1. 1: Diario di Viaggio

    di , il 30/8/2010 16:10

    Ciao a tutti! Ecco di seguito alcune info sulla nostra ultima vacanza in Sardegna.

    VILLASIMIUS 1-7 agosto 2010

    Albergo Fiore di Maggio

    Avevamo già soggiornato in questa struttura tre anni fa, è molto bella, a 80 metri dalla spiaggia di Camplongu attraversando la pineta. Le camere, disposte ad anello intorno al cortile centrale e su due piani sono tutte arredate in modo semplice, con ceramiche e tappeti sardi. In camera ci sono aria condizionata e ventilatore. E’ a disposizione degli ospiti un frigorifero, c’è piscina e buffet all’ora di pranzo. Prezzo medio sui 100€ a persona con la mezza pensione. Sinceramente abbiamo notato un peggioramento nella qualità del cibo rispetto al nostro ultimo soggiorno. A colazione c’è una macchina automatica per i caffè/cappuccini che potrebbe essere sostituita da una da bar e a cena i piatti sono fissi (si sceglie la mattina tra due alternative di primi, secondi, contorni e frutta/dolci).

    Organizzano anche escursioni con la loro barca dalla marina di Villasimius (35€ per una giornata tra le isole intorno con pranzo di pesce), alcuni ospiti ci hanno detto che era molto carina ma data la presenza del maestrale non abbiamo provato.

    Voto 7

    Spiagge:

    Cala Sinzias spiaggia di sabbia bianca, lunga e con bei colori, Cala Pira con acqua dai riflessi azzurro turchese, Cala Burroni dove c’era la vecchia cava di granito, Spiaggia di Villasimius sempre affollata, Porto Giunco con lo stagno dei Notteri alle spalle.

    A questo indirizzo trovate elenco, descrizione e foto: http://www.villasimius-costarei.com/spiagge.htm

    Le spiagge sono molto belle, acqua bassa, sabbia bianca e mare pulito e azzurro. Abbiamo trovato qualche alga (ma la temperatura dell’acqua era altissima) e parecchio maestrale (per me piacevole, si sta meglio in spiaggia!)

    COSTA VERDE 7-15 agosto 2010

    Agriturismo Rocce Bianche

    Incuriositi da questa parte di Sardegna che non avevamo mai esplorato e affascinati da questo articolo del Corriere viaggi (http://viaggi.corriere.it/viaggi/vacanze/2010/sardegna_costaverde/sardegna_costaverde.shtml), abbiamo scelto la Costa verde, tratto di costa di circa 50 km tra Capo Pecora e Capo Frasca. Abbiamo scelto l’agriturismo Rocce Bianche per il rapporto qualità/prezzo (circa 60-70€ al giorno con la mezza pensione, mentre i costi dell’unico hotel che direttamente si affaccia sulla spiaggia di Piscinas erano spropositati). L’agriturismo è a circa 15 km dalle spiagge di Scivu, Portixeddu, Piscinas, le camere sono molto semplici. Si mangia in tavoloni tutti insieme e a menù fisso. Sinceramente sul cibo mi sarei aspettata qualcosa in più, pochissimo pesce, quasi una mensa. Devo dire che effettivamente questa parte di Sardegna è più frequentata da sardi che da turisti, i centri abitati sono poveri con case a volte fatiscenti e non finite, le strade tortuose e spesso sterrate per arrivare alle spiagge. La macchina è essenziale perché ogni giorno, per andare al mare, ci sono almento 30-40 km di strade piene di curve e molto scoscese. Il paesaggio però è davvero bello e alcuni scorci sono davvero magnifici (soprattutto il tratto di strada costiera che da Nebida arriva a Portisceddu, dove si ammira la roccia Pan di Zucchero). Voto 6,5

    Spiagge, in ordine di preferenza:

    Scivu: lunga sabbia dorata circondata da rocce a picco sempre di colore rossastro (parcheggio a pagamento sopra la spiaggia 4€ giornaliero, poi scaletta per scendere alla spiaggia)

    Portixeddu: veramente gigantesca, vi si affacciano due paesi, uno da ogni lato (Portixeddu e San Nicolao). C’è un fiumiciattolo che vi sfocia ed è immersa in una baia con alle spalle le colline che la circondano. Ci sono delle secche a 30 metri dalla riva.

    Piscinas: mi hanno colpito molto le dune che arrivano a 3km nell’interno. La strada per arrivare (sia da Montevecchio che da Ingurtosu) sono sterrate, addirittura si devono guadare due fiumiciattoli.

    Torre dei corsari: la spiaggia è molto bella, ma ancor più bella è la vista che si ammira dalla Torre dei Corsari.

