1. Diario di Viaggio Mongolia: Nella terra dagli spazi infiniti

    di , il 31/10/2002 00:00

    Non so esattamente come ci sia venuta l'idea di andare in Mongolia: il risultato, comunque, è stato entusiasmante.

    Siamo partiti da Milano con un aereo Aeroflot molto scomodo e poco rassicurante. Dopo lo scalo d’obbligo a Mosca siamo finalmente atterrati a Ulaan Baatar, capitale della Mongolia. La prima cosa che si nota della città sono le enormi centrali termoelettriche che, oltre a riscaldare ed illuminare l’intera città, riempiono l’aria di un pungente odore di gasolio bruciato male.

    Ulaan Baatar non è una bella città: i palazzi ...

  2. Alessandra Rivolta
    , 31/10/2002 00:00
    Non so esattamente come ci sia venuta l'idea di andare in Mongolia: il risultato, comunque, è stato entusiasmante.
    Siamo partiti da Milano con un aereo Aeroflot molto scomodo e poco rassicurante. Dopo lo scalo d’obbligo a Mosca siamo finalmente atterrati a Ulaan Baatar, capitale della Mongolia. La prima cosa che si nota della città sono le enormi centrali termoelettriche che, oltre a riscaldare ed illuminare l’intera città, riempiono l’aria di un pungente odore di gasolio bruciato male.
    Ulaan Baatar non è una bella città: i palazzi ...