1. Lo sfogo di Nanni Moretti

    di , il 4/2/2002 00:00

    A prescindere che a a voi piaccia o meno Nanni Moretti, condividete il suo sfogo relativamente alla politica attuale della sinistra? Vi trovate d'accordo con il suo messaggio oppure pensate che sia una critica distruttiva come alcuni esponenti dell'Ulivo l'hanno sprezzantemente definita?

  2. Leo Caramia
    , 18/3/2002 00:00
    ma non avete capio ancora che quella di Moretti è una trovata pubblicitaria.
    si vede che con i film nn batte 9+ un kiodo e lui da bravo "HO LE MANI IN PASTA" si fa pubblicit gratis
    e lui sarebbe dalla parte dei lavoratori?????????
  3. Giorgio Gab
    , 13/3/2002 00:00
    Sapete come si chiamano i tipi come Nanni Moretti?!!?
    FREGACOMPAGNI:sono le persone a cui non manca niente che ipocritamente e comodamente dall'alto dei loro miliardi o milioni predicano valori che essi per primi non attuano...lo fanno solo per compiacere alle masse..demagogicamente..
  4. De Giò
    , 12/3/2002 00:00
    Da un intervista a Cossiga, mandata in onda da radio Radicale:
    Chi è Nanni Moretti?
    E' un giovane presuntuoso, che ha vinto a Cannes con un pessimo film, semplicemente perchè Olmi si è ritirato per farlo vincere.
    Che ne pensa del fatto che Moretti ha partecipato al girotondo intorno alla RAI?
    Moretti è un pavido, non ha le palle come quelli che hanno fatto il 68; se solo avesse visto una divisa dei carabinieri se la sarebbe data a gambe levate.
    Morale della favola: suonato da D'Alema, suonato da Benigni e adesso suonato anche da Cossiga!
  5. Daniela Boglioli
    , 10/3/2002 00:00
    ma quello di Moretti e' uno sfogo o uno spezzone di un nuovo film? Stiamo dicendo sul serio o recitando? Ho forse sentito che il figlio di cotanto ' comunista' frequenta da sempre le migliori scuole private? Che forse quelle pubbliche nuociono gravemente alla salute? Non credo ai miei occhi quando vedo poi gente che ci crede, ma li vedo al telegiornale che e' nil posto meno obiettivo. Sai hanno tutti paura che qualcuno gli dica che sono servi del potere e sono indaffaratissimi a servire non l'opposizione ma il contropotere. Quello che piu' ancora mi da fastidio e' che , quando nella scorsa legislazione era la sinistra al governo, l'opposizione non si e' mai sognata si scendere nelle piazze a manifestare contro ogni cosa cosi' tanto per manifestare. Io personalmente ho sempre rispettato le scelte di quel governo pur non avendolo votato. Il mio pensiero era che se la maggioranza delgi italiano aveva votato cosi', era giustoche cosi' fosse. Quindi non capisco ma mi adeguo. Adesso invece ogni giorno io devo sentire questi coministi miliardari che lanciano parole velenose contro il governo, e di conseguenza contro chi lo ha eletto. Mi dispiace ma non ci sto ed esigo il rispetto che io ho sempre tributato al governo precedente leggendo in esso la democratica rappresentaza del popolo italiano.
  6. De Giò
    , 23/2/2002 00:00
    Cara Giorgia
    il mio anticomunismo affonda le sue radici fin nella mia più tenera infanzia. Non perchè impostomi da chicchessia, ma per il semplice motivo che, fin da allora mi resi conto che si trattava di una UTOPIA. Ricordo un pescatore poverissimo, comunista arrabbiato e pronto a chiedere ai ricchi di dividere i loro beni che, diventato a sua volta ricco imprenditore, cambio completamente orientamento politico e diventò Democrfistiano. Allora vi era un rispetto dell'etica, adesso avrebbe continuato a dichiararsi comunista. pur razzolando male!
    La crisi della sinistra italiana nasce anche da queste amoralità. Se io fossi nei panni dei milioni di operai italiani che vivono con 750 Euro al mese, avrei imbarazzo nel vedere il segretario politico del mio partito andare in giro per il mediterraneo a veleggiare su uno Yockt....
    Giò.
  7. Giorgio C
    , 22/2/2002 00:00
    Anche io ritengo che sia troppo facile predicare valori di sinistra, essendo un regista ricco e famoso come Nanni Moretti. Detto questo sono certo che la sinistra abbia consumato tutte le sue energie a denigrare Berlusconi senza pensare a creare qualcosa di solido al suo interno. E poi...chi realmente rappresenta la sinistra italiana? Forse solo Bertinotti, ma lo stesso Moretti non ne ha una buona considerazione! Anche questo è un limite.
  8. De Giò
