1. Diario di Viaggio Cuba: Habana-Remdios-C.S.Maria-M.la Gorda-Vinales

    di , il 20/2/2009 10:21

    Il calore ti abbraccia subito, appena lasciata l’aria artificiale e gelida dell’aeroporto. Dopo le infinite formalità doganali - che, in fondo, ti ricordano che qui lo Stato la fa sempre e comunque da padrone - nella sala arrivi la solita calca di cartelli, di braccia che salutano verso l’alto, di spintoni e di sguardi in attesa – magari – del parente fortunato che ce l’ha fatta ad andar via e che adesso ritorna con un pacco carico di occidente. Josè, il nostro taxista, ci attende nella sua magrezza calma e ...

  2. Fabrizio.C
    , 20/2/2009 10:21
    Il calore ti abbraccia subito, appena lasciata l’aria artificiale e gelida dell’aeroporto. Dopo le infinite formalità doganali - che, in fondo, ti ricordano che qui lo Stato la fa sempre e comunque da padrone - nella sala arrivi la solita calca di cartelli, di braccia che salutano verso l’alto, di spintoni e di sguardi in attesa – magari – del parente fortunato che ce l’ha fatta ad andar via e che adesso ritorna con un pacco carico di occidente. Josè, il nostro taxista, ci attende nella sua magrezza calma e ...