1. Diario di Viaggio Calabria: Reggio Calabria: magico incontro tra i monti e il mare

    di , il 6/9/2010 17:55

    Una provincia che racchiude in se diverse nature quali conseguenze del suo paesaggio, della sua storia e della vicinanza con culture e popoli diversi.

  2. paspri
    , 29/6/2013 16:59
    Loretta purtroppo ha ragione. Treni da terzo mondo ... Collegamenti scollegati, quindi direi "scollegamenti"
  3. loretta
    , 17/3/2011 14:39
    Peccato che con tutta questa grazia di Dio, di cui Reggio Calabria dispone, non c'è alcuna programmazione turistica che sia minima: collegamenti impossibili (la A3 un disastro, i voli aerei pochi e carissimi, treni sfiancanti. Poi non esiste la professionalità nel settore. I due grandi alberghi sono un monopolio. C'è un albergo proprio sul"più bel chilometro d'Italia" (non è provato che D'Annunzio l'abbia definito così) il Miramare, un bell'edificio, di proprietà del Comune, che i topi stanno mangiando. Il traffico è insopportabile, il concetto turistico viene a galla in occasione di elezioni. Nessuno che abbia mai provveduto, innanzi tutto, a rendere Reggio raggiungibile in modo facile e poco costoso. La recente proliferazione di B&B in città è nata più per offrire alloggi ai familiari dei Carabinieri che frequentano la scuola allievi che per altro. Non ci sono luoghi di informazione turistica. Chi va a Reggio spesso è di passaggio, visita i Bronzi e va via. Peccato.


  4. robigioan
    , 6/9/2010 17:55
    Una provincia che racchiude in se diverse nature quali conseguenze del suo paesaggio, della sua storia e della vicinanza con culture e popoli diversi.