1. Criminalità giovanile

    di , il 10/1/2003 00:00

    Non passa giorno che non assistiamo, spesso in diretta, ad atti di criminalità commessi da giovanissimi delinquenti. Negli U.S.A. Hanno risolto il problema abbassando notevolmente il limite della "non punibilità", cosa suggerite di fare in Italia, patria di poeti e santi ma anche di "nessuno tocchi Caino", compresi i suoi cari figlioli?

    Giò

  2. frenci
    , 23/1/2003 00:00
    Quando andai imbufalita dai carabinieri per una denuncia mi dissero che loro facevano quello che potevano ma anche se beccavano i delinquenti sul fatto la legge (e quindi i giudici e gli avvocati)li lasciava liberi di andarsene a spasso, anche gente con dei meravigliosi curricula de paura, quindi in tutta risposta mi ha detto che avevano le mani legate.....e poi ci si lamenta se nessuno va più a sporgere denuncia, (io comunque resto tra i testardi che si fanno stamapare le 5 paginette di verbale, eccheccavolo, almeno quello!).
    La nostra legge fa acqua da tutte le parti e basta un avvocato bravino per trovare il cavillo che sistema tutto, per non parlare dei precedenti da citare, visto che in galera adesso ci va solo chi non paga il canone tv (esagero) per quelli "veri" è una passeggiata, per non sfiorare nemmeno l'argomento di chi ha più possibilità/conoscenze/potere....
  3. Turista Anonimo
    , 23/1/2003 00:00
    Con un governo di criminali e mafiosi, cosa vogliamo metterci ad abbassare soglie ?
  4. Turista Anonimo
    , 22/1/2003 00:00
    Tanto per stare in tema...

    Tratto da C@c@o, il quotidiano delle buone notizie:
    "Depenalizzare il furto
    E' la proposta di legge avanzata da Carlo Taormina, deputato di Forza Italia, ed Enrico Buemi, capogruppo dello Sdi nella Commissione Giustizia.
    Sembra una proposta shock, ma non lo e', perche' nella realta' il furto e' gia' un reato depenalizzato. Nel 2002, a fronte di 789.907 furti denunciati, ne sono rimasti impuniti, perche' ignoti gli autori, 753.025, il 96%.
    E, dunque, per Buemi e Taormina gia' nei fatti il furto non e' piu' un reato perseguito.
    Non e' comico?"
  5. frenci
    , 22/1/2003 00:00
    n'fatti....
  6. Turista Anonimo
    , 22/1/2003 00:00
    Per rinfrescare la memoria e in relazione alle sotto scritture sia mie che di altri, vi espongo quanto segue:
    ALCUNI DEI "NOSTRI PARLAMENTARI"

    Berruti Massimo Maria (F.I.): arrestato per corruzione negli anni 80 e successivamente assolto; condannato in primo e secondo grado per favoreggiamento durante il processo Berlusconi - guardia di finanza. Di certo conosce il capomafia Salvatore Di Gangi. Il pentito Angelo Siino ha parlato di un suo incontro con il boss Nino Gioé.

    Biondi Alfredo (F.I.): ha patteggiato una condanna per frode fiscale.

    Brancher Aldo (CDL): accusato per aver pagato una tangente di 300 milioni di lire a De Lorenzo.

    Cantoni Giampiero (CDL): inquisito per corruzione e altri reati ha patteggiato alcune accuse.

    Comincioli Romano: (CDL) imputato a Roma per rapporti con la mafia e la banda della Magliana e successivamente assolto; latitante per Mani Pulite perché accusato di bancarotta fraudolenta; imputato per le false fatture di Publitalia.

    Craxi Bobo (CDL): figlio dell'ex leader del Psi è stato condannato a un mese di reclusione (pena sospesa) per diffamazione aggravata ai danni del procuratore generale di Milano.

    Dell'Utri Marcello (CDL): pregiudicato, condannato per false fatture, sotto processo per concorso esterno in associazione mafiosa, inquisito per calunnia e già indagato, prima dell'archiviazione, per strage.

    Degennaro Giuseppe (CDL): condannato a 1 anno e 4 mesi, nel '97, per voto di scambio.

    De Rigo Walter (CDL): nel 1993 ha patteggiato una pena di 1 anno e 4 mesi per aver architettato una truffa ai danni del ministero del tesoro e della CEE.

    Fallica Giuseppe (CDL): condannato a 15 mesi per false fatturazioni di Publitalia.

    Forte Michele (CDL): arrestato negli anni 80.

    Frigerio Gianstefano (CDL): pluripregiudicato, condannato a più di 4 anni di reclusione. Arrestato il 31-05-2001.

    Lino Jannuzzi (CDL): coinvolto nello scandalo Sindona; ha ricevuto dal boss appartenente alla cupola di Cosa Nostra Pippo Calò 5 milioni per pubblicare un libro che non ha mai scritto.

