1. Diario di Viaggio Rajasthan: India del nord (Rajasthan, Varanasi e Calcutta) Minuto per minuto

    di , il 14/1/2011 12:27

    Un sogno? L'India! Un brutto sogno (la miseria, la sporcizia...), un bel sogno (i sorrisi della gente, i colori, i templi...), un sogno che a volte non ricordo (che lingue complicate l'Hindi e il Rajasthani, quanti nomi di divinità...), ma che al risveglio mi ha lasciato la sensazione di ciò che ho provato: piacevole come i profumi dell'incenso, delle collane di fiori... o d'angoscia come gli sguardi e i gesti inequivocabili di chi ha bisogno di te per sopravvivere; un sogno che vorrei continuare anche domani notte, un sogno che mi ha lasciato il buon sapore del sweet lassie o del masala tea e di disgusto della realtà cruda di una stazione invasa da ratti o di una strada lercia dove bivaccano disperati; mi sono risvegliata leggera per esser stata in un paradiso dove tanti erano i visi sereni e pieni di pace, quelli di coloro che pregavano... e nello stesso tempo pesante per aver visitato un girone dell'inferno con la grossa differenza che lì nessuno aveva peccati mortali da espiare! Un sogno colorato dove nulla è scontato, dove tutto è possibile, all is possible, all is permit, un sogno incredibile, come l'Incredibile India.

  2. bertol
    , 11/8/2012 19:16
    Ho fatto una decina di viaggi in India nell'arco di trent'anni e voglio consigliare a chi non sopporta i ritmi forzati dei tour organizzati ma anche non se la sente di fare un totale faidate di ricorrere ai drivers. Negli ultimi viaggi, avanzando l'età, mi preparo il viaggio ed i luoghi da visitare (ed eventualmente gli hotel) e poi telefono o mando email a due straordinari drivers, saltando tutte le intermediazioni. Con circa 50 euro al giorno (auto + benzina ed autostrada +guidatore e suo vitto e alloggio) posso viaggiare dove e quando voglio. Sono due guidatori professionali e responsabili,di grande disponibilità, parlano un semplice inglese, e conoscono a memoria il Rajastan, il Gujarat, l'Himala Pradesh ed il Punjap, oltrechè le città più importanti del nord come Agra e Varanasi. Uno si chiama Vivek, simpaticissimo, un bramino ovunque ben accolto anche nei villaggi più sperduti (il suo email è: vivek_hathila@yahoo.co.in ) ; l'altro si chiama Vipin ( il suo cell è 00919772264899 oppure 00919868083035 ) . Li consiglio vivamente, vi vengono a prendere in aereoporto o hotel e vi riportano all'aereoporto alla fine del viaggio. E il costo si ripaga con i soli loro suggerimenti su dove dormire e dove mangiare.
  3. Luna Lecci
    , 3/10/2011 18:27
    Ciao Piero,
    lascia stare le remore e... parti per l'India! Per quanto riguarda Sonia Gandhi hai ragione, ma mi sono fidata, nello scrivere il mio reportage, delle notizie datemi dalle guide! Non ho quasi mai l'abitudine di fare una controprova... ma per fortuna ci sono persone attente come te che mi fanno imparare ancor di più.
    Buoni preparativi e spero buon viaggio,
    LUNA
  4. Luna Lecci
    , 3/10/2011 18:24
    Ciao di nuovo.
    Ilc osto della vita è veramente basso! Anche se mangi sempre in posti turistici non spenderai mai più di euro 10-15 in due. Le mance sono a tua discrezione, ma comunque non vanno oltre gli euro 2-3. Le entrate culturali sono quasi sempre gratuite, si paga la tassa per portarsi dietro telecamera o macchina fotografica (a parte il Taji Mahal). Se leggi attentamente il mio resoconto, comunque, tutte queste spese sono specificate.
    Un salutone, LUNA
  5. Luna Lecci
    , 3/10/2011 18:21
    Ciao, scusa se ti rispondo solo ora ma... leggo la tua mail solo in questo momento!
    Sul treno.. che dirti? E' un'esperienza che ti fa ancor più vivere l'India, ma non lo consiglio. E' meglio prendere l'aereo sia perché i treni sono molto sporchi, sia perché non hai l'esclusiva della cuccetta e quindi devi condividerla con chi ti capita, sia perché sono sempre in ritardo e sia perché non c'è un grandissimo risparmio (a meno che non viaggi in classe bassa)!
    Buona preparazione, LUNA
  6. Piero2
    , 12/5/2011 09:48
    Bel giro davvero. L' India è affascinante. Mi piacerebbe andarci anche se ho qualche remora . Quanto alla citata Sonia Gandhi desidero precisare che è di origine veneta, vicentina (Lusiana), non torinese come credono molti...
  7. Serena Pasini
    , 1/3/2011 09:01
    ..dimenticavo..vale la pena prendere l'aereo x VARANASI o il treno notturno è tranquillo?
  8. Serena Pasini
    , 1/3/2011 09:00
    Ciao, stavo valutando anch'io per quest'estate un tour con Karni, mi sapresti dire più o meno quanto devo calcolare di budget giornaliero per cibo, mance ed entrate culturali?Grazieee
  9. natastanca
    , 21/1/2011 10:15
    SORPRESAAA...!!!!! Grande Lunina...
  10. juicefull
    , 20/1/2011 17:09
    Complimenti per lo splendido giro che avete fatto! Penso che quest'anno rspirerò anche io l'aria indiana, credo sarà un esperienza unica! saluti
  11. Biagio munciguerra
    , 18/1/2011 01:06
    Salve a tutti
  12. Luna Lecci
    , 14/1/2011 12:27
    Un sogno? L'India! Un brutto sogno (la miseria, la sporcizia...), un bel sogno (i sorrisi della gente, i colori, i templi...), un sogno che a volte non ricordo (che lingue complicate l'Hindi e il Rajasthani, quanti nomi di divinità...), ma che al risveglio mi ha lasciato la sensazione di ciò che ho provato: piacevole come i profumi dell'incenso, delle collane di fiori... o d'angoscia come gli sguardi e i gesti inequivocabili di chi ha bisogno di te per sopravvivere; un sogno che vorrei continuare anche domani notte, un sogno che mi ha lasciato il buon sapore del sweet lassie o del masala tea e di disgusto della realtà cruda di una stazione invasa da ratti o di una strada lercia dove bivaccano disperati; mi sono risvegliata leggera per esser stata in un paradiso dove tanti erano i visi sereni e pieni di pace, quelli di coloro che pregavano... e nello stesso tempo pesante per aver visitato un girone dell'inferno con la grossa differenza che lì nessuno aveva peccati mortali da espiare! Un sogno colorato dove nulla è scontato, dove tutto è possibile, all is possible, all is permit, un sogno incredibile, come l'Incredibile India.