1. Diario di Viaggio Myanmar: Sorrisi nella terra del Buddha

    di , il 2/6/2001 00:00

    Siamo partiti alle volte del Myanmar senza quasi neppure conoscere esattamente quale fosse la sua posizione geografica. Arriviamo all’aeroporto e subito si fanno avanti delle posssibili guide: una di loro e Maun-chiu' che si rivelera' non solo il nostro autista, ma un vero risolutore. Ci accompagna subito al mercato dove semi-illegalmente si cambiano i Fec, moneta non a corso legale che sei costretto a cambiare all’arrivo in Myanmar, in Khiat.

    E cosi' inizia il nostro viaggio. Subito si presenta davanti a noi la Swedagagan Paya di Yangoon, simbolo ...

  2. Daniela Borghini
    , 2/6/2001 00:00
    Siamo partiti alle volte del Myanmar senza quasi neppure conoscere esattamente quale fosse la sua posizione geografica. Arriviamo all’aeroporto e subito si fanno avanti delle posssibili guide: una di loro e Maun-chiu' che si rivelera' non solo il nostro autista, ma un vero risolutore. Ci accompagna subito al mercato dove semi-illegalmente si cambiano i Fec, moneta non a corso legale che sei costretto a cambiare all’arrivo in Myanmar, in Khiat.
    E cosi' inizia il nostro viaggio. Subito si presenta davanti a noi la Swedagagan Paya di Yangoon, simbolo ...