1. Patrizio & Syusy Bologna: Green Social Festival: l'ambiente che vorrei!

    di , il 4/3/2011 16:14

    Partecipa agli incontri con Patrizio e Syusy dal 9 al 13 marzo a Bologna, fuori e dentro la yurta!

  2. rosa240
    , 11/3/2011 19:49
    1 Luglio 2010, dopo circa 40 anni di onesto lavoro, sono approdato all'agognata pensione. Molti la vivono come inizio della fine, come ingresso nel mondo dei "vecchi" io, credo, è l'inizio di una nuova vita, ho cercato di programmare gli anni a venire e, prima di andare a vedere le margherite crescere dalla parte delle radici, mi sono imposto di vedere la "crosta" su cui viviamo e, dal 2 lugio ad oggi ho macinato diverse decine di migliaia di miglia visitando Cabo Verde, la Sicilia, gli Emirati Arabi, l'Australia, la Thailandia, Zanzibar, Portogallo, Spagna, Tunisia, Egitto godendo delle meraviglie che ogni luogo mi offriva e soffrendo per quanto mi accorgevo che noi, estremamente bravi ad utilizzare le nuove tecnologie e ritrovati scientifici, abbiamo fatto e continuiamo a fare per distruggere quanto di bello ci troviamo attorno. Grandi "menti" ci hanno dato il loro frutto per alleggerire i fardelli del genere umano e "menti" meschine ne hanno profittato per rivolgerle contro lo stesso genere (Nobel con la dinamite per aiutare i minatori e statisti e militari per tramutare questa invenzione in un'arma bellica; La scissione dell'atomo per dare nuova fonte di energia e i soliti militari e statisti per farne un'arma di distruzione immane che già tante vittime ha causato (la difesa è che quelle vite ne hanno salvato innumerevoli altre non mettendo nel numero quelle morti in seguito per le radiazioni). L'Italia, all'inizio dell'era dell'automobile, aveva progettato una vettura ecologica ma, dato che si era cominciato a raffinare il petrolio per ricavarne un carburante per i motori a scoppio, i cartelli nati fra le Compagnie petrolifere hanno costretto a scegliere la strada dei motori a scoppio per incrementare i propri profitti poco curandosi che il depauperamento delle falde petrolifere avrebbero prodotto dei dissestamenti con conseguenze nefaste.
    Oggi, in paesi del nord europa, si è scelto come forma di procacciamento di energia alternativa alle turbine ad olio o a petrolio o ad acqua, quella del solare o dell'eolico mentre noi, paese del sole, malgrado un referendum che l'aveva respinto, ritorniamo all'idea del Nucleare (poco importa se le scorie che produrremo saranno un problema per i nostri figli e per i nostri discendenti, tanto non li conosciamo ne li conosceremo) Perchè questi miliardi di euro non si danno ai privati per mettere in atto tanti pannelli solari che possono servire per i loro usi e il maggior prodotto darlo a chi ne abbisogna? Le scelte fatte dai vari governi per diminuire l'inquinamento atmosferico ogni volta procrastinati per ovvi interessi delle "Fabbriche" che li sovvenzionano, stanno sempre più portando al collasso la nostra terra e già "Madre Natura" ci sta sculacciando facendoci assistere al grande spettacolo del "Disgelamento" dei millenari ghiacciai (con il rischio di estinzione della fauna che lì vive); alla megagalattica scena delle ondi alte più di 10 metri che danno origine agli Tsunami (con la partecipazione di migliaia di vittime); Agli stupendi terremoti che, ormai, riescono facilmente a meravigliarci raggiungendo i 9 gradi della scala mercalli e, se ciò non bastasse, si aggiungano alluvioni, straripamenti di fiumi, crolli di intere montagne ecc..
    Una domanda (ma credo sarà difficile ottenere una risposta):
    A quando tutti i governi del mondo cominceranno a rispettare la "GRANDE MADRE" e a prendere quelle giuste decisioni che porterebbero alla salvezza dell'umanità (RENDETEVI CONTO CHE SE IL MONDO PERISCE, NON VI PORTERETE DIETRO I VOSTRI AVERI! PERIRETE CON ESSO E, SE SIETE RELIGIOSI, NON GODRETE, NELL'ALDILA' NEANCHE IL FRUTTO DEL VOSTRO DISSENNATO VIVERE!)
  3. Turisti Per Caso.it
    , 4/3/2011 16:14
    Partecipa agli incontri con Patrizio e Syusy dal 9 al 13 marzo a Bologna, fuori e dentro la yurta!