1. Velista non tanto per caso...

    di , il 3/9/2002 00:00

    Volevo sentire l'opinione di altri sul velista per caso scelto dalla redazione. Io non sono molto d'accordo. Premetto che io non avevo mandato nessuna videolettera, ma un non vedente con una comprovata esperienza velistica, che tra l’altro è già stato in Australia per una regata, non mi sembra tanto “velista per caso”. Mi sembra piuttosto il classico perbenismo/sentimentale all'italiana, lo stesso che fa classificare una non vedente a Sanremo o fa vincere una ragazza di colore “niente di speciale” a Miss Italia. Non sarebbe stato meglio scegliere qualcuno (anche non vedente per carità) che non era mai stato su una barca a vela o che comunque non aveva mai viaggiato così lontano?

  2. Igor De ruitz
    , 3/9/2002 00:00
    Volevo sentire l'opinione di altri sul velista per caso scelto dalla redazione. Io non sono molto d'accordo. Premetto che io non avevo mandato nessuna videolettera, ma un non vedente con una comprovata esperienza velistica, che tra l’altro è già stato in Australia per una regata, non mi sembra tanto “velista per caso”. Mi sembra piuttosto il classico perbenismo/sentimentale all'italiana, lo stesso che fa classificare una non vedente a Sanremo o fa vincere una ragazza di colore “niente di speciale” a Miss Italia. Non sarebbe stato meglio scegliere qualcuno (anche non vedente per carità) che non era mai stato su una barca a vela o che comunque non aveva mai viaggiato così lontano?