1. 1: Diario di Viaggio

    di , il 7/9/2010 17:43

    Quest'anno partiamo alla volta dello splendido mare di Lanzarote.

    VOLO. Ovviamente Ryanair: Roma-Bruxelles/Charleroi e Bruxelles/Charleroi-Arracife (Lanzarote).

    PERNOTTAMENTO. A Charleroi abbiamo dormito presso l’Etap Hotel (www.hetaphotel.com ), vicino sia all’aeroporto (utile se devi partire alle 7 del mattino!!!) sia alla cittadina di Charleroi ed è convenzionato con una compagnia di taxi (Comfort Taxi), che ti porta ovunque. A Lanzarote abbiamo soggiornato in un appartamento a Costa Teguise (www.lanzaroterent.es ), a 50 mt dal mare.

    SPOSTAMENTI. Abbiamo affittato un’auto, tramite internet, qualche settimana prima di partire. Vi consiglio invece di prenotare in loco (a Costa Teguise ci sono molte agenzie): risparmierete!!! Attenzione però: girate più agenzie perché i prezzi variano molto, anche tra agenzie appartenenti alla stessa catena.

    SPIAGGE. Sono tutte splendide e con un mare trasparente. Consiglio Playa Papagayo (3 euro a macchina), bellissima ma alle 13 circa inizia a salire la marea che vi costringerà a stare per un paio d’ore sulle rocce. Benchè nei mesi di giugno, luglio e agosto l’isola sia sempre spazzata dal vento (tutto il giorno, senza fermarsi mai) questa è una delle pochissime spiagge dove il vento si placa. Infine, vi è un unico chiosco bar che fa anche da ristorante:imperdibile!!!Inoltre consiglio anche la spiaggia di Arracife, vicino al Grand Hotel perché ci sono le palme che fanno ombra e il mare non è subito profondo, dunque ottimo per i bimbi.

    DA VEDERE. Può essere utile consultare il sito: www.centrosturisticos.com. Noi abbiamo visitato: Jameos del Agua, Parco National de Timanfaya (Rute de Cammellos e Montanas del Fuego), Jardin de Cactus, Lago de Los Clicos (El Golfo).

    CIBO. Come già detto, da non perdere il chiosco bar a Playa Papagayo (aperto solo a pranzo). Vi sconsiglio di ordinare il pescado del dias sia perché lo condiscono con molto aglio sia perché il pesce dell’Atlantico non ha un sapore così piacevole come quello del Mediterraneo. Vi consiglio, invece, di assaggiare la Fideua (una piccola pasta condita alla maniera della paella), il bienmesabe col gelato ( dolce a base di mandorle e miele), il polipo e i calamari in qualsiasi modo.

    Le persone sono molto cordiali e ci hanno consigliato i mesi di settembre e ottobre per l’assenza del vento, che però serviva a non sentire i 40 gradi! L’isola merita un soggiorno: è un paesaggio particolare, quasi lunare ma non inquietante. E’ la meta adatta a chi ama il mare e la natura, però fuori dai classici circuiti turistici. Buon viaggio a tutti!!!

  2. doni77
    , 7/9/2010 17:43
    Quest'anno partiamo alla volta dello splendido mare di
    Lanzarote.

    VOLO. Ovviamente Ryanair: Roma-Bruxelles/Charleroi e
    Bruxelles/Charleroi-Arracife (Lanzarote).

    PERNOTTAMENTO. A Charleroi abbiamo dormito presso l’Etap
    Hotel (<a href="http://www.hetaphotel.com/" target="_blank" rel="nofollow">www.hetaphotel.com</a> ), vicino sia all’aeroporto (utile se devi partire alle 7 del mattino!!!) sia alla cittadina di Charleroi ed è convenzionato con una compagnia di taxi (Comfort Taxi), che ti
    porta ovunque. A Lanzarote abbiamo soggiornato in un appartamento a Costa Teguise (<a href="http://www.lanzaroterent.es/" target="_blank" rel="nofollow">www.lanzaroterent.es</a> ), a 50 mt dal mare.

    SPOSTAMENTI. Abbiamo affittato un’auto, tramite internet,
    qualche settimana prima di partire. Vi consiglio invece di prenotare in loco (a Costa Teguise ci sono molte agenzie): risparmierete!!! Attenzione però: girate più agenzie perché i prezzi variano molto, anche tra agenzie appartenenti alla stessa catena.

    SPIAGGE. Sono tutte splendide e con un mare trasparente.
    Consiglio Playa Papagayo (3 euro a macchina), bellissima ma alle 13 circa inizia a salire la marea che vi costringerà a stare per un paio d’ore sulle rocce. Benchè nei mesi di giugno, luglio e agosto l’isola sia sempre spazzata dal vento (tutto il giorno, senza fermarsi mai) questa è una delle pochissime spiagge dove il vento si placa. Infine, vi è un unico chiosco bar che fa anche da ristorante:imperdibile!!!Inoltre consiglio anche la spiaggia di Arracife, vicino al Grand Hotel perché ci sono le palme che fanno ombra e il mare non è subito profondo, dunque ottimo per i bimbi.

    DA VEDERE. Può essere utile consultare il sito: <a href="http://www.centrosturisticos.com/" target="_blank" rel="nofollow">www.centrosturisticos.com</a>. Noi abbiamo visitato: Jameos del Agua, Parco National de Timanfaya (Rute de Cammellos e Montanas del Fuego), Jardin de Cactus, Lago de Los Clicos (El
    Golfo).

    CIBO. Come già detto, da non perdere il chiosco bar a Playa Papagayo (aperto solo a pranzo). Vi sconsiglio di ordinare il pescado del dias sia perché lo condiscono con molto aglio sia perché il pesce dell’Atlantico non ha un sapore così piacevole come quello del Mediterraneo. Vi consiglio, invece, di assaggiare la Fideua (una piccola pasta condita alla maniera della paella), il bienmesabe col gelato ( dolce a base di mandorle e miele), il
    polipo e i calamari in qualsiasi modo.

    Le persone sono molto cordiali e ci hanno consigliato i mesi di settembre e ottobre per l’assenza del vento, che però serviva a non sentire i 40 gradi! L’isola merita un soggiorno: è un paesaggio particolare, quasi lunare ma non inquietante. E’ la meta adatta a chi ama il mare e la natura, però fuori dai classici circuiti turistici. Buon viaggio a tutti!!!