    La Malfa Giorgio (CDL): pregiudicato per finanziamento illecito ai partiti.

    Mauro Giovanni (CDL): è sotto processo per essersi raddoppiato con un raggiro l'indennità di carica; è stato processato anche per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e per corruzione semplice mentre gli è stata contestata la bancarotta fraudolenta per il fallimento di una società di cui era amministratore unico.

    Nespoli Vincenzo (AN): coinvolto in un'inchiesta per concussione.

    Previti Cesare (CDL): sono stati bonificati da un suo conto estero circa 500 mila dollari in favore dell'ex capo dei gip di Roma Renato Squillante.

    Sgarbi Vittorio (F.I.): pregiudicato per truffa ai danni dello Stato (per tacere di quella volta che lo beccarono ad uscire da una biblioteca con in tasca delle pagine strappate ad un codice miniato.

    Sodano Calogero (CDL): paladino degli abusivi; plurinquisito; recentemente condannato ad 1 anno e mezzo di carcere per abusivismo

    Sudano Domenico (CDL): plurinquisito.

    Tomassini Antonio (CDL): condannato nel 2000 in via definitiva a tre anni per falso

    Verdini Denis (F.I.): indagato per falso in bilancio... ed anche per altre cosette

    Vito Alfredo (CDL): per lui la Camera ha dato l'autorizzazione a procedere per l'inchiesta sul voto di scambio. Era il collettore delle tangenti della Dc napoletana.

    Vizzini Carlo (CDL): condannato a 10 mesi in primo grado nel processo per la maxi tangente Enimont: il reato è andato in prescrizione.
  7. Turista Anonimo
    , 22/1/2003 00:00
    (?)
    mi piace....."l'idea" proposta, forse sarà la volta buona per smettere di lamentarci,
    dunque facciamo la lista: (certamente stupratori, pedofili, assassini patentati, ladruncoli, ma pure; politici ladri, giornalisti faziosi, giudici corrotti, insegnanti incapaci, dipendenti pubblici assenteisti, commercianti evasori, imprenditori avidi,
    studenti svogliati, vecchietti troppo longevi,cardinali
    intriganti, tv orripilanti,automobili inquinanti, motorini
    assordanti, madonnine piangenti........direi di utilizzare il gas prodotto dall'inceneritore di Quarto Inferiore (BO).....così risparmiamo). "Poi però cominciamo a lavorare
    sulle travi che ci ingombrano la vista".
    Saluti
    Cip
  8. frenci
    , 22/1/2003 00:00
    beh.....non esageriamo eh!
    Per le carceri l'ho detto e lo ripeto: facciamo i processi a chi è in attesa di giudizio che magari è pure innocente!!!!!!!
  9. Turista Anonimo
    , 21/1/2003 00:00
    indubbiamente ci colto sul fatto o con prove schiaccianti (video ecc) sarebbe meglio mandarlo in camera A GAS!!! un risparmio per la collettività, si liberano posti nelle carceri, così la smettono dr rompere. tanto nessuno li ha costretti a rubare o uccidere...
  10. frenci
    , 20/1/2003 00:00
    ...l'amico penalista non mi confida in dettaglio le cause che segue (è un professionista serio), ma mi basta sentire le "vaghe infarinate" che mi dice ogni tanto per capire come funziona la legge....
    Credetemi...in prigione non ci va più nessuno dei peggiori, magari ci finiscono quelli vittime di errori giudiziari...casi di omonimia, etc. Ma non chi spaccia, chi accoltella, chi deruba anche se colto con le mani nel sacco: CLAMOROSO!!!!
  11. frenci
    , 20/1/2003 00:00
    Fabio hai ragione, ma è anche vero che essere genitore, per quanto difficile, non deve ammettere certi atteggiamenti nocivi per l'educazione dei figli.
    Non mi parlate di indulti e indultini....scarcerazioni per decorrenza dei termini e chi in prigione dovrebbe andarci e non ci va!!!
    Primo: la cosa più importante è ricordare che c'è gente innocente in attesa di processo...questo è vergognoso, orribile, inaccettabile!
    Secondo: le carceri sono piene per 2/3 di stranieri...bene, riportiamoli nelle loro patrie e così costano meno anche allo stato, o meglio a noi.
    Terzo: la legge non tutela più nessuno se non chi commette i crimini peggiori...ho un amico penalista e vi ho detto tutto!
    Dovrebbero sveltire le partiche: i giudici sono tantissimi e così gli avvocati...prego procedete alla svelta a fare i processi a chi è in attesa di giudizio...che non accada dopo anni e si debbano sentire robacce come " il sig Rossi: tre anni in prigione ma al processo emerge che era innocente...ci scusi".
  12. Turista Anonimo
    , 19/1/2003 00:00
    Confesso che questo episodio mi ha fatto incazzare di brutto. Ogni potenziale assassino si sentirà incoraggiato a consumare i suoi delitti, tanto, dopo un paio di anni uscirà fuori dal carcere. A questo punto meglio il FarWest, almeno la c'era una speranza di potersi difendere a pistolettate!
    A.C.
  13. Turista Anonimo
    , 18/1/2003 00:00
    Parole sacrosante! intanto oggi, giusto per festeggiare il nuovo anno giudiziario, hanno mandato a casa, per decorrenza dei termini di custodia preventiva(ossia per inefficienza del sistema) quella schizoide che insieme a due amiche di merenda, trucidò quella povera suorina. Lo fecero perchè erano annoiate e volevano provare nuove emozioni, poverine!
    Diego
  14. Turista Anonimo
    , 17/1/2003 00:00
    A proposito dell'indulto, dell'indultino e dell'anima de li mo.......(come dicono a Trastevere) di alcuni nostri politici, in particolare un gruppo politico, veri puttani della politica, che in passato ha portato di tutto e di più in parlamento, persino le baldracche, e adesso si proccupa di far uscire dalle patrie galere i poveri delinquenti e di far morire gli italiani sul posto di lavoro sollecitando l'innalzamento dell'età pensionabile a ...70 anni!

