1. 1: Diario di Viaggio

    di , il 22/9/2010 16:05

    Siamo una coppia di Firenze e lo scorso week-end siamo stati a Ferrara per un fine settimana romantico in una città di cui tutti i nostri amici e conoscenti ci avevano sempre parlato benissimo. Devo dire che tutto quanto ci avevano raccontato corrisponde al vero…Ferrara è davvero una bellissima città ricca di storia e fascino e merita davvero una visita. Purtroppo avevamo solo due giorni (scarsi visto che siamo arrivati il sabato all’ora di pranzo e siamo ripartiti domenica a tarda serata) ma, non essendo Ferrara una metropoli, siamo riusciti bene o male a girarla per buona parte vedendo e visitando tutto quello che ci interessava. Non conoscendo molto della città, e avendo a disposizione solo le informazioni trovate in internet, ci siamo recati all’Ufficio informazioni (gentilissimi!) per farci consigliare qualche itinerario da seguire e cosa non potevamo proprio mancare! Usciti dalla porta dell'Ufficio la prima tappa: il Castello Estense, vero simbolo della città e una delle poche fortezze europee, abbiamo poi scoperto, che abbiano ancora il fossato intorno! Mappa alla mano ci siamo, poi, addentrati verso il cuore della città scoprendo una piazza davvero incantevole, che mi è piaciuta forse come la “nostra” Piazza della Signoria (che però, per spirito di campanile, è più bella!): la grande Cattedrale gotica, davvero spettacolare, e l’imponente Palazzo Municipale la incorniciano in un modo davvero stupendo! Mentre rimanevamo a contemplare la piazza un’altra cosa che ci ha colpiti è stata l’enorme quantità di biciclette…quante ce n’erano!! Spuntavano da tutte le parti, di ogni colore, vecchie, nuove, una quantità pazzesca! Che invidia trovare ancora una città che rimane ancora a misura d’uomo! Ci siamo fatti ingolosire e, grazie alle biciclette che il nostro hotel ci ha messo a disposizione, abbiamo occupato il resto del pomeriggio per un giro nella parte ebraica, prima, e rinascimentale, poi, della città fermandoci infine nella Piazza Ariostea dove abbiamo approfittato della bella giornata per prendere un po’ di sole! La domenica, invece, l’abbiamo dedicata all’arte: sulla guida della città ci aveva incuriosito il nome di Palazzo Schifanoia (che se vogliamo essere sinceri non conoscevamo affatto!) e così siamo andati a visitarlo: dentro è davvero una meraviglia con dei cicli di affreschi da rimanere a perdifiato. Palazzo dei Diamanti, invece, non siamo riusciti a vederlo visto che, la domenica pomeriggio, non apre….peccato ma sarà la nostra scusa per tornare a Ferrara prossimamente. Da fuori, comunque, lascia davvero a bocca aperta. Anche la cucina è davvero buona…certo noi toscani non possiamo lamentarci ma alcuni piatti della tradizione ferrarese meritano davvero di essere gustati almeno una volta nella vita: io ho mangiato la celebre “salama da sugo” e devo dire che non mi è affatto dispiaciuta…un po’ forte come gusto (e non consigliabile a chi si deve poi mettere a guidare visto che come mi ha spiegato il cameriere viene impastata con il vino!!!) ma decisamente da provare! Un gusto unico... E i cappellacci con la zucca…lì è scattato l'amore vero! Ho dovuto supplicare la mia fidanzata perché andassimo a comprarne un po’ da portare a casa ma poi mi sono ricordato che era domenica e non li ho trovati!!! Non demordo però e ho preso appunti su dove poterli ordinare... Che buoni! Purtroppo avevamo solo due giorni liberi dal lavoro e il tempo è davvero volato…. Ci siamo, però, ripromessi, di tornare a Ferrara che ricorderemo senz’altro con piacere e porteremo nel cuore! Soprattutto per i cappellacci...

  2. paulino72
    , 22/9/2010 16:05
    Siamo una coppia di Firenze e lo scorso week-end siamo stati a Ferrara per un fine settimana romantico in una città di cui tutti i nostri amici e conoscenti ci avevano sempre parlato benissimo. Devo dire che tutto quanto ci avevano raccontato corrisponde al vero…Ferrara è davvero una bellissima città ricca di storia e fascino e merita davvero una visita. Purtroppo avevamo solo due giorni (scarsi visto che siamo arrivati il sabato all’ora di pranzo e siamo ripartiti domenica a tarda serata) ma, non essendo Ferrara una metropoli, siamo riusciti bene o male a girarla per buona parte vedendo e visitando tutto quello che ci interessava. Non conoscendo molto della città, e avendo a disposizione solo le informazioni trovate in internet, ci siamo recati all’Ufficio informazioni (gentilissimi!) per farci consigliare qualche itinerario da seguire e cosa non potevamo proprio mancare! Usciti dalla porta dell'Ufficio la prima tappa: il Castello Estense, vero simbolo della città e una delle poche fortezze europee, abbiamo poi scoperto, che abbiano ancora il fossato intorno! Mappa alla mano ci siamo, poi, addentrati verso il cuore della città scoprendo una piazza davvero incantevole, che mi è piaciuta forse come la “nostra” Piazza della Signoria (che però, per spirito di campanile, è più bella!): la grande Cattedrale gotica, davvero spettacolare, e l’imponente Palazzo Municipale la incorniciano in un modo davvero stupendo! Mentre rimanevamo a contemplare la piazza un’altra cosa che ci ha colpiti è stata l’enorme quantità di biciclette…quante ce n’erano!! Spuntavano da tutte le parti, di ogni colore, vecchie, nuove, una quantità pazzesca! Che invidia trovare ancora una città che rimane ancora a misura d’uomo! Ci siamo fatti ingolosire e, grazie alle biciclette che il nostro hotel ci ha messo a disposizione, abbiamo occupato il resto del pomeriggio per un giro nella parte ebraica, prima, e rinascimentale, poi, della città fermandoci infine nella Piazza Ariostea dove abbiamo approfittato della bella giornata per prendere un po’ di sole! La domenica, invece, l’abbiamo dedicata all’arte: sulla guida della città ci aveva incuriosito il nome di Palazzo Schifanoia (che se vogliamo essere sinceri non conoscevamo affatto!) e così siamo andati a visitarlo: dentro è davvero una meraviglia con dei cicli di affreschi da rimanere a perdifiato. Palazzo dei Diamanti, invece, non siamo riusciti a vederlo visto che, la domenica pomeriggio, non apre….peccato ma sarà la nostra scusa per tornare a Ferrara prossimamente. Da fuori, comunque, lascia davvero a bocca aperta. Anche la cucina è davvero buona…certo noi toscani non possiamo lamentarci ma alcuni piatti della tradizione ferrarese meritano davvero di essere gustati almeno una volta nella vita: io ho mangiato la celebre “salama da sugo” e devo dire che non mi è affatto dispiaciuta…un po’ forte come gusto (e non consigliabile a chi si deve poi mettere a guidare visto che come mi ha spiegato il cameriere viene impastata con il vino!!!) ma decisamente da provare! Un gusto unico... E i cappellacci con la zucca…lì è scattato l'amore vero! Ho dovuto supplicare la mia fidanzata perché andassimo a comprarne un po’ da portare a casa ma poi mi sono ricordato che era domenica e non li ho trovati!!! Non demordo però e ho preso appunti su dove poterli ordinare... Che buoni! Purtroppo avevamo solo due giorni liberi dal lavoro e il tempo è davvero volato…. Ci siamo, però, ripromessi, di tornare a Ferrara che ricorderemo senz’altro con piacere e porteremo nel cuore! Soprattutto per i cappellacci...