Matamanoa: l'isola che non c'è

Dopo quindici giorni trascorsi esplorando l’Australia ci meritiamo un po’ di riposo e dove se non alle Fiji? Abbiamo scelto un isoletta, la più piccola dell’arcipelago delle Mamanuche infatti la spiaggia che gira tutt’attorno, interrotta solo da un picco roccioso, ...

  • di MartyChri
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500
 

Dopo quindici giorni trascorsi esplorando l’Australia ci meritiamo un po’ di riposo e dove se non alle Fiji?

Abbiamo scelto un isoletta, la più piccola dell’arcipelago delle Mamanuche infatti la spiaggia che gira tutt’attorno, interrotta solo da un picco roccioso, è lunga solo 800 metri. Arriviamo a Nadi capitale delle Fiji alla mattina presto dopo un volo di circa quattro ore da Sydney. All’aeroporto ci accolgono con musica tipica e collane di conchiglie. Noi abbiamo prenotato l’elicottero che in meno di 10 minuti ci porterà a Matamanoa. Sull’isoletta atterriamo su una piattaforma di legno e una signora ci accoglie con altre collane di conchiglie e entusiasta ci chiede: “italiani?”. Ci offrono un cocktail di benvenuto molto buono e fruttato e ci accompagnano al nostro bungalow. Ci sembra di vivere in un sogno... la spiaggia è bianca e l’acqua dalle molte sfumature azzurre e verdi è calda e bassa anche perché a 10 metri vediamo la barriera corallina che alla mattina è lasciata libera dal mare e si mostra in tutto il suo splendore.

Durante la nostra permanenza non abbiamo fatto un granché: Oltre a prendere il sole, a fare il bagno e a passeggiate sulla spiaggia, partecipavamo a impegnativi aperitivi e a luculliane cene a base di pesce, abbiamo giocato a ping pong e a beach volley partecipando a partite di fijiani contro il resto del mondo: infatti nei primi giorni di italiani ci eravamo solo noi due i rimanenti ospiti venivano dall‘Australia, dalla Nuova Zelanda, dal Sudafrica , dagli Stati Uniti, dal Giappone , insomma da ogni parte della terra!

Tutto ciò che ci circonda ci lascia senza fiato e ci rimarrà sempre impresso nel cuore. Prima di tutto l’atmosfera che si respirava era davvero incredibile: le giornate, l’oceano, le persone tutto si muoveva al ritmo del bula. Bula è il loro saluto e per descrivere il ritmo di vita fijiano altro termine migliore di bulizzare non c’è: tutto si fa tranquillamente senza fretta e ansia: dalla pulizie della stanza, a quella della spiaggia, dal preparare il tè al salutare i nuovi arrivati tutto lentamