1. Il miracolo... brasiliano

    di , il 21/1/2003 00:00

    Il nuovo presidente Lula, da poco insediatosi, è già considerato il novello Mosè del Sud America, il campione degli ideali e della lotta alla povertà. Quali le concrete speranze di sconfiggere le enormi contraddizioni di questo paese?

  2. gabriella
    , 28/2/2003 00:00
    Ciao Andrea,
    certo che la tua è una domanda da un milione di dollari!Ma io,come i miei parenti brasiliani,sono fiduciosa a proposito di Lula. La gente crede molto in lui e nelle sue idee. Ma ho notato anche che c'è una maggiore disponibilità da parte del brasiliano a far si che le contraddizioni sociali del Paese scompaiano.C'è la consapevolezza di molti brasiliani di avere appiccicata a ddosso un'etichetta che non corrisponde piu' alla realta'(Brasile come sinonimo di praias, belle e facili donne, solo calcio e dolce far niente). Ecco il Brasiliano tutto cio' non lo accetta piu', percheè orgoglioso del proprio Paese, delle capacita' e potenzialita' del Brasile, ma soprattutto di cio' che è oggi la realta' economica brasiliana, una delle maggiori al mondo...e pochi lo sanno o lo riconoscono, e cio' fa male al brasiliano medio e ai brasiliani poveri ma onesti (tantissimi)in cerca di riscatto sociale.Io spero che Lula sia vincente, (anche se sono un po' di parte, visto che penso ai miei zii)...altrimenti, come dice mio zio carioca:oggi il piu' gtrande miracolo del Brasile è la sua democrazia, se le cose non andranno bene il popolo potra' cambiare idea alle prossime elezioni!
    Gabriella
  3. Andrea C. 1
    , 21/1/2003 00:00
    Il nuovo presidente Lula, da poco insediatosi, è già considerato il novello Mosè del Sud America, il campione degli ideali e della lotta alla povertà. Quali le concrete speranze di sconfiggere le enormi contraddizioni di questo paese?