1. Problema afgano

    di , il 25/10/2001 00:00

    Sto rimanendo sempre piu' allibita di fronte alle immagini di devastazione che giungono dall'Afghanistan.

    Io non sono favorevole ai bombardamenti su della povera gente che gia' normalmente non ha nulla da mangiare e che e' sotto il giogo del regime talebano non per propria scelta ma per imposizione.

    Ammazzare degli innocenti non fara' tornare in vita i morti di NY, di Washington o della Pennsylvania.

    Voi che dite?

  2. Giò De nittis
    , 25/1/2002 00:00
    Sarà sicuramente un caso...ma appena ho confessato di essere di destra, con un tempismo da ferrovie svizzere, mi è arrivato un messaggio anonimo accompagnato da un file exe con annesso un bel VIRUS letale...
    Meno male che con la posta elettronica non si possa spedire il carbonchio!!!!

    Giò
  3. Giò De nittis
    , 25/1/2002 00:00
    La verità è che adesso, a svettare nei cieli, c'è solo l'aquila americana.....Ma lo volete capire che dai tempi delle guerre puniche non è cambiato nulla! Adesso i padroni del mondo sono proprio i nostri amici Yenkys(Monica e Alessandra ho scritto bene?) e sono loro che fanno il bello e il cattivo tempo. Possiamo pure ridurre quel pazzoide di Been Laden in coriandoli, ma se non rimoviamo le ingiustizie di questo mondo, di Been Laden ne spunteranno tantissimi altri. Gli americani devono capire che le loro grandi macchine, le loro grandi strade, i loro grandi frigoriferi, sono grandi perchè......i nostri sono piccoli e miliardi di esseri umani non sanno nemmeno come è fatto un frigorifero.
    E questo, detto da un uomo di destra, come il sottoscritto, credo che debbe essere preso in considerazione....
    Giò
  4. Patrizia La mantia
    , 3/12/2001 00:00
    Per Morgana

    Grazie per avermi sostenuta, ma sono curiosa di sapere se Luca V. ha aperto gli occhi e principalmente le orecchie quando hanno detto che vorrebbero bombardare anche l'Iraq e la Somalia......fratelli, guardate che non è un videogames, ma la realtà!

    Ciao
  5. Anna Pascali
    , 30/11/2001 00:00
    Bombardarel'Afghanistan sarebbe una soluzione duratura al problema? Ma qual'è, allorail problema? erchè se il problema sono i tlaiban, si può dire che è momentaneamente risolti, dal momento che sembrano essere stati sconfitti. Solo che le ultime notizie della TV ci sembrano dire che gli uomini dell'Alleanza del Nord non sono poi tanto meglio dei Taliban. Le avete viste le immagini delle donne, ancora con il burqua, picchiate e prese a calci da uomini dell'Alleanza del Nors, o solo io e Patrizia le abbiamo viste?
    Se il problema invece è quallo del terrorismo, spiacente di deludervi, ma non sono così sicura che bombardare l'Afghanistan significhi battere o cancellare o sconfiggere, o anche solo scalfire il terrorismo. Se anche Bin Laden ed il suo compare Omar fossero presi, state tranquilli che ce ne sono a decine pronti a prendere il loro posto e a guidare una nuova guerra santa contro l'occidente infedele. Bene, continuiamo a bombardare questo paese disastrato, domani bombarderemo l'Iraq di Saddam, e poi? Poi a chi toccherà? Alla Somalia? Alla Siria? A Israele a alla Palestina? Cos'è, vogliamo fare la guerra a tutto il mondo?

    Saluti

    Morgana
  6. Anna Pascali
    , 30/11/2001 00:00
    Bombardarel'Afghanistan sarebbe una soluzione duratura al problema? Ma qual'è, allorail problema? erchè se il problema sono i tlaiban, si può dire che è momentaneamente risolti, dal momento che sembrano essere stati sconfitti. Solo che le ultime notizie della TV ci sembrano dire che gli uomini dell'Alleanza del Nord non sono poi tanto meglio dei Taliban. Le avete viste le immagini delle donne, ancora con il burqua, picchiate e prese a calci da uomini dell'Alleanza del Nors, o solo io e Patrizia le abbiamo viste?
    Se il problema invece è quallo del terrorismo, spiacente di deludervi, ma non sono così sicura che bombardare l'Afghanistan significhi battere o cancellare o sconfiggere, o anche solo scalfire il terrorismo. Se anche Bin Laden ed il suo compare Omar fossero presi, state tranquilli che ce ne sono a decine pronti a prendere il loro posto e a guidare una nuova guerra santa contro l'occidente infedele. Bene, continuiamo a bombardare questo paese disastrato, domani bombarderemo l'Iraq di Saddam, e poi? Poi a chi toccherà? Alla Somalia? Alla Siria? A Israele a alla Palestina? Cos'è, vogliamo fare la guerra a tutto il mondo?

