1. 1: Edicola

    di , il 1/9/2010 16:19

    Una nuova puntata storica in edicola nel mese di settembre!

    Chi l’ha detto che una coppia debba fare le vacanze assieme? Patrizio e Syusy stavolta prendono strade diverse: lui realizza il suo vecchio sogno di andare al Polo Nord, lei che ama il caldo e il mare va all’Equatore! Patrizio infatti visita le Isole Svalbard, da cui Nobile era partito per sorvolare il Polo col dirigibile Italia. Syusy invece va alle Isole di Capoverde. Il viaggio di Syusy è anche una missione archeologica, per indagare l’esistenza di Atlantide a partire da un reperto archeologico misterioso: una Forchetta precedente al ‘500! Syusy inizia quindi un viaggio tra Sal, Boa Vista e Fogo, perdendosi e insabbiandosi tra le dune di queste isole desertiche, pezzi di Sahara in mezzo al mare. E intanto incontra le delizie della gente di Capoverde: il senso di famiglia matrilineare, la passione per la danza, il piacere di stare assieme. Patrizio a Longyearbyen, all’aeroporto, vede una foto in cui un gruppo di orsi bianchi sbrana quello che forse è il corpo di un turista: alle Svalbard abitano 2.000 umani e 4.000 orsi. Assieme alla sua guida (Stefano Poli, che lo accoglie in camicia nonostante faccia meno 20) va al Museo che racconta la storia dei primi balenieri, dei cacciatori e degli esploratori polari, poi gira per le strade dove scopre che i tubi della luce e dell’acqua sono fuori-terra perché a causa del permafrost alle Svalbard non si può sotterrare nulla (neanche i morti), e scopre che già a fine aprile la luce dura in pratica 24 ore al giorno. E inizia l’esplorazione delle Isole in motoslitta, ma appena partiti Orso sbatte contro l’unico palo della luce e Patrizio cade lungo una salita.

  2. Turisti Per Caso.it
    , 1/9/2010 16:19
    <b><i>Una nuova puntata storica in edicola nel mese di settembre!</i></b>

    Chi l’ha detto che una coppia debba fare le vacanze assieme? Patrizio e Syusy stavolta prendono strade diverse: lui realizza il suo vecchio sogno di andare al Polo Nord, lei che ama il caldo e il mare va all’Equatore! Patrizio infatti visita le <b>Isole Svalbard</b>, da cui Nobile era partito per sorvolare il Polo col dirigibile Italia. Syusy invece va alle Isole di <b>Capoverde</b>.
    Il viaggio di Syusy è anche una missione archeologica, per indagare l’esistenza di Atlantide a partire da un reperto archeologico misterioso: una Forchetta precedente al ‘500! Syusy inizia quindi un viaggio tra Sal, Boa Vista e Fogo, perdendosi e insabbiandosi tra le dune di queste isole desertiche, pezzi di Sahara in mezzo al mare. E intanto incontra le delizie della gente di Capoverde: il senso di famiglia matrilineare, la passione per la danza, il piacere di stare assieme.
    Patrizio a Longyearbyen, all’aeroporto, vede una foto in cui un gruppo di orsi bianchi sbrana quello che forse è il corpo di un turista: alle Svalbard abitano 2.000 umani e 4.000 orsi. Assieme alla sua guida (Stefano Poli, che lo accoglie in camicia nonostante faccia meno 20) va al Museo che racconta la storia dei primi balenieri, dei cacciatori e degli esploratori polari, poi gira per le strade dove scopre che i tubi della luce e dell’acqua sono fuori-terra perché a causa del permafrost alle Svalbard non si può sotterrare nulla (neanche i morti), e scopre che già a fine aprile la luce dura in pratica 24 ore al giorno. E inizia l’esplorazione delle Isole in motoslitta, ma appena partiti Orso sbatte contro l’unico palo della luce e Patrizio cade lungo una salita.