1. 1: Cucina

    di , il 22/12/2010 10:05

    E' un tipico dolce trentino e altoatesino dalle numerose varianti. Facile e di grande effetto.

    Ingredienti per 8 persone

    200 g di fichi secchi a tagliati a striscioline 200 g di un misto di noci e mandorle pelate e tritate 2 cucchiai colmi di pinoli 4 cucchiai di uvetta sultanina ammollata nell'acqua tiepida 3 uova 100 g di frutta candita assortita e tagliata a dadini 1/2 bicchiere di rum Un pizzico di cannella in polvere 2 chiodi di garofano pestati La scorza grattugiata di mezzo limone 80 g di burro 120 g di zucchero 200 g di farina doppio zero setacciata (oppure 100 g di farina di frumento e 100 g di farina di segale) 10 g di lievito in polvere assolutamente non vanigliato

    Preparazione

    Mettete tutta la frutta, candita e secca, a riposare in mezzo bicchiere di rum con la cannella e i chiodi di garofano. Sbattete bene con la frusta il burro fuso con lo zucchero e poi incorporate, uno alla volta, due uova intere. Continuate a lavorare come per fare uno zabaione, quando è pronto, unite la farina, ammorbidite il composto con mezzo bicchiere di latte tiepido e unite la frutta e la buccia di limone grattugiata. Lavorate ancora e con pazienza fino a ottenere un composto fluido e vellutato, poi versatelo in una teglia tonda, imburrata e infarinata. Spennellate la superficie del dolce con l'uovo sbattuto e cuocete in forno preriscaldato a 180 gradi per 40 minuti. Io preferisco non guarnire la superficie con mandorle e canditi perché conservi un aspetto più rustico di pane dolce. Voi fate come preferite!

    (Ringraziamo per la foto Miriam Giudici)

  2. Turisti Per Caso.it
    , 22/12/2010 10:05
    E' un tipico dolce trentino e altoatesino dalle numerose varianti. Facile e di grande effetto.

    <h3>Ingredienti per 8 persone</h3>
    200 g di fichi secchi a tagliati a striscioline
    200 g di un misto di noci e mandorle pelate e tritate
    2 cucchiai colmi di pinoli
    4 cucchiai di uvetta sultanina ammollata nell'acqua tiepida
    3 uova
    100 g di frutta candita assortita e tagliata a dadini
    1/2 bicchiere di rum
    Un pizzico di cannella in polvere
    2 chiodi di garofano pestati
    La scorza grattugiata di mezzo limone
    80 g di burro
    120 g di zucchero
    200 g di farina doppio zero setacciata (oppure 100 g di farina di frumento e 100 g di farina di segale)
    10 g di lievito in polvere assolutamente non vanigliato

    <h3>Preparazione</h3>
    Mettete tutta la frutta, candita e secca, a riposare in mezzo bicchiere di rum con la cannella e i chiodi di garofano. Sbattete bene con la frusta il burro fuso con lo zucchero e poi incorporate, uno alla volta, due uova intere. Continuate a lavorare come per fare uno zabaione, quando è pronto, unite la farina, ammorbidite il composto con mezzo bicchiere di latte tiepido e unite la frutta e la buccia di limone grattugiata. Lavorate ancora e con pazienza fino a ottenere un composto fluido e vellutato, poi versatelo in una teglia tonda, imburrata e infarinata. Spennellate la superficie del dolce con l'uovo sbattuto e cuocete in forno preriscaldato a 180 gradi per 40 minuti. Io preferisco non guarnire la superficie con mandorle e canditi perché conservi un aspetto più rustico di pane dolce. Voi fate come preferite!

    (Ringraziamo per la foto <a href="http://www.flickr.com/photos/strawberrymaya/" target="_blank" rel="nofollow">Miriam Giudici</a>)