1. Diario di Viaggio Myanmar: Lo stato Shan (e altro...)

    di , il 26/4/2009 18:13

    Than Hlay si fa chiamare Dante, per i turisti sarebbe troppo complicato imparare un nome birmano, e per chi lavora nel settore, è una prassi inventarsi un secondo nome occidentale. Volto scurito dal sole, occhi sinceri, prima lavorava come raccoglitore di bambù, ora, con una lenta apertura del paese agli stranieri, fa l'autista di risciò e, quando capita, anche la guida di trekking. Sono in molti ad approfittare dell'aumento dell'afflusso turistico per abbandonare il lavoro nei campi ed inventarsi una professione più redditizia. Dante vive da sempre ...

  2. simoc78
    , 26/4/2009 18:13
    Than Hlay si fa chiamare Dante, per i turisti sarebbe troppo complicato imparare un nome birmano, e per chi lavora nel settore, è una prassi inventarsi un secondo nome occidentale. Volto scurito dal sole, occhi sinceri, prima lavorava come raccoglitore di bambù, ora, con una lenta apertura del paese agli stranieri, fa l'autista di risciò e, quando capita, anche la guida di trekking. Sono in molti ad approfittare dell'aumento dell'afflusso turistico per abbandonare il lavoro nei campi ed inventarsi una professione più redditizia. Dante vive da sempre ...