    , 22/2/2002 00:00
    Esiste un elenco lunghissimo di intellettuali, artisti, conduttori televisivi, attori e attrici, contesse del cavolo, yoktman,ecc. accomunati tutti da una cosa:
    sono tutti ricchissimi e di sinistra!
    Ossia, gente che predica bene e razzola male.
    Perchè sono di sinistra? perchè è di moda e non costa niente....
    Le loro prediche sanno di stonato come le prediche di un parrococo puttaniere. Eppure te li ritrovi dappertutto: su RAI 1,2,3, persino sulle televisioni di mediaset, ove, tranne il partigiano FEDE, molti sono di sinistra. E poi dicono che Berlusconi è un liberticida...
    Giò
  9. Leo Caramia
    , 20/2/2002 00:00
    Perchè non ricordate a Nanni Moretti che il suo mestiereè quello di regista???
    Ah! Visto che ci siete diteglia anke ke mi fa sckifo!
    Con tutti i soldi che ha, ha trovato il modo di farsi pubblicità gratuita.
    E' lui il primo che froda lo stato non pagando le tasse su questa sua pubblicità OCCULTA!!!!!
    E non mi si dica che non è così!
  10. Roberto G
    , 19/2/2002 00:00
    Ok Matteo, nessun problema... Credo anche io che molti abbiano pensato seriamente quello che io invece ho scritto con intenti ironici...
    ciao
    ROBERTO!
  11. Matteo Azzani
    , 19/2/2002 00:00
    O.K. Alberto... :)))
    a quanto pare ho interpretato male le tue parole e ti chiedo scusa.
    Però credo veramente che in giro ci sia gente che, seriamente, abbia fatto dei discorsi del genere dopo la mancata nomination di Moretti.
    ciao
    Matteo
  12. Roberto G
    , 18/2/2002 00:00
    Ciao Matteo, sono Roberto...
    Sono Roberto, ti ricordi?
    Capito che sono Roberto? Ok... Io ho riletto il mio messaggio e ho riletto il tuo, e proprio non sono riuscito a dare un'interpretazione differente.. Però potrei non aver capito la tua risposta... Il senso del mio intervento mi sembrava chiaro, tanto è vero che Giò lo ha ripreso nel giusto verso, comunque per carità, non voglio mica lasciare agli altri il monopolio del non capire niente.... Quanto all'essere capace soltanto di dire che gli altri non capiscono niente, mi sembra che di interventi dove dicevo altre cose ne ho fatti, eccome! Però potrei averli fatti troppo oscuri, tali da non essere capiti... capita!
    Ah, dimenticavo
    Roberto!
  13. Matteo Azzani
    , 18/2/2002 00:00
    Ma l'unica cosa che sai dire è che gli altri non capiscono niente????
    Dal tuo messaggio si capiva esattamente quello per cui ti ho risposto (rilegittelo!).
    Scusa per l'errore nel tuo nome ma da come appare sullo schermo sembra proprio che sia ro gua...ma come al solito non ho capito NIENTE!!!
    La prossima volta firmati alla fine come hai fatto nell'ultimo messaggio.
    Matteo
  14. Roberto G
    , 18/2/2002 00:00
    X Matteo.
    A differenza di Giò, non hai capito per niente quello che ho scritto... Il mio era un "fare il verso" a tutti gli intelletualoidi che, se fanno un flop, cercano sempre altre scusanti, e in questo periodo la scusa più di moda è dare la colpa all' "impresentabile governo delle destre"... Certo che ai giurati dell'Accademy non gliene frega un cazzo delle nostre schermagliette italiane, se Moretti non ha portato a casa la Nomination è soltanto perchè c'erano film che la meritavano di più...
    Roberto
    (e l'indirizzo è ro_gua, non ro_qua)
  15. Matteo Azzani
    , 17/2/2002 00:00
    Per Ro Qua,
    credi davvero che i giurati dell'Academy a L.A. mentre votavano per le candidature, avessero in mente che, scegliendo il film di Moretti, avrebbero dato lustro al governo italiano e quindi questo non era acettabile,ecc., ecc.?
    Forse dai troppa importanza alle nostre schermagliette italiane, delle quali già ad Innsbruck NON GLIENE PUO' FREGARE DI MENO mentre noi ne facciamo un caso nazionale!
    Matteo
  16. Grazia Pagano
    , 17/2/2002 00:00
    ma ha fatto altro che bene, con quel rutelli che si parla addosso e usa solo retorica e non dice niente come berlusca. mi son trovata d'accordo con le sinistre del tempo di Prodi che è riuscito a portare il nostro paese a maastricht (si scrive così?), a parte quello scemino di bertinotti che poi l'ha fatto cadere quel governo poteva durare e continuare a fare cose dure magari ma giuste senza orpelli di contorno, adesso il merito sembra di berlusca, ma dove?????!.