1. 1: Altri TamTam

    di , il 15/4/2010 15:55

    A Pasqua ha riaperto il Parco archeologico e Museo all'aperto della Terramara di Montale (Modena): a conclusione del progetto europeo Livearch, che ha confermato ancora una volta i riconoscimenti che questa realtà raccoglie anche a livello internazionale, il parco di Montale si ripresenta forte delle esperienze che ha maturato in questi anni a contatto con le più importanti realtà open-air del continente. Il calendario è ricco di proposte di archeologia sperimentale e riproduzione di antiche tecniche artigianali, che costantemente si aggiornano e si rinnovano, grazie anche ai continui contatti con esperti e tecnici d’oltralpe: dalla fusione del bronzo alla modellazione e cottura della ceramica, dalla tessitura alle tecniche di lavorazione del legno, delle fibre vegetali e della pietra.

    Non mancheranno alcuni appuntamenti su temi legati al mondo delle terramare, come l’ "Ecoracconto” sull’ambiente di 3500 anni fa in collaborazione con l’Orto Botanico dell’Università di Modena e Reggio Emilia (16 maggio) e la suggestiva dimostrazione del microscavo delle urne cinerarie della necropoli terramaricola di Casinalbo (9 maggio). Animazioni e attività per bambini saranno parte integrante dell’offerta del parco: i più golosi non possono mancare all’appuntamento del 18 aprile, quando, in occasione della manifestazione “Musei da gustare”, gli artigiani della Dolcem fonderanno, accanto ai metallurghi del parco, pugnali e punte di freccia … in cioccolato!

    Syusy turista delle terramare

    Ma la vera novità quest’anno è una serata dedicata al “re-enactment”: un appuntamento imperdibile per assistere alla rievocazione in costume delle atmosfere all’interno di una terramara. Questa particolare tipologia di presentazione fa parte del DNA di tutti i parchi archeologici europei e affonda le sue radici nella prime declinazioni di queste realtà museali, nate per coinvolgere i visitatori in un vero e proprio viaggio nel passato. Per la prima volta a Montale, nella serata del 29 maggio, il villaggio si animerà di figure impegnate nelle attività quotidiane di un tipico abitato dell’età del bronzo: sarà quindi possibile vedere artigiani al lavoro, donne impegnate nell’accudimento del focolare o nella lavorazione al telaio o il guerriero pronto ad indossare la sua armatura. L’animatrice della serata sarà Syusy Blady in versione “turista delle terramare”, eccezionalmente al parco per presentare il filmato realizzato nell’ambito del progetto Italian Slow Tour sul territorio dell’Unione Terre dei Castelli. L’evento, realizzato con il contributo del Comune di Castelnuovo e dell’associazione Strada dei Vini e dei Sapori, è un’occasione di scoperta, emozione, divertimento e convivialità che prosegue e rinnova il ruolo del Parco di Montale sul territorio.

  2. Turisti Per Caso.it
    , 15/4/2010 15:55
    A Pasqua ha riaperto il Parco archeologico e Museo all'aperto della<b> </b><a href="http://www.parcomontale.it/" target="_blank" rel="nofollow">Terramara di Montale</a><b> </b>(Modena): a conclusione del progetto europeo <i>Livearch</i>, che ha confermato ancora una volta i riconoscimenti che questa realtà raccoglie anche a livello internazionale, il parco di Montale si ripresenta forte delle esperienze che ha maturato in questi anni a contatto con le più importanti realtà open-air del continente. Il calendario è ricco di <b>proposte di archeologia sperimentale e riproduzione di antiche tecniche artigianali</b>, che costantemente si aggiornano e si rinnovano, grazie anche ai continui contatti con esperti e tecnici d’oltralpe: dalla fusione del bronzo alla modellazione e cottura della ceramica, dalla tessitura alle tecniche di lavorazione del legno, delle fibre vegetali e della pietra.

    Non mancheranno alcuni appuntamenti su temi legati al mondo delle terramare, come l’ "Ecoracconto” sull’ambiente di 3500 anni fa in collaborazione con l’Orto Botanico dell’Università di Modena
    e Reggio Emilia (<b>16 maggio</b>) e la suggestiva dimostrazione del microscavo delle urne cinerarie della necropoli terramaricola di Casinalbo (<b>9 maggio</b>). Animazioni e attività per bambini saranno parte integrante dell’offerta del parco: i più golosi non possono mancare all’appuntamento del<b> 18 aprile</b>, quando, in occasione della manifestazione “Musei da gustare”, gli artigiani della Dolcem fonderanno, accanto ai metallurghi del parco, pugnali e punte di freccia … in cioccolato!

    <h3>Syusy turista delle terramare</h3>
    Ma la vera novità quest’anno è una serata dedicata al <b>“re-enactment”</b>: un appuntamento imperdibile per assistere alla
    rievocazione in costume delle atmosfere all’interno di una terramara. Questa particolare tipologia di presentazione fa parte del DNA di tutti i parchi archeologici europei e affonda le sue radici
    nella prime declinazioni di queste realtà museali, nate per coinvolgere i visitatori in un vero e proprio viaggio nel passato. Per la prima volta a Montale, nella serata del<b> 29 maggio</b>, il villaggio si animerà di figure impegnate nelle attività quotidiane di un tipico abitato dell’età del bronzo: sarà quindi possibile vedere artigiani al lavoro, donne impegnate nell’accudimento del focolare o nella lavorazione al telaio o il guerriero pronto ad indossare la sua armatura. L’animatrice della serata sarà <b>Syusy Blady in versione “turista delle terramare”</b>, eccezionalmente al parco per presentare il filmato realizzato nell’ambito del progetto Italian Slow Tour sul territorio dell’Unione Terre dei Castelli. L’evento, realizzato con il contributo del Comune di Castelnuovo e dell’associazione Strada dei Vini e dei Sapori, è un’occasione di scoperta, emozione, divertimento e convivialità che prosegue e rinnova il ruolo del Parco di Montale sul territorio.