1. 1: Diario di Viaggio

    di , il 23/3/2010 16:12

    Diario di viaggio luglio 2009

    Da tempo era in programma un viaggio a Pantelleria. Recensioni lette erano spesso in contrasto, ma non c’erano dubbi : non sarebbe andata male ! E così è stato. Agli occhi miei e di mia moglie ( non più giovanissimi !) l’isola è apparsa splendida. Mare stupendo, rocce nere,verde,palme,bianche chiesette e gli splendidi dammusi. Un paesaggio di un altro mondo. Non abbiamo trovato una gran folla di turisti (per fortuna) e l’isola ci è apparsa tranquilla e veramente vivibile e poco incline al turismo vacanziero e rumoroso. Non ci sono spiagge su Pantelleria, ma stupende rocce qualche volta digradanti verso il mare.In parole povere l’isola va vissuta dal mare oppure conquistata con qualche sacrificio (necessarie le scarpette da scoglio….). Ma non vi annoierete mai : potete visitare i sesi ,maestosi monumenti funebri,o le tombe bizantine o il castello Aragonese. Pantelleria è abitata da 5000 anni e sul suo territorio si sono susseguite numerose popolazioni e culture che hanno lasciato le loro tracce (suggestivi gli arabeggianti nomi di numerose località). Potete andare a farvi una sauna speciale nella grotta del Bagno Asciutto od un bagno con acqua di mare calda a cala Gadir o alla grotta di Sataria.Potete fare un’esursione sulla verde Montagna Grande oppure alla Favare dove la terra sputa vapore in un ambiente suggestivo. Potete semplicemente girovagare per l’isola ammirando i vecchi dammusi spesso circondati da giardinetti lussureggianti di palme ed oleandri e con qualche “ giardino pantesco” (le case degli alberi). Potete andare per borghi e paesetti quali Scauri, con un piccolo cimitero posto in magnifica e dominante posizione, Rekale,Tracino,Kamma….Potete andare a fare un bagno di fango caldo-freddo al lago di Venere dove si trova l’unica spiaggia dell’isola. Potete poi andare ai laghetti marini delle Ondine, a cala Levante, all’arco dell’Elefante,alla Martingana,alla Balata dei Turchi ……..Potete visitare una della numerose aziende agricole che producano capperi e naturalmente il “nettare degli Dei” che è il Passito. Potete…….

    Alcune note pratiche

    (spesa totale circa 1800 €)

    Può essere utile l’agenzia di viaggi Kossiria a Pantelleria porto Viaggio in aereo da Pisa a Trapani e poi con autobus con ali fino a Pantelleria. Le lunghe soste all’aeroporto di Birgi (TP) ci hanno permesso di visitare il centro storico di Trapani (cosa da fare) all’andata ed Erice (già vista, ma da rivedere..) al ritorno. Soggiorno da lunedì 6/7 a lunedì 13/7 in dammuso. Ottima soluzione, proprietario gentilissimo. Trasporti : necessario mezzo a motore, noi abbiamo noleggiato una semplice Panda ( che va benissimo).Per i giovani può andare anche uno scooter. Unica nota negativa sono le strade : strette,pericolose per cattivo mantenimento e senza segnaletica. Ristorazione : abbiamo cenato due volte presso l’agriturismo Zinedi ( buon rapporto qualità/prezzo), tre volte a U’trattu di Rekale (può andare ) ,una volta al Favarotta di Kamma (ottimo,un po’ più caro ma che strada….) ed alla Pergola (non bene). Per pranzo ci siamo ci siamo sistemati più semplicemente…. Gita in barca : da fare anche due volte. Consigliabile Fabio con la barca M.Antonietta. Per giovani va bene anche Franco che propone spettacolino …. Si mangia in barca (non male !) Buon viaggio a tutti Renato e Susy

  2. battirena
    , 23/3/2010 16:12
    <i>Diario di viaggio luglio 2009</i>

    Da tempo era in programma un viaggio a Pantelleria. Recensioni lette erano spesso in contrasto, ma non c’erano dubbi : non sarebbe andata male ! E così è stato. Agli occhi miei e di mia moglie ( non più giovanissimi !) l’isola è apparsa splendida. Mare stupendo, rocce nere,verde,palme,bianche chiesette e gli splendidi dammusi. Un paesaggio di un altro mondo. Non abbiamo trovato una gran folla di turisti (per fortuna) e l’isola ci è apparsa tranquilla e veramente vivibile e poco incline al turismo vacanziero e rumoroso. Non ci sono spiagge su Pantelleria, ma stupende rocce qualche volta digradanti verso il mare.In parole povere l’isola va vissuta dal mare oppure conquistata con qualche sacrificio (necessarie le scarpette da scoglio….). Ma non vi annoierete mai : potete visitare i sesi ,maestosi monumenti funebri,o le tombe bizantine o il castello Aragonese. Pantelleria è abitata da 5000 anni e sul suo territorio si sono susseguite numerose popolazioni e culture che hanno lasciato le loro tracce (suggestivi gli arabeggianti nomi di numerose località). Potete andare a farvi una sauna speciale nella grotta del Bagno Asciutto od un bagno con acqua di mare calda a cala Gadir o alla grotta di Sataria.Potete fare un’esursione sulla verde Montagna Grande oppure alla Favare dove la terra sputa vapore in un ambiente suggestivo. Potete semplicemente girovagare per l’isola ammirando i vecchi dammusi spesso circondati da giardinetti lussureggianti di palme ed oleandri e con qualche “ giardino pantesco” (le case degli alberi). Potete andare per borghi e paesetti quali Scauri, con un piccolo cimitero posto in magnifica e dominante posizione, Rekale,Tracino,Kamma….Potete andare a fare un bagno di fango caldo-freddo al lago di Venere dove si trova l’unica spiaggia dell’isola. Potete poi andare ai laghetti marini delle Ondine, a cala Levante, all’arco dell’Elefante,alla Martingana,alla Balata dei Turchi ……..Potete visitare una della numerose aziende agricole che producano capperi e naturalmente il “nettare degli Dei” che è il Passito. Potete…….<b>
    </b>

    <h3><b></b><b>Alcune note pratiche </b></h3>
    (spesa totale circa 1800 €)

    Può essere utile l’agenzia di viaggi Kossiria a Pantelleria porto
    Viaggio in aereo da Pisa a Trapani e poi con autobus con ali fino a Pantelleria. Le lunghe soste all’aeroporto di Birgi (TP) ci hanno permesso di visitare il centro storico di Trapani (cosa da fare) all’andata ed Erice (già vista, ma da rivedere..) al ritorno.
    Soggiorno da lunedì 6/7 a lunedì 13/7 in dammuso. Ottima soluzione, proprietario gentilissimo.
    Trasporti : necessario mezzo a motore, noi abbiamo noleggiato una semplice Panda ( che va benissimo).Per i giovani può andare anche uno scooter. Unica nota negativa sono le strade : strette,pericolose per cattivo mantenimento e senza segnaletica.
    Ristorazione : abbiamo cenato due volte presso l’agriturismo Zinedi ( buon rapporto qualità/prezzo), tre volte a U’trattu di Rekale (può andare ) ,una volta al Favarotta di Kamma (ottimo,un po’ più caro ma che strada….) ed alla Pergola (non bene). Per pranzo ci siamo ci siamo sistemati più semplicemente….
    Gita in barca : da fare anche due volte. Consigliabile Fabio con la barca M.Antonietta. Per giovani va bene anche Franco che propone spettacolino …. Si mangia in barca (non male !)
    Buon viaggio a tutti
    Renato e Susy