1. Diario di Viaggio Cile: Isola di Pasqua e Patagonia

    di , il 28/4/2007 11:48

    Non mi piacciono i viaggi organizzati. Dagli altri. Per me una vacanza è alzarmi ogni mattina e decidere cosa fare e cosa non fare; se voglio andare a vedere un luogo particolare, non voglio essere vincolato ad orari prestabiliti, ma partire quando mi pare. Per me una vacanza è prendere il biglietto aereo di andata e (sigh!) ritorno e basta. Quello che succede in mezzo lo decido giorno per giorno, senza orari e vincoli imposti. Sono già vincolato per undici mesi l’anno. E’ vero, costa un po’ di più ...

  2. Matcorsa
    , 28/4/2007 11:48
    Non mi piacciono i viaggi organizzati. Dagli altri. Per me una vacanza è alzarmi ogni mattina e decidere cosa fare e cosa non fare; se voglio andare a vedere un luogo particolare, non voglio essere vincolato ad orari prestabiliti, ma partire quando mi pare. Per me una vacanza è prendere il biglietto aereo di andata e (sigh!) ritorno e basta. Quello che succede in mezzo lo decido giorno per giorno, senza orari e vincoli imposti. Sono già vincolato per undici mesi l’anno. E’ vero, costa un po’ di più ...