    Come si distrugge una città.

    Ho vissuto per molti anni in una cittadina del profondo sud dove esiste un alta concentrazione di "elementi malavitosi". Si tratta di un'isola infelice, un vero concentrato del male, una bellissima cittadina ricca di potenzialità di ogni tipo ma resa invivibile da pochissimi delinquenti, che in antitesi allo Stato e alla convivenza civile hanno creato un vero Antistato, con un nutrito esercito di malavitosi, fatto di soldati, caporali e tenenti, pronti a scannare (non metaforicamente..)per fare soldi in fretta e senza sudare. Il vivaio per questo regno del male è costituito dai numerosi figli, nipoti, pronipoti e figliocci di costoro, nonchè dagli sfortunati ragazzi per bene, che hanno la sventura di entrare nell'orbita gravitazionale di questi Boss.
    E pensare che tutto è nato per uno....ripeto uno, triste personaggio, novello Griso, cresciuto e pasciuto, nonchè moltiplicato, grazie ai risvolti del nostro cavilloso ed inefficiente sistema giudiziario e al "Garantismo" della nostra pseudo democrazia, che garantisce l'impunità dei criminali ma non la sicurezza dei cittadini perbene.
    Giò
  15. Turista Anonimo
    , 16/1/2003 00:00
    Salve a tutti vorrei provare a dire la mia.
    Provate ad individuare tutti i cosi detti "grandi maestri" d'etica comportamentale del passato e del nostro tempo, quelli che nei luoghi comuni dovrebbero essere tenutari ed elargitori dei massimi valori sia civili che religiosi.
    Mano mano che ne prendete in considerazione, provate a ricostruire le loro storie, poi valutarne il comportamento passato e gli atti contemporanei.
    Vedrete che a parte qualche rara eccezione, la maggioranza di questi "maestri" concretizza e applica con i fatti la teoria, che il mondo è dei "furbi". Con tali esempi (ovviamente non solo da questi) si può capire in parte come certe menti, "chiamiamole semplici" acquisiscano dogmi morali errati e adottino di conseguenza comportamenti al di fuori delle regole civili.
    Anche questo è un esempio che dimostra quanto il problema delle "devianze" dai comportamenti così detti "civili e morali", non sia di facile soluzione.
    Per questo non me la sento di scaricare completamente sui genitori le maggiori responsabilità, "molti per ragioni che non sempre sono imputabili a loro come colpa, non dispongono degli strumenti idonei ad esercitare un compito tanto importante e spesso le istituzioni sono latitanti in merito al problema".
    Mi inchino però, a tutte le madri e ai padri che sono riusciti a crescere i loro figli, facendone delle persone civili, oneste e dotandoli di tutti i valori migliori.
    Credo che sia la più grande opera che una donna e un uomo insieme possano compiere.
    Cip
  16. frenci
    , 16/1/2003 00:00
    Zazie...e infatti eccone i risultati.
    Anche io ho insegnato in un liceo e dai colloqui con i genitori ho capito molto degli alunni "difficili", ma anche se bello, il tuo progetto è utopico perchè avrai visto bene come è impossibile comunicarecon genitori ottusi e ignoranti (anche se laureati). Non c'è più educazione al rispetto: rispetto per se stessi, per il prossimo, per la legge quindi, per i doveri. C'è una massa di persone che pretende sempre di più dei propri diritti fregandosene di chi le circonda. La teoria de "il mondo è dei furbi". E le nuove generazioni perdono una parte di potenzialità grazie alla demotivazione,l'assenza di interessi, la noia e la medievale ignoranza culturale ed esistenziale. Ora dico una banalità...pronti? E' un po'colpa anche del consumismo irrazionale e sfrenato! L'ho detto!