1. Il piacere del viaggio

    di , il 11/12/2011 12:16

    Viaggiare deve comportare il sacrificio di un programma ordinato a favore del caso, la rinuncia del quotidiano per lo straordinario, deve essere la strutturazione assolutamente personale delle proprie inclinazioni dove l’esigenza principale è la capacità di meravigliarsi senza calcolo predisposto"- H.Hesse

    ... Se c'è qualche ragazzo/a campano/a che condivide questa idea di vaggio... beh, io sono qui.

    Un saluto a tutti... Domenico (Avellino)

  2. cortomaltese1
    , 15/12/2011 17:34
    Ciao Paola...e grazie per aver risposto...e per aver apprezzato la frase di Hesse (che mi piace veramente tanto ;-) )...Per essere sincero fino in fondo a me in realtà piace pianificare il viaggio almeno per avere un'idea precisa delle cose da vedere in un posto (soprattutto se si ha poco tempo per vederle) e però poi sono, in ogni caso, sempre ben contento di perderne qualcuna quando - arrivato effettivamente alla meta - c'è la possibilità di divagare inseguendo gli umori del momento e i suggerimenti di chi un posto lo vive quotidianamente ;-)...in questo momento (purtroppo :-( ) non ho in previsione viaggi a breve scadenza...se però ti fa piacere possiamo provare a mantenere i contatti (è sempre una cosa positiva conoscere persone con i tuoi stessi interessi ;-) )...non so se sei su facebook...nel caso tu ci sia (e ti fa piacere) aggiungimi pure ai tuoi contatti (mi trovi con la mail cavdom74@yahoo.it) ....Intanto Intanto ti auguro buon proseguimento di settimana...Un saluto...Domenico
  3. dolphinn
    , 15/12/2011 12:56
    Ciao Domenico,



    bella la frase a cui ti sei ispirato per presentarti....cmq io sono Paola, 28 anni, Pugliese e adoro emozionarmi/meravigliarmi in ogni mio viaggio :-) e nn mi piace programmare nel minimo dettaglio, a volte e sempre se il luogo lo permette cerco di non consultare la cartina, ma mi lascio consigliare dalla gente del posto!

    Avevi in mente qlk viaggio?

    Ciao ciao

    Paola
  4. cortomaltese1
    , 11/12/2011 12:16
    Viaggiare deve comportare il sacrificio di un programma ordinato a favore del caso, la rinuncia del quotidiano per lo straordinario, deve essere la strutturazione assolutamente personale delle proprie inclinazioni dove l’esigenza principale è la capacità di meravigliarsi senza calcolo predisposto"- H.Hesse
    ...Se c'è qualche ragazzo/a campano/a che condivide questa idea di vaggio...beh, io sono qui ...un saluto a tutti...Domenico (Avellino)