1. Viaggiare con gli amici animali

    di , il 23/3/2003 00:00

    Vorrei avere consigli per poter viaggiare in automobile con il mio cucciolo di 3 mesi di Golden Retriver in quanto soffre tantissimo il mal d'auto, anche per soli pochi km nonostante i finestrini abbassati e la velocita' moderata.

    Grazie

  2. Fanny Ganassini
    , 17/4/2003 00:00
    beh il mio cane - fossile non vede l'ora di entrare in macchina, è come se uscisse dal suo perenne letargo... in macchina sta sempre benissimo, si abbiocca alla grande e oltrettutto eè un casino farlo scendere, non vuole. forse perchè è stato abbandonato da una macchina ( io l'ho preso dal canile di voghera).....
    comunque la maccchina è la sua seconda cuccia... e in effetti mi rendo conto di quanto sono fortunata.
    ora che è vecchissimo preferisce addirittura essere lasciato in macchina che fare una passeggiata al parco....
    ognuno ha le sue....
    fanny
  3. Turista Anonimo
    , 28/3/2003 00:00
    farò qualcosa di costruttivo...

    Si tratta di un problema legato alla sfera emotiva, che colpisce sia soggetti dalla personalità introversa, che manifestano nervosismo e paura, sia quelli estroversi, che diventano aggressivi.

    Il viaggiare in macchina è una situazione non naturale per il cane, il rumore del motore ed il movimento dell'auto sono due fattori che possono spaventarlo, perché non riesce ad individuarne l'origine. Un altro elemento frustrante è rappresentato dal vedere dai finestrini molte cose interessanti e non poterle prendere.

    Il cane non riesce ad avere la situazione sotto controllo e questo gli crea uno stato di agitazione.

    Ci sono soggetti che in auto si eccitano perché vedono scorrere il paesaggio, e mettono in relazione queste visioni piacevoli con la loro agitazione. Il proprietario peggiora la situazione cercando di calmarli, con parole dolci o con carezze oppure trattenendoli per il collare, non rendendosi conto di incoraggiarne ancora di più il comportamento irrequieto.

    Per il cane la paura dell'automobile può essere :

    * innata, nel cucciolo (si consiglia di portare il cane in macchina fin dalle prime settimane di vita, dalla terza in avanti, cioè nel periodo di socializzazione)
    * acquisita, in seguito ad una esperienza spiacevole (incidente automobilistico)

    Essa viene manifestata in situazioni diverse :

    * alla vista della macchina
    * quando la macchina si mette in movimento
    * facendo determinati percorsi (la strada per recarsi dal veterinario)
    * alla vista di certe persone (il benzinaio)

    Una volta individuata, con certezza, la causa che induce agitazione al cane durante il trasporto, si può attuare una terapia comportamentale. Bisogna programmare una serie di esercizi da ripetere con frequenza giornaliera :

    * mostrare, al soggetto in terapia, la macchina ad una distanza tale che non gli induca agitazione, riducendola progressivamente
    * far salire il cane sull'auto ferma e col motore spento ; premierete l'animale, con carezze e bocconcini, se si comporterà bene, diversamente non lo sgriderete, riprendendo la terapia con un esercizio più semplice
    * inserire la chiave nel motore avviandolo e spegnendolo immediatamente
    * tenere il motore acceso per un tempo più lungo
    * fare un breve tragitto di strada, che allungherete progressivamente, se il cane rimane tranquillo e rilassato.

    Se il vostro amico a quattro zampe si agita durante le sedute di terapia, dovrete ignorarlo, riprendendo l'addestramento ad un livello più basso.

    Ci sono cani che se non vedono il paesaggio scorrere non si agitano ; in questo caso si possono far viaggiare i cani di piccola taglia in una gabbia chiusa, invece per quelli di grossa taglia si mettono delle tendine ai finestrini posteriori.

    Evitare al cane viaggi veri, durante l'addestramento.

    Un'altra buona norma, è quella di tenere il cane a digiuno (almeno 8-10 ore prima della partenza), anche per brevi viaggi.

