1. Attività all'estero.

    di , il 16/9/2002 00:00

    Seguendo le puntate di Velisti per Caso, mi è piaciuta l'idea di una coppia francese (adesso non ricordo i nomi), di abbandonare i loro rispettivi lavori e di trasferirsi a Tonga per aprire un Resort...certo, non è facile, ma voi conoscete qualcuno che ha cambiato la propria vita così radicalmente da un giorno all'altro? Secondo voi, è così difficile poter realizzare una cosa del genere? Illuminatemi, perchè io questa follia la farei, mi manca il coraggio!....ah, anche i soldi!

  2. Turista Anonimo
    , 8/10/2002 00:00
    Vecchia a 35 anni? Nooo, affatto! E´ solo che sono affetta da un inguaribile "pessimismo costruttivo" che, a conti fatti, mi permette di godere ogni giorno come se fosse un regalo insperato del destino.
    Io nel mio pessimismo ci sto dentro benissimo, comoda e felice: e mi auguro che tutti i sedicenti ottimisti possano dire lo stesso di se´.
  3. Turista Anonimo
    , 4/10/2002 00:00
    Per Lorenza...scusa, ma tu a 35 anni, ti senti già vecchia?...Ussignur, ho letto il tuo intervento con i consigli per Serena, ma mi sembrava di sentir parlare mia nonna...scusa eh? Non voglio offenderti, ma un pò di allegria e positività mia cara...

    Per Giò, perchè dovrei fucilarti? Evidentemente non mi conosci abbastanza.
    Credo che le donne abbiano un tantino di coraggio in più rispetto agli uomini, quindi probabilmente a questo forum partecipano solo donne per questo motivo.

    Ciao Meg
  4. Turista Anonimo
    , 3/10/2002 00:00
    Io il salto sono riuscita a farlo, nel giro di un paio di mesi si parte e ci si trasferisce. Che dite, come li vedete tre anni a Bruxelles, con un bel lavoro stimolante, un ufficio in un palazzo assolutamente-da-urlo e la famiglia al seguito? Se pò fà?
  5. De Giò
    , 27/9/2002 00:00
    Leggendo tutti i messaggi, ho notato che il 90% delle risposte sono femminili. Tutte pronte a tagliar la corda dalla loro quotidianità senza pensarci due volte. Per irrequietezza o perchè stanche? sarebbe interessante entrare nella loro testolina....
    Megane, ti prego era solo una constatazione, non mi fucilare per questo.
    Giò
  6. Elena F.
    , 27/9/2002 00:00
    Partire per me è un must! Ho 26 anni ed è già un po' che penso, cerco, programmo...
    Prima o poi ce la farò!! Le mie mete?? Irlanda, Scozia, Australia ... beh in realtà ovunque !
    Nelle mie varie ricerche una buona opportunità che mi sento di segnalare a tutti gli esterofili è: Progetto LEONARDO. E' un progetto finanziato dall'UE e prevede 4 mesi (x iniziare) all'estero così suddivisi: 1 mese corso intensivo di lingua del paese ospitante, 3 mesi stage in azienda secondo proprie inclinazioni-esperienze.
    Volo A/R, vitto (1/2 pensione) e alloggio in famiglia o residence compresi.
    E' aperto a tutti (o quasi) 18-35 anni, laureati e non, occupati e non.
    Buona Fortuna a tutti (anche a me!)
    Ciao,
    Elena
  7. Rosalba Simenon de magistris
    , 26/9/2002 00:00
    Ciao a tutti, volevo solo dire che un'ottimo pretesto per partire, quando si é studenti e la famiglia ha un po' di difficoltà ad accettare l'idea di veder partire una figlia o un figlio, é partecipare al progetto ERASMUS.
    Questo progetto é un ottimo mezzo per introdursi in una nuova nazione senza troppi traumi, inoltre é un'esperienza di vita fantastica. Quando ho partecipato al progetto ERASMUS, 6 anni fa, sono partita prima per 5 mesi che ho prolungato a 8, e una volta rientrata in Italia, ero talmente scombussolata che ho lasciato tutto fidanzato di 6 anni, famiglia, amici, e sono ritornata a vivere a Parigi da sola. Oggi sono contentissima ed é un vero piacere ritornare in Italia e ritrovare tutti i miei amici e la mia famiglia. Un solo consiglio per chi stà studiando ed ha deciso di trasferirsi, prima di istallarsi definitivamente all'estero, finite gli studi, si hanno molti meno problemi per trovare un lavoro ben pagato.
  8. frenci
    , 26/9/2002 00:00
    Chi conosco che ha mollato tutto per un paese straniero:
    1 che è a Madrid...troppo vicino? Ok
    1 che è a Boston...non male!
    1 che è in Bolivia (ma lo conosco poco)
    1 a Lombok (ma credo che torni tra non molto)
    1 ha vissuto 3 anni in Australia (è quella che adesso è a Madrid)
    poi: uno spagnolo, due tedesche e un'argentina che vivono in Italia...e sono i miei colleghi di lavoro....
    e poi ( me ne vengono in mente parecchi quindi mi fermo qui!)
    Se po' ffa ;)
  9. Serena Cirina
    , 25/9/2002 00:00
    Trasferirmi all'estero sarebbe uno dei miei sogni ma niente sembra essere dalla mia parte.I miei amici e i miei genitori sembrano non prendermi sul serio...pensano che le mie siamo idee strampalate..Ho fatto alcuni viaggi ma ciò che mi ci vorrebbe è una lunga permanenza lontano lontano. Caro Marco, vorrei conoscere qualcuno come te.Intanto mi sono iscritta in antropologia e frequento un corso di arabo...Speriamo che mi mandino lontano a studiare una strana etnia!!!!
  10. Serena Cirina
    , 25/9/2002 00:00
    Trasferirmi all'estero sarebbe uno dei miei sogni ma niente sembra essere dalla mia parte.I miei amici e i miei genitori sembrano non prendermi sul serio...pensano che le mie siamo idee strampalate..Ho fatto alcuni viaggi ma ciò che mi ci vorrebbe è una lunga permanenza lontano lontano. Caro Marco, vorrei conoscere qualcuno come te.Intanto mi sono iscritta in antropologia e frequento un corso di arabo...Speriamo che mi mandino lontano a studiare una strana etnia!!!!
  11. Turista Anonimo
    , 25/9/2002 00:00
    Serena hai l'età giusta per girare il mondo! Pensa che ho sempre detto ai ragazzi che prendevo in stage di approfittarne dell'età e cominciare a girare, girare, girare...(un ragazzo sono riuscito a farlo lavorare sia a Londra che in Sud Africa, poi faceva la stagione estiva da me...quando l'ho lasciato stavamo provando di spedirlo in Australia...18 anni e tanta voglia di lavorare e vivere tra la gente) Un posto di lavoro si trova sempre. Al momento io mi sono fermato, ho 42 anni, una famiglia ed un bimbo di 13 mesi...sto solo aspettando che superi il 2° anno, poi riprenderemo i viaggi un pò più seri e ....lavorare all'estero?, perchè no - ogni tanto anche noi in casa ne parliamo e mia moglie lo sa, io non ci metto molto a partire...
    Quindi datti da fare, parti e scopri quanta gente in giro per il mondo ti sta aspettando per insegnarti la gioia della vita. Paura di lasciare qualche amico? pensa a quanti ne troverai di nuovi e quelli che ritroverai al tuo rientro.
    DAI, PARTI!!!!!!
  12. Turista Anonimo
    , 25/9/2002 00:00
    Cara Serena,
    non aver mai paura per il semplice fatto di essere ancora tanto giovane, beata te. Alla tua età, quando stavo per iniziare l'Università, ero una secchiona goffa, sola, timida, insicura e provinciale: una vera frana. Ora a 35 anni ho una famiglia, una figlia, una casa, un bel lavoro che mi dà tante soddisfazioni e che probabilmente presto mi porterà a vivere all'estero ... e se ce l'ho fatta io che per molti versi sono ancora un'autentica schiappa figurati dove puoi arrivare tu!
    Buona vita e non abbatterti mai.
  13. Serena Cirina
    , 24/9/2002 00:00
    So di una persona che ha mollato il suo lavoro per approdare all Barbados dove si è impegnata nella realizzazione di una barca rudimentale...Non è stupendo?? E io mi trovo così stupida, con la mia vita piatta fatta di università,di inutili preoccupazioni e di paure.E ho solo 19 anni...
  14. Rosalba Simenon de magistris
    , 24/9/2002 00:00
    Credo non sia facile lasciar tutto e tutti e partire, ma con una buona organizzazione non é impossibile, con mio marito ci stiamo organizzando per partire l'anno prossimo su una barca con la nostra piccolina di 10 mesi per fare il giro del mondo e eventualmente installarci in un posto che riterremo adeguato. Sono eccitata da questa idea ma nello stesso tempo mi fa molta paura, per l'incognito che ci aspetta. Credo che sia peggio passare il resto della propria vita a rimpiangere quello che si aveva voglia di fare. Ci vuole solo un pizzico di incoscienza per non pensare a tutti i problemi che ci potrebbero essere, e tanta organizzazione. Ti consiglio se hai davvero voglia di partire di contattare oltre all'ICE, le diverse camere di commercio Italiane all'estero ce ne sono in tutto il mondo, sono degli ottimi punti di riferimento per gli italiani che si trasferiscono, puoi trovare molti indirizzi di associazioni e società già installate che potrebbero esserti utili.
  15. Turista Anonimo
    , 23/9/2002 00:00
    E' piuttosto probabile che a breve lo farò, attendo solo una certa lettera di convocazione e poi via!
  16. Miriam De bortoli
    , 23/9/2002 00:00
    Ho una cugina che ha lasciato tutto per aprire un diving a Rangiroa assieme al suo compagno francese. Vivono di quello che c'è e mi sa proprio che sono felici. Purtroppo non sono ancora riuscita ad andarli a trovare e da un lato forse è meglio cosi'. Per il momento non posso permettermi di chiudere la porta di casa e andarmene con il mio compagno lontano dal nostro paese e di conseguenza starei troppo male a vederli in paradiso. Speriamo che sia vero che..il paradiso può attendere...perchè io vorrei riuscire a vivere in un altro modo, prima o poi.