1. Diario di Viaggio Turchia: Istanbul: taxi gialli, moschee, bazaar, patate..

    di , il 17/2/2004 00:00

    Arrivati all’aeroporto di Istanbul, intitolato ad Ataturk (Il padre della moderna Turchia)

    La cosa migliore da fare e iniziare la visita con una bella corsa (letteralmente una corsa) in taxi.

    I tassisti di Istanbul hanno uno stile di guida veramente particolare, sfrecciano nel traffico con le loro macchine gialle, incroci strani tra Fiat 131 e Regata.

    I colori dei ‘ninnoli’ appesi allo specchietto retrovisore vi diranno se l’autista è un tifoso della squadra locale del Bekistas (Bianco Nero) o, più probabilmente, dell’acerrima rivale Galatasaray; in questo secondo ...

  2. montariello
    , 17/2/2004 00:00
    Arrivati all’aeroporto di Istanbul, intitolato ad Ataturk (Il padre della moderna Turchia)
    la cosa migliore da fare e iniziare la visita con una bella corsa (letteralmente una corsa) in taxi.
    I tassisti di Istanbul hanno uno stile di guida veramente particolare, sfrecciano nel traffico con le loro macchine gialle, incroci strani tra Fiat 131 e Regata.
    I colori dei ‘ninnoli’ appesi allo specchietto retrovisore vi diranno se l’autista è un tifoso della squadra locale del Bekistas (Bianco Nero) o, più probabilmente, dell’acerrima rivale Galatasaray; in questo secondo ...