1. 1: Diario di Viaggio

    di , il 28/4/2010 17:00

    Da Dubai all’Oman il volo è breve, ma sembra di volare attraverso i secoli: dall’architettura futuristica che rasenta la fantascienza dell’Emirato, dal suo ritmo frenetico basato sugli affari e sul divertimento, alle aspre montagne del Sultanato, delle sue strade che attraversano paesaggi surreali e selvaggi, dal deserto infuocato intervallato dalle splendide oasi solcate dai wadi, alle spiagge bagnate da un mare turchese, dove le tartarughe vengono ogni notte a deporre le uova.

    Due mondi vicini geograficamente, ma così lontani nella mentalità, eppure entrambi fortemente affascinanti, uniti da una caratteristica unica: la pratica dell’islamismo nella sua forma più intrigante, autentica e nel rispetto e nella tolleranza verso tutti gli altri popoli.

    Dubai e Oman, un viaggio nei profumi e nei colori d’Arabia, passando del futurismo più estremo fino al profondo e radicale rispetto delle antiche tradizioni.

    E quella sensazione di autentico che forse in altri luoghi è andata inesorabilmente perduta.

  2. gregori72
    , 28/4/2010 17:00
    Da Dubai all’Oman il volo è breve, ma sembra di volare attraverso i secoli: dall’architettura futuristica che rasenta la fantascienza dell’Emirato, dal suo ritmo frenetico basato sugli affari e sul divertimento, alle aspre montagne del Sultanato, delle sue strade che attraversano paesaggi surreali e selvaggi, dal deserto infuocato intervallato dalle splendide oasi solcate dai wadi, alle spiagge bagnate da un mare turchese, dove le tartarughe vengono ogni notte a deporre le uova.
    Due mondi vicini geograficamente, ma così lontani nella mentalità, eppure entrambi fortemente affascinanti, uniti da una caratteristica unica: la pratica dell’islamismo nella sua forma più intrigante, autentica e nel rispetto e nella tolleranza verso tutti gli altri popoli.
    Dubai e Oman, un viaggio nei profumi e nei colori d’Arabia, passando del futurismo più estremo fino al profondo e radicale rispetto delle antiche tradizioni.
    E quella sensazione di autentico che forse in altri luoghi è andata inesorabilmente perduta.