1. Diario di Viaggio Italia: Chemio

    di , il 4/2/2002 00:00

    Il mio viaggio è un sogno inserito in un incubo. Si perchè mentre ero ricoverato, per un mese, io sognavo per davvero e sentivo sul mio volto le carezze del vento, la sottile leggerezza dell'essere, la lentezza di una estate che non voleva finire. Mai. Lenta ed inesorabile portava lontano i miei lamenti.

    E non ero imprigionato da confini, attardato da contrattempi, limitato da orari, guide turistiche, pellicole fotografiche. No. Potevo viaggiare dove volevo, quasi volare. Un minuto lungo un'ora, un'ora che si faceva giorno, un giorno ...

  2. Lorenzo Monte
    , 4/2/2002 00:00
    Il mio viaggio è un sogno inserito in un incubo. Si perchè mentre ero ricoverato, per un mese, io sognavo per davvero e sentivo sul mio volto le carezze del vento, la sottile leggerezza dell'essere, la lentezza di una estate che non voleva finire. Mai. Lenta ed inesorabile portava lontano i miei lamenti.
    E non ero imprigionato da confini, attardato da contrattempi, limitato da orari, guide turistiche, pellicole fotografiche. No. Potevo viaggiare dove volevo, quasi volare. Un minuto lungo un'ora, un'ora che si faceva giorno, un giorno ...