    In commercio sono disponibili farmaci per il "mal d'auto",che sono da usare esclusivamente sotto controllo veterinario.

    La paura di viaggiare, nel cane può essere innata, tuttavia conviene abituare il cucciolo all'automobile già dai primi mesi, associando il viaggio ad esperienze piacevoli (gite in campagna, coccole, ecc.).

     

    FRANCO FASSOLA

    Bibliografia :

    O'Farrel V. - "Comportamento e psicologia del cane", Arnoldo Mondadori Editore, 1991

    Campbell E.W. - "Psicologia canina", Edizione Medico Scientifico, Torino.
  4. Turista Anonimo
    , 28/3/2003 00:00
    che non sia perchè gli fai leggere la mappa e ti fai dare indicazioni?..fa malissimo leggere in macchina. Puoi provare a distrarlo con la carica dei 101 se hai una di quelle macchine superaccessoriate o cantando De Gregori: ... quattro cani per strada.. il primo è un cane col mal di pancia .... speriamo che regga...
  5. Turista Anonimo
    , 27/3/2003 00:00
    ...seee.. quando ho iniziato a guidare io ho smesso di star male, in compenso hanno iniziato gli altri...
  6. Turista Anonimo
    , 27/3/2003 00:00
    se no puoi provare facendogli mangiare grissini o caramelle al mentolo, ma hai provato a farlo guidare funziona...
  7. Turista Anonimo
    , 27/3/2003 00:00
    se non vuoi aspettare la pensione per andare in vacanza puoi, nel frattempo, insegnargli a correre veloce omologandolo come roulotte.
  8. Turista Anonimo
    , 27/3/2003 00:00
    Sono daccordo con Marco, Katia devi avere un pò di pazienza e la situazione migliorerà.
    Cerca anche di distrarlo, magari avrà un qualcosa con cui si diverte, tipo un pallone o altro. Io con i miei due cani ho fatto così all'inizio.
    Ora appena apro il portabagagli salgono subito senza che gli dica nulla e scodinzolano felici, perchè sanno che vanno a fare una bella passeggiata.
    E mi raccomando per i finestrini, nn troppo aperti!
  9. Turista Anonimo
    , 27/3/2003 00:00
    Io da bambina morivo di mal di macchina, il solo pensiero di salire in automobile gia' mi provocava il vomito: se poi si trattava di fare il ferma-e-riparti continuo delle citta' l'eruzione era garantita! Comunque mi giovavano molto: mangiare mentine, tenere una mano fuori dal finestrino, salire in macchina quasi a stomaco vuoto, viaggiare ad una velocita' ed andatura regolare e portarmi ... un'abbondante riserva di sacchetti! Certo che trattandosi di un cucciolo mi sento di darti un solo consiglio: fodera tutti i sedili con fogli di plastica senza fare economie...
  10. Turista Anonimo
    , 27/3/2003 00:00
    chi non ha amici animali....
  11. Turista Anonimo
    , 27/3/2003 00:00
    Katia non ti preoccupare.
    E' normale che a tre mesi soffra il mal d'auto, è ancora troppo piccolo.
    Vedrai che poi si stabilizzerà, attorno al 6°/7° mese e dopo sarà contento di salire in auto.
    Non tenere troppo i finestrini aperti, potrebbe fargli male. E' sufficiente uno spiraglio di quelli dietro. Quando poi comincerà a far caldo tieni accesa l'aria condizionata, parcheggia in luoghi all'ombra o meglio in garage stterranei, così al ritorno l'auto sarà fresca e non devi attendere che si rinfreschi per una decina minuti prima di entrare. Porta sempre una riserva d'acqua e fermati ogni 350/400 Km per fargli fare una corsetta ed i suoi bisogni.

    Se mi viene in mente altro poi te lo scrivo
  12. katia.s
    , 23/3/2003 00:00
    Vorrei avere consigli per poter viaggiare in automobile con il mio cucciolo di 3 mesi di Golden Retriver in quanto soffre tantissimo il mal d'auto, anche per soli pochi km nonostante i finestrini abbassati e la velocita' moderata.
    Grazie