Patrizio dibatte i risvolti turistici della questione "deregulation"
A quanto pare esiste una App (anche più di una a dire il vero) che permette a me, "cittadino qualsiasi", di offrire ai turisti un servizio di guida e accompagnamento in giro per la mia città. Una specie di "local friend" con cui entrare in contatto un po' alla pari attraverso questo sistema digitale di incontro. Una prassi che ricorda un po' il dibattito in corso tra i tassisti e Uber. C'è un margine rischioso di improvvisazione in queste operazioni? Si svilisce la figura importante della guida turistica professionale? Oppure semplicemente non c'è concorrenza perché sono due cose molto diverse? Patrizio dice la sua, dite la vostra anche voi turisti per caso!

Altri video di Turisti Per Caso.it

Firenze: altri video

Guarda tutti i video
Commenti
  1. leleni
    , 10/3/2017 20:37
    Perché bisogna sempre sminuire questa professione? È come sminuire la nostra arte e cultura! La guida non è solo una persona che sciorina notizie storiche e culturali noiose e poco interessanti...la guida è LOCAL e trasmette TUTTO della propria città! !! Ogni singolo aspetto....la guida CONOSCE ogni aspetto! !!
  2. leleni
    , 10/3/2017 20:34
    Davvero credete che svolgere la professione di guida turistica sia così semplice? Anni di esperienza, anni di aggiornamenti, anni di studi, anni di ricerche, anni di scoperte in giro per la propria città per conoscerla al meglio per trasmettere questa conoscenza e passione ai turisti che accompagniamo.
  3. Luca Sini
    , 10/3/2017 17:29
    Buonasera a tutti, sono Luca Sini e sono uno dei co-fondatori di www.GuideMeRight.com. Sono da sempre uno dei vostri ammiratori ma oggi vi scrivo per rispondere a questo particolare video-messaggio. Sono da sempre un vostro ammiratore, forse quando da piccolo guardavo i vostri video avete anche contribuito a ispirarmi e a farmi arrivare a sviluppare un progetto come quello di Guide Me Right. Oggi vi scrivo però perché sono rimasto colpito dalla semplicità con la quale descrivete il progetto declassandolo rispetto ad iniziative che presentano le medesime difficoltà ma, anche e soprattutto, dalla superficialità con cui affrontate il tema della Sharing Economy. Ci sarebbe piaciuto essere contattati per poter rispondere alle vostre domande, o forse dovrei dire alle vostre accuse. Vi avremmo potuto descrivere il nostro progetto, la nostra idea di turismo e tutti i cambiamenti che stiamo mettendo in atto. Vi avremmo potuto raccontare quanto l'articolo sul quale vi basate sia vecchio e imparziale: Guide Me Right è attivo in tutta Italia. Se vorrete affrontare seriamente il tema e instaurare veramente un "dibattito", mi rendo disponibile fin da ora. Non per caso ;-)
  4. Turambar
    , 10/3/2017 15:02
    Da un lato bisogna sempre pensare che siamo immersi in un mondo sempre più aperto e questo crea possibilità e nicchie di mercato che possono (e devono!) essere sfruttate. Dall’altro ci sono le nuove tecnologie che permettono una visibilità che prima non era pensabile. Dall’altro però ci sono leggi e professionalità che devono essere rispettate.
    Fare la guida turistica non è poi una cosa così complessa: si dà un esame (che cambia a seconda delle regioni, nella mia prevede un colloquio approfondito su arte, storia, cultura e tradizioni regionali, oltre ad un esame per verificare la conoscenza a livello elevato di almeno una lingua straniera) e si ha un patentino. Dopo di che si può operare. Con un reddito al di sotto dei 5000€ annui (il cosiddetto studente che vuole arrotondare o il disoccupato che lo fa a tempo perso) non serve nemmeno avere una partita IVA. Facile, semplice e nemmeno troppo costoso. Con il patentino da guida si può operare in tutta la Unione Europea, data la forte deregulation che c’è stata. Poi un minimo di autocritica e guidare solo nei luoghi che si conoscono davvero sarebbe il minimo...
    Poi esistono delle situazioni diverse: se accompagno a conoscere le comunità migranti, le loro storie e culture, non rientro di fatto nelle competenze di una guida. Però anche lì, chi lo fa spero sia regolarmente pagato con una prestazione occasionale.
    Il caso dei ristoranti in casa è ancora diverso, perché comunque per servire e cucinare serve rispettare delle norme igieniche ben precise che tutelano il consumatore. Però è ancora una zona grigia della normativa, quindi bisognerà fare qualcosa a livello di leggi. Probabilmente la soluzione migliore sarebbe trovare una forma come per i B&B (pernottamento autorizzato in case private).
    Il problema Uber mi sembra differente. Il fatto è che Uber è una multinazionale molto potente che ha potuto avviare un servizio d fatto fuorilegge. Vende dei servizi illeciti, perché vende un servizio taxi effettuato da personale non abilitato (e gli si è permesso di farlo). Uber non deve chiudere, può continuare a funzionare liberamente a mio parere: deve solamente fare in modo di avere il personale in regola con le autorizzazioni locali sul servizio taxi. Se poi ha trovato una formula migliore, rapida ed economica per erogare il servizio, meglio per loro.
    A volte, quando si pensa alla deregulation selvaggia che tanti auspicano (in particolare le grandi nazionali), pensiamola applicata anche ad altri campi. Magari alla sanità. Perché deve essere obbligatoria una laurea per poter operare? Perché non posso aprire una serie di cliniche a basso costo con personale meno qualificato?
  5. 19Simone80
    , 10/3/2017 14:48
    Ciao Pat, qualche mese fa sono stato a Sofia, li ci sono un gruppo di ragazzi che offrono un servizio di "guide turistiche" totalmente gratis, sono in patrocinio con la municipalità della città e quindi una cosa molto seria e legale, poi ovviamente se qualcuno, a fine tour vuole lasciare una mancia, è ben libero di farlo e secondo me anche corretto.

    Il tour è totalmente a piedi ed inizia dal Tribunale ed attraversa tutti i luoghi principali della città, con soste e relative spiegazioni in Inglese.

    La cosa è molto simpatica ed utile, soprattutto perchè attraverso le persone locali si riesce a scoprire e conoscere bene i luoghi della città.

    Sarebbe bello se ci fossero servizi di questo tipo anche da noi.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social