La favola di Hirvensalmi

Cari amici di TPC, ecco il mio racconto sul viaggio in Finalndia fatto nell’ agostodel 2006. Fin da piccoli i nostri genitori ci raccontavano tantissime favole per farci addormentare, si narrava di luoghi lontani , alla fine del mondo, in ...

  • di enzo cascone
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Cari amici di TPC, ecco il mio racconto sul viaggio in Finalndia fatto nell’ agostodel 2006.

Fin da piccoli i nostri genitori ci raccontavano tantissime favole per farci addormentare, si narrava di luoghi lontani , alla fine del mondo, in posti gelidi, innevati, abitati da strane creature.Abbiamo vissuto a lungo con il ricordo di queste fiabe e racconti così lunghi ma affascinanti e ci chiedevamo sempre:”Ma esistono posti così incantevoli?”la mia risposta è.....SI’.

Quest’ estate con i miei amici finlandesi , Sami , Teresa e Marisa siamo stati per 3 giorni in un cottage in riva al lago ad Hirvensalmi, vicino Mikkeli a nord di Helsinki. Non era la mia prima volta in Finlandia(ho già 5 presenze), ma in un posto così mai, ho rivissuto tutta la storia dei miei tanti viaggi in questa terra del nord ; la terra dei tanti laghi, di Babbo Natale, dei Sami, della sauna e della natura incontrastata che domina in lungo e in largo .Dopo circa 2 ore di auto arriviamo ad Hirvensalmi, già dalla statale possiamo ammirare il paesaggio che offre la Finlandia, si viaggia pari passo con laghi, alberi ( kusi) e la natura a circondarci, come se ci accompagnassero nel nostro viaggio, può sembrare noioso vedere sempre lo stesso paesaggio ma non lo è , vivere in questi posti aiuta a rilassarsi, ci fa riflettere e anche volare con la fantasia.

Arrivati al cottage , ci si prepara per il ritmo d’ eccelenza :la sauna.

Come già detto in altri racconti( Divina Finlandia e Helsinki 2) la sauna è il luogo di purificazione, di ritrovo e di benessere. Prendiamo la legna dal bosco ed accendiamo il fuoco per azionare la sauna, dopo 30 minuti andiamo in sauna ( nudi) e dopo esserci riscaldati abbastanza ci tuffiamo nel lago adiacente, che emozione, nuotare nelle fredde acque e tutto intorno la natura. Dopo una bella nuotata si ritorna in sauna per un po’ , dopo sarà la volta delle ragazze. Aspettando le ragazze accendiamo il caminetto all’ esterno del cottage, stasera si preparano i MAKKARA , wurstel giganti di ogni tipo, e vicino al fuoco e sotto un cielo di stelle che quasi si potevano toccare , iniziammo a scambiarci opinioni, confrontarci tra cultura e stili diversi di vita, si rideva ,si scherzava e si beveva anche un ottima LAPIN KULTA...La notte era lunga , il silenzio circostante della natura ci avvolgeva come per incanto ed in lontananza si sentiva il rumore di qualche buffo amimale che girava per i boschi,ci alzammo per fare quattro passi per il bosco, noi 4 soli , che emozione...La notte sembrava non finire ma eravamo stanchi e il nostro letto ci attendeva.

La mattina ci svegliammo con la luce del sole (lì le tapparelle alle finestre non ci sono) e facemmo colazione tutti insieme, ci attendeva ancora una lunga e faticosa giornata.Andammo da una zia di Sami a pochi km di distanza, ci preparò un’ ottimo pranzo, con specialità del posto e poi incontrammo il suo buffo zio Artu( fà il taglialegna nei boschi, il classico finnico con barba lunga e con tante birre sul tavolo) ne bevemmo tante anche noi, ed incominciò a raccontarci com’ era il piccolo Sami da bambino, in finlandese, anche se io riuscivo a capire non tutto ma quasì, passammo un paio d’ ore in allegria anche passeggiando in riva al lago davanti alla loro casa.Ci raccontò tante storie sulla Finlandia e sulla loro vita... Mi ero arricchito ancor di più, avevo imparato tante altre cose su di questo popolo che noi consideriamo freddo, chiuso e poco consono al dialogo, molti luoghi comuni cadderò e così sentivo la Finalndia come una mia seconda patria.Dopo averli salutati ritornammo al cottage, si avvicinava l’ ora della sauna.. Ci preparammo come sempre e ripetemmo il rito come il giorno precedente.La sera toccò a noi maschietti preparare la cena , io e Sami ci rimboccammo le maniche e preparammo alcune penne con il pomodoro , le ragazze apprezzarono e poi contenti andammo in giro per la piccola città semi deserta , eravamo gli unici turisti in strada e nel supermarket .Facemmo ritorno a casa ed andammo a letto, non riuscivo a prendere sonno, così decisi di andare a fare un giro nel bosco , Marisa mi seguì , ero lontano dalla mia città migliaia di km ma non avevo quel senso di nostalgia che in passato mi aveva coinvolto, non volevo partire da lì a pochi giorni...La mattina della nostra partenza aleggiava sui nostri volti uno sconforto incredibile, ci eravamo abituati a quella vita in relax, lontani dalle poche auto e dal poco caos per loro, nell’ auto la mia mente avvolgeva i ricordi di quei 3 giorni passati insieme, avevamo scoperto lati interiori di noi che non erano venuti fuori, la nostra amicizia era cresciuta, e ci siamo ripromessi di ritornarci...Tornati ad Helsinki abbiamo ripreso la scuola, il lavoro ed io poi l’ aereo per tornare a Napoli...La nostalgia mi accompagnava per i restanti minuti di attesa per l’ imbarco, al decollo ho solo detto “ Arrivederci” alla mia cara Finlandia con la promessa( io le mantengo ) di ritornarci presto per rivivere ancora tanti bei momenti con loro.Dopo il mio ritorno in Italia ho iniziato ha sognare spesso il periodo trascorso lì, ho rivissuto i racconti di mio padre e di mamma durante la mia infanzia, spero di poter raccontare alla mia nipotina qualche favola, qualche racconto verosimile sui posti dove sono stato. Sì; le favole , quelle scritte sui libri che a volte si raccontano , io ci credo, ho vissuto in una favola vera la reltà di un posto lontano, dove si ritorna bambini, buoni e comprensivi con madre natura che ci guarda , ci fa capire che esistono ancora posti dove si può vivere in modo semplice, la semplicità che manca a noi uomini ultra moderni, sempre di corsa , poco inclini all’ aiuto del prossimo, a volte cattivi e invidiosi, spavaldi , sapientoni ...Dovremmo guardare molto ai paesi del Nord Europa , imparare da loro, cercare di” rubare” qualcosa su come gestire il paese e le risorse. Non vorrei uscir fuori discorso, concludendo spero che la favola vada a buon fine come di consueto cioè augurando a tutti voi che leggerete questo racconto di provare alcune delle mie emozioni e di avventurarvi lì , in Finlandia o altro paese del Nord per verificare l’ attendibilità del mio racconto...Alla prossima favola vera Un bacione a tutti da Enzo Cascone

  • 933 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social