Rovaniemi, Lofoten, Caponord: un anello a nord del Circolo Polare

Una vacanza itinerante, nel nord della Scandinavia, dove il sole ( a fine giugno) non tramonta mai

  • di Massimo da Rave
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 
Annunci Google

Quest’anno ho programmmato insieme a mia moglie Sabrina ed a mia figlia Chiara (11 anni) una vacanza itinerante nel nord della penisola scandinava. Due settimane in un mondo così diverso dal nostro, non facile per i capricci del clima ma in grado di rigenerarci veramente, una pausa salutare lontani dal traffico e dalla confusione che fanno ahimè parte inevitabilmente del nostro quotidiano.

L’itinerario da noi pensato è un percorso circolare (o meglio, triangolare) nel nord della scandinavia, con partenza ed arrivo a Rovaniemi in Finlandia, che ha incluso le località più note di quest’area, e cioè le isole Lofoten, Tromso, e Caponord, raggiunto dopo un lungo e tortuoso percorso lungo la tormentata costa Norvegese, mentre il rientro a Rovaniemi è avvenuto attraverso l’interno, lungo la Lapponia finlandese.

In totale abbiamo percorso 3.300 km in due settimane.

Per raggiungere la Lapponia abbiamo volato con Finnair da Milano a Helsinki e da qui , con un secondo volo, a Rovaniemi. In totale, il volo è costato circa 1.000 € per 2 adulti+ 1 bambina.

L’automobile è stata prenotata con la compagnia locale Scandia Rent, a noi ci è sembrata quella che offriva le condizioni migliori, per le due settimane abbiamo speso 570€ tutto compreso, con km illimitato ed estensione per poter circolare in Svezia ed in Norvegia (ricordarsi di richiederla).

Per dormire, il nostro consiglio che caldeggiamo è di utilizzare i bungalow ( “cabin” o “hytte”, in Norvegia) presenti un po’ ovunque, sono strutture a volte carine a volte spartane, ma abbastanza a buon mercato e in tutte c’è una piastra elettrica, con la possibilità di cucinare. I prezzi dei ristoranti in scandinavia non sono certo economici, noi ci portiamo sempre da casa l’indispensabile per cucinare (una pentola, una padella, piatti bicchieri e posate, la moka…) e con questo il budget di spesa viene molto contenuto. Per dormire nei cabin è bene portarsi da casa anche il sacco a pelo. Il prezzo di queste strutture, con 3 o 4 letti (a castello) varia dai 50€ circa fino ai 90-100€ a notte, in quelli con il bagno in camera.

Per la guida, scordiamoci l’Italia: in Norvegia i limiti si rispettano. Il pericolo sono i rilevatori di velocità, frequentissimi, e le renne, che a volte te le trovi ferme in mezzo alla corsia stradale…

Ecco in estrema sintesi il nostro itinerario:

17 giugno

Volo da Milano a Rovaniemi, via Helsinki. La temperatura all’arrivo è di 8°C, come inizio non è male…

Le prime due notti abbiamo prenotato un albergo vicino al centro, l’Hotel Arkaenus

18 giugno

La mattinata la passiamo, come di prassi, al Santa Claus Village, dove abita…Babbo Natale.

Nel pomeriggio decidiamo di visitare il bel museo Artikum, consigliamo la visita perché si tratta veramente di una ottima struttura ricca di stimoli, molto apprezzato anche da Chiara.

19 giugno

Giornata di viaggio, circa 500 km attraverso la Svezia fino a Narvik, una cittadina di medie dimensioni sull’Atlantico. Pernottiamo in un hytte nei dintorni, per circa 56€.

20 giugno

Ancora in viaggio di prima mattina verso le isole Lofoten, dopo 3h ½ arriviamo a Svolvaer dove prendiamo possesso di un Rorbu (sono le vecchie baracche dei pescatori, riadattate per i turisti) molto confortevole, al costo di circa 100 €/notte, in cui pernotteremo le prossime tre notti.

Nel pomeriggio il tempo è incerto, decidiamo ugualmente di salire sul monte Haven, nell’isola di Gimsoy, 1 ora circa per arrivare in vetta ma la vista ripaga ampiamente la fatica

Annunci Google
  • 10065 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social