    Gite:

    - Spiaggia IS ARUTAS nella penisola del Sinis., vicino ad Oristano, a circa 1 ora e mezza dall’agriturismo. Is Arutas è chiamata la spiaggia dei chicchi di riso, per la consistenza e la forma dei granuli di sabbia, veramente bellissimi, poi un’acqua azzurrissima. Voto 7,5

    - Isola di Sant’Antioco: in realtà volevamo raggiungere Carloforte sull’isola di S. Pietro da Portovesme con il traghetto ma non ci siamo riusciti…1 h e mezza di attesa all’imbarco con due traghetti “persi”. Mi spiego, ci sono solo 50 posti auto per ogni traghetto, di cui 20 riservati ai residenti. L’ingresso di carri e camion, riduce i posti per forestieri ancora di più, rendendo impossibile l’attraversata (ovviamente nessuno ha spiegato nulla ai poveri turisti in fila sotto il sole). Abbiamo optato per una visita a Sant’Antioco perché raggiungibile con la macchina. Non ci è piaciuta per nulla, spiagge piccole e affollatissime, mare niente di che. Voto 4

    - Raccomando la visita alle miniere, noi siamo andati alla galleria Anglosarda a 1km da Guspini. E’ visitabile il primo livello, con visite guidate da parte di personale della società che le gestisce molto preparato, con 3 visite giornaliere, la mattina alle 9, 10 e 30 e 12. La visita dura circa 1 h e mezza ed è veramente interessante. Inoltre è molto suggestiva la vista delle di case abbandonate dai minatori che si erano trasferiti nella zona da tutta Italia per lavorare nelle miniere. Oggi sono rimasti solo scheletri a testimonianza di un passato che non c’è più. Voto 9

    - In viaggio per Olbia per riprendere il traghetto siamo passati per Oliena, in provincia di Nuoro, dove abbiamo pranzato all’hotel Su Gologone. Consigliatissimo, molto buono l’antipasto misto con salumi, formaggi, soufflè e il maialino, veramente morbido e croccante. L’hotel in se è molto bello, ci sono percorsi di botteghe artigiane al suo interno (forni per il pane, ceramica sarda,..). Andateci. Voto 9

    Alla prossima e buon viaggio a tutti!

    Manuela

  2. manuelacima
    , 30/8/2010 16:10
    Ciao a tutti! Ecco di seguito alcune info sulla nostra ultima vacanza in Sardegna.

    <b>VILLASIMIUS 1-7 agosto 2010</b>
    <b>Albergo Fiore di Maggio </b>
    <b> </b>Avevamo già soggiornato in questa struttura tre anni fa, è molto bella, a 80 metri dalla spiaggia di Camplongu attraversando la pineta. Le camere, disposte ad anello intorno al cortile centrale e su due piani sono tutte arredate in modo semplice, con ceramiche e tappeti sardi. In camera ci sono aria condizionata e ventilatore. E’ a disposizione degli ospiti un frigorifero, c’è piscina e buffet all’ora di pranzo. Prezzo medio sui 100€ a persona con la mezza pensione. Sinceramente abbiamo notato un peggioramento nella qualità del cibo rispetto al nostro ultimo soggiorno. A colazione c’è una macchina automatica per i caffè/cappuccini che potrebbe essere sostituita da una da bar e a cena i piatti sono fissi (si sceglie la mattina tra due alternative di primi, secondi, contorni e frutta/dolci).
    Organizzano anche escursioni con la loro barca dalla marina di Villasimius (35€ per una giornata tra le isole intorno con pranzo di pesce), alcuni ospiti ci hanno detto che era molto carina ma data la presenza del maestrale non abbiamo provato.
    Voto 7

    <b>Spiagge:</b>
    Cala Sinzias spiaggia di sabbia bianca, lunga e con bei colori, Cala Pira con acqua dai riflessi azzurro turchese, Cala Burroni dove c’era la vecchia cava di granito, Spiaggia di Villasimius sempre affollata, Porto Giunco con lo stagno dei Notteri alle spalle.
    A questo indirizzo trovate elenco, descrizione e foto: http://www.villasimius-costarei.com/spiagge.htm
    Le spiagge sono molto belle, acqua bassa, sabbia bianca e mare pulito e azzurro. Abbiamo trovato qualche alga (ma la temperatura dell’acqua era altissima) e parecchio maestrale (per me piacevole, si sta meglio in spiaggia!)

