti i villaggi in tutti gli atolli hanno il bagno a cielo aperto...dovendovi passare giorni interi tanto vale poter vedere il panorama;
    - Cercate di fare un po' di training autogeno e resistete alla "Romantica Serata Italiana" nella pizzeria del villaggio; Il pomodoro usato viene da una coltura idroponica belga e sa di aria e acqua, la mozzarella è "una" bufala (non "di" bufala) e il suonatore cingalese di mandolino gorghegia "O sole mio" con la stessa maestria che avete voi nell'intonare l'inno nazionale finlandese; in più il vostro braccialettino delle meraviglie lì non vale e pagherete come una cena per 4 da Vissani!
    - Non sentitevi come Livingstone e Stanley alle sorgenti del Nilo quando approderete al "tipico villaggio maldiviano di pescatori"....siete solo la 754.000 imbarcazione che vi approda, la sesta o settimana solo quel giorno, e come voi, quando ripartirete, un altro milione di persone circa avrà acquistato "quello splendido pareo esclusivo che si trova solo qui"....e a Rimini e a Jesolo e a Rapallo e a Palinuro ecc.....

    Queste sono solo alcune delle dritte che CNN Utility vi da per aiutarvi a vincere la paura e la ritrosia di un viaggio così impegnativo!!
    Forse non saranno sufficienti ma abbiate pazienza, nei prossimi giorni affronteremo altri temi di primario interesse, quali:
    - Il concetto di fuso orario;
    - Come trovare la Gazzetta dello Sport a Maayafushi;
    - Sintonizzare la TV su Domenica IN;
    - Cartoline ad amici e parenti: 500 basterano?
    - I dieci segreti per diventare imbattibili al giochino dell'aperitivo;
    - Come catturare una tartaruga marina e portarla in Italia viva senza farsi beccare alla frontiera;
    - Lo snorkel è dignitoso per una signora?
    - Il sandalo di Prada: consigli per una perfetta andatura sulla sabbia;
    - Autonoleggio, dove e come.

    Arrivederci!
  15. Turista Anonimo
    , 3/4/2003 00:00
    mi riferivo all'esempio citato nel msg di Paolo!
  16. Turista Anonimo
    , 3/4/2003 00:00
    ecco, questi non li sopporto!.... invece di godersi la vacanza, devono tirarsela con gli amici, spendendo pure un capitale in telefono!... pirla!.....