Fly and drive in Florida

Fly and Drive tra NY, Georgia e Florida

  • di eliottu
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Questo diario è il proseguimento del viaggio negli USA iniziato a New York (raccontato nel diario "New York") e durato 15 giorni in tutto, di cui i primi 6 nella Grande Mela. Il settimo giorno abbiamo volato da NY ad Atlanta, in Georgia, dove è iniziata la parte "on the road" della nostra esperienza oltreoceano.

L'aeroporto di Atlanta è veramente enorme e notevole dal punto di vista estetico. Aver ospitato le olimpiadi nel '96 ha reso Atlanta una città tecnologica ed efficiente dal punto di vista dei trasporti. Raggiungiamo l'area dei Car Rental con un velocissimo treno/navetta che ogni 50 secondi fa la spola da e verso l'aeroporto. Presso gli sportelli della National sbrighiamo le pratiche burocratiche per il rilascio dell'auto. Prima di partire abbiamo fatto un'analisi delle offerte delle varie compagnie attraverso Autoeurope (http://www.autoeurope.it) che appoggiandosi ad agenzie di noleggio in tutto il mondo propone prezzi vantaggiosi, nel nostro caso abbiamo trovato un pacchetto comprensivo di assicurazione, doppio guidatore e un pieno di benzina per 25 euro circa al giorno e l'abbiamo prenotato e pagato on line. Nel contratto era richiesta la patente internazionale (che non è altro che una traduzione di quella italiana) perciò sia io che il mio compagno ce la siamo procurata presso la motorizzazione prima di partire (ci vogliono circa 40 euro a testa e un paio di settimane di tempo) ma non ce l'hanno mai chiesta, hanno voluto vedere solo quella italiana.

Come da preventivo abbiamo pagato in loco un supplemento di 300 dollari per la riconsegna dell'auto in un altro stato (purtroppo i costi per questo tipo di drop-off sono alti!) e poi finalmente ci siamo diretti verso il parco auto dove l'addetto ci ha permesso di scegliere l'auto che ci piaceva di più tra una serie di economy piuttosto nuove e spaziose. Abbiamo scelto una Chevrolet Cobalt metallizzata e vi abbiamo attaccato il nostro Tom Tom aggiornato con le mappe degli USA (era più economico pagare i 40 euro per l'aggiornamento del navigatore che i 10 al giorno per affittarlo lì).

L'albergo di Atlanta è stata l'ultima sistemazione prenotata da casa, per i giorni successivi ci siamo affidati al caso e ai consigli di altri viaggiatori.

La visita della città ha avuto come protagonista indiscusso il Georgia Aquarium, l'acquario più grande del mondo dove sono ospitati 4 esemplari di squalo balena (www.georgiaaquarium.org). Il costo del biglietto è di 31 dollari a testa ma ne vale la pena e se acquistate il City Pass o un biglietto combinato con altre attrazioni riuscrete a risparmiare. Se poi avete il brevetto da sub potete prenotare un'immersione nella spettacolare vasca degli squali per un'esperienza ravvicinata davvero incredibile. Noi non eravamo sicuri di avere il tempo di visitare anche altre cose quindi una

Volta usciti dall'acquario, dopo circa 3 ore, e appurato che potevamo concederci un'altra oretta di tempo siamo entrati nel museo della Coca Cola, dove abbiamo pagato altri 15 dollari a testa e abbiamo degustato varie qualità di Coca Cola.

A questo punto inizia la nostra prima tappa in auto (la più lunga), che in circa 6 ore ci porta a Jacksonville, una delle città più settentrionali della Florida. Lungo il tragitto ci siamo fermati in alcuni Visitor Center dove abbiamo preso delle riviste gratuite piene di sconti per gli hotel.

Grazie ad essi abbiamo dormito a un prezzo ragionevole in un albergo decoroso della città e l'indomani siamo partiti alla volta di Tampa, che abbiamo raggiunto dopo circa 3 ore di viaggio. Al primo distributore di benzina dove ci siamo fermati abbiamo avuto inizialmente qualche dubbio sul tipo di carburante, perchè sull'auto non era segnalato, ma alcuni automobilisti del posto molto gentili ci hanno indicato di usare la regular. Attorno alle 13 siamo arrivati a Tampa e per prima cosa abbiamo scelto una sistemazione vicina al centro per poterci muovere a piedi. La scelta è ricaduta su una catena di alberghi poco economica ma non volevamo perdere tempo prezioso alla ricerca di qualcos'altro. Una lunga passeggiata ci ha portato fino al museo di vicino all'università e immerso in un bellissimo parco che si sviluppa lungo il fiume. Poi ci siamo diretti verso il Florida Aquarium, piccolo rispetto a quello di Atlanta ma con interessanti esemplari di animali autoctoni. Infine abbiamo preso il trenino turistico che porta ad Ybor City, quartiere storico dalla forte impronta latina, famoso per i negozi di sigari

  • 8383 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social