    <b>COSTA VERDE 7-15 agosto 2010</b>
    <b>Agriturismo Rocce Bianche</b>

    Incuriositi da questa parte di Sardegna che non avevamo mai esplorato e affascinati da questo articolo del Corriere viaggi (<u>http://viaggi.corriere.it/viaggi/vacanze/2010/sardegna_costaverde/sardegna_costaverde.shtml</u>), abbiamo scelto la Costa verde, tratto di costa di circa 50 km tra Capo Pecora e Capo Frasca. Abbiamo scelto l’agriturismo Rocce Bianche per il rapporto qualità/prezzo (circa 60-70€ al giorno con la mezza pensione, mentre i costi dell’unico hotel che direttamente si affaccia sulla spiaggia di Piscinas erano spropositati). L’agriturismo è a circa 15 km dalle spiagge di Scivu, Portixeddu, Piscinas, le camere sono molto semplici. Si mangia in tavoloni tutti insieme e a menù fisso. Sinceramente sul cibo mi sarei aspettata qualcosa in più, pochissimo pesce, quasi una mensa. Devo dire che effettivamente questa parte di Sardegna è più frequentata da sardi che da turisti, i centri abitati sono poveri con case a volte fatiscenti e non finite, le strade tortuose e spesso sterrate per arrivare alle spiagge. La macchina è essenziale perché ogni giorno, per andare al mare, ci sono almento 30-40 km di strade piene di curve e molto scoscese. Il paesaggio però è davvero bello e alcuni scorci sono davvero magnifici (soprattutto il tratto di strada costiera che da Nebida arriva a Portisceddu, dove si ammira la roccia Pan di Zucchero). Voto 6,5

    <b>Spiagge, </b>in ordine di preferenza<b>:</b>
    <b>Scivu</b>: lunga sabbia dorata circondata da rocce a picco sempre di colore rossastro (parcheggio a pagamento sopra la spiaggia 4€ giornaliero, poi scaletta per scendere alla spiaggia)
    <b>Portixeddu</b>: veramente gigantesca, vi si affacciano due paesi, uno da ogni lato (Portixeddu e San Nicolao). C’è un fiumiciattolo che vi sfocia ed è immersa in una baia con alle spalle le colline che la circondano. Ci sono delle secche a 30 metri dalla riva.
    <b>Piscinas</b>: mi hanno colpito molto le dune che arrivano a 3km nell’interno. La strada per arrivare (sia da Montevecchio che da Ingurtosu) sono sterrate, addirittura si devono guadare due fiumiciattoli.
    <b>Torre dei corsari</b>: la spiaggia è molto bella, ma ancor più bella è la vista che si ammira dalla Torre dei Corsari.

    <b>Gite:</b>
    - <b>Spiaggia</b> <b>IS ARUTAS</b> nella penisola del Sinis., vicino ad Oristano, a circa 1 ora e mezza dall’agriturismo. Is Arutas è chiamata la spiaggia dei chicchi di riso, per la consistenza e la forma dei granuli di sabbia, veramente bellissimi, poi un’acqua azzurrissima. Voto 7,5
    - <b>Isola di Sant’Antioco</b>: in realtà volevamo raggiungere Carloforte sull’isola di S. Pietro da Portovesme con il traghetto ma non ci siamo riusciti…1 h e mezza di attesa all’imbarco con due traghetti “persi”. Mi spiego, ci sono solo 50 posti auto per ogni traghetto, di cui 20 riservati ai residenti. L’ingresso di carri e camion, riduce i posti per forestieri ancora di più, rendendo impossibile l’attraversata (ovviamente nessuno ha spiegato nulla ai poveri turisti in fila sotto il sole). Abbiamo optato per una visita a Sant’Antioco perché raggiungibile con la macchina. Non ci è piaciuta per nulla, spiagge piccole e affollatissime, mare niente di che. Voto 4
    - Raccomando la visita alle <b>miniere</b>, noi siamo andati alla galleria Anglosarda a 1km da Guspini. E’ visitabile il primo livello, con visite guidate da parte di personale della società che le gestisce molto preparato, con 3 visite giornaliere, la mattina alle 9, 10 e 30 e 12. La visita dura circa 1 h e mezza ed è veramente interessante. Inoltre è molto suggestiva la vista delle di case abbandonate dai minatori che si erano trasferiti nella zona da tutta Italia per lavorare nelle miniere. Oggi sono rimasti solo scheletri a testimonianza di un passato che non c’è più. Voto 9
    - In viaggio per Olbia per riprendere il traghetto siamo passati per Oliena, in provincia di Nuoro, dove abbiamo pranzato all’hotel <b>Su Gologone</b>. Consigliatissimo, molto buono l’antipasto misto con salumi, formaggi, soufflè e il maialino, veramente morbido e croccante. L’hotel in se è molto bello, ci sono percorsi di botteghe artigiane al suo interno (forni per il pane, ceramica sarda,..). Andateci. Voto 9

    Alla prossima e buon viaggio a tutti!
    Manuela