    Saluti

    Morgana
  7. Patrizia La mantia
    , 29/11/2001 00:00
    Per Luca V.

    Hai sentito le ultime notizie di oggi? La pensi ancora come ieri, che i media abbiano gonfiato le notizie? Mi riferisco alle donne Afghane!
  8. Patrizia La mantia
    , 28/11/2001 00:00
    Carissimo Luca V., Hai perfettamente ragione, ma sai, credo che chi guarda purtroppo si accorge solo delle brutte cose. Oggi possiamo accorgerci solo di questo, ma hai ragione dobbiamo essere positivi e guardare oltre.....speriamo che, come dici tu, il mondo stia cambiando e parlo non solo dell'Afghanistan, ma di tutti quei paesi che in questo istante soffrono.
    Ti abbraccio Patrizia
  9. Luca V 1
    , 28/11/2001 00:00
    TUTTE CONTMPORANEAMENTE?
    TUTTE LE DONNE SE LO SONO TOLTO E TUTTI I MARITI LE HANNO PICCHIATE?
    O SARA' QUALCHE CASO ISOLATO ED I GIORNALI CI MONTANO LA NOTIZIA?
    L'AFGHANISTAN ANCHE SENZA TALEBANI RESTA PER DETTA DEI MUSULMANI UNO DEI PAESI PIU' RELIGIOSI ED INTEGRALISTI DELL'ISLAM. LE DONNE HANNO SEMPRE PORTATO IL VELO.
    INTANTO OGGI CI SONO STATE LE ELEZIONI, LIBERE, AD HERAT DOPO PIU' DI 25 ANNI.
    NELLE IMMAGINI DI KABHUL SI VEDONO DONNE GIRARE CON IL VELO E NON CON IL BURKHA, HANNO RIAPERTO I CINEMA, LA VITA LENTAMENTE RINIZIA.
  10. Patrizia La mantia
    , 28/11/2001 00:00
    Per tutti

    NOTIZIA DELLE ORE 13:00 (TG1)

    LE DONNE AFGHANE TOLGONO IL BURQA E VENGONO PICCHIATE INSIEME AI LORO BAMBINI...UDITE UDITE! NON DAI TALEBANI MA DAI LORO STESSI MARITI....

    DISGUSTOSO!
  11. Marco Vigliani 4
    , 28/11/2001 00:00
    non dico di ammazzare tutti gli arabi!
    grossa parte di loro è contrario all'integralismo, perlomeno metà della popolazione, le donne.
    dico solo che i gravi squilibri esistenti tra occidente e terzo mondo, oltretutto ingigantiti da una globalizzazione che per ora è solo negativa, per loro, non si possono risolvere in 1 anno.
    ci vorranno, se mai ci sarà la volontà, decenni.
    ma il probleme del terrorismo di binladen e soci esiste, potrebbe riguardarci, potrebbero decidere di colpire l'europa. anche noi.
    è per questo motivo che ritengo che prima vada affrontato questa piaga, piccola rispetto al problema del terzo mondo, e poi cercare di affrontare i problemi veri. quelli che sono alla radice di questo scoppio di violenza.
    come ha detto qualcuno in questo forum, non mi ricordo chi, per volere la pace bisogna essere in due, almeno in due.
    da soli non si fa nulla.
    e bin laden non mi sembra mandi segnali pacificatori, anzi inneggia alla guerra santa!
    ciao
    marco
  12. laulissima
    , 28/11/2001 00:00
    marco diciamo che di base la pensiamo nella stessa maniera, solo che tu alla fine giustifichi una guerra ed io non ci riesco.
    non ho mai detto "4000 morti chi se ne frega" però come hai giustamente segnalato tu anche l'america ha sul groppone migliaia di vittime.
    io sono convinta che non è uccidendo i talebani e bin laden (colpevoli per carità e su questo siamo tutti d'accordo) che si risolverà ogni cosa.
    vanno puniti ok ma, io temo che per ogni bin laden ucciso ce ne siano altri pronti a prendere il suo posto.
    allora che si fa? buttiamo una bomba sui paesi arabi e facciamo prima?!?!?!!?
  13. Marco Vigliani 2
    , 28/11/2001 00:00
    ciao lau,
    la guerra non è mai una soluzione.
    purtroppo in certi casi diventa una necessità.
    cosa avrebbero dovuto fare gli usa? fare finta di nulla.
    dire, ok ci hanno ammazzato 4000 persone a n.y., però chissenefrga, in fondo noi abbiamo commesso delle porcate in mezzo mondo?
    scusarsi per tutte le cazzate compiute in sudamerica e asia?
    no ormai è tardi. governano il mondo, sono la prima potenza economico-militare, fanno spesso le veci dell'onu, che avrebbe funzioni di polizia internazionale, ma è troppo diviso in schieramenti...questi sono gli americani. sono i poliziotti del mondo. non mi piace nemmeno a me, ma è la realtà. e bin laden attaccandoli, sapeva benissimo quale sarebbe stata la loro reazione, e contava proprio su questa per dividere il mondo arabo.
    in più a trovato anche alcuni paesi, credo solo l'italia, dove tanta gente se ne lava le mani dicendo ne con binladen, ne con bush.
    intanto i talebani sono quasi spariti e gli afgani hanno qualche possibilità di vita decente in più. se prenderanno anche binladen e distruggeranno la sua organizzazione forse qualcosa si calmerà.
    allora si che tutti noi dovremmo manifestare e protestare, gridare e batterci per cambiare la realtà del mondo, la globalizzazione ed altre gravi pecche dell'occidente.
    prima, per me, però bisogna eliminare, anche fisicamene talebani, bin laden, e tutti i paesi teroristici. (anche israele ha grosse colpe).
    ciao
    marco
  14. laulissima
    , 28/11/2001 00:00
    marco io non ho la soluzione al problema però non credo che una guerra possa esserlo. mi sembra una soluzione troppo "facile".
    l'attacco a ny era risaputo poichè più volte bin laden ha minacciato gli usa.
    e poi mi sembra assurdo che dopo siano tutti in grado di sapere se bin laden fa pipì in piedi o seduto e prima nessuno abbiamo saputo vedere nulla.
    questione di interessi...prima faceva comodo all'america tenere un occhio chiuso.
    ciao
  15. Marco Vigliani 1
    , 27/11/2001 00:00
    concordo con luca,
    ma vorrei chiedere a lau, cosa si sarebbe dovuto fare?
    nulla?
    niente?
    lasciare finire tutto come in bosnja, far finta di niente come in molti paesi africani?
    occhio non vede cuor non duole?
    non credo che l'immobilismo sia una risposta.
    le origine di questo scoppiò terroristico sono lontane e condannabili, tutte, e condannano prinicpalmente i paesi occidentali ed i governi dei paesi arabi.
    ma per colpe terribili del passato, non si può non dare nessuna risposta. che clinton e bush andassero a nozze con i talebani per il petrolio è risaputo, che il regime arabo si a corrotto e pericoloso è risaputo, che i talebani fossero una dittatura brutale e selvaggia era molto meno conosciuto, che gli stati uniti dal 1998 stessere cercando di farsi consegnare bin laden prima dal sudan poi dall'afghanista er molto poco conosciuto. che bin laden fosse pronto a scatenare l'apocalisse su nwe york, non lo sapeva nessuno.
    che gli americani avrebbero reagito duramente lo sapevano tutti.
    che l'italia fosse l'unico paese diviso a metà contro una guerra, per me, giusta e sacrosanta, non lo avrebbe immaginato nessuno, tranne gli italiani.
    cia a tutti
  16. laulissima
    , 27/11/2001 00:00
    ma luca ci credi davvero a quello che scrivi?!?!?
    una soluzione duratura al problema?!?!?
    ma, ti prego!!!!
    e siamo già arrivati alla democrazia...sì sì le vedo le donne che vanno a votare in afganistan.
    tu credi che questo eccidio porterà davvero a un risultato sincero?
    adesso i talebani si ritrovano spiazzata ma, dai tempo al tempo e tutto tornerà come prima perchè non è questione di teste ma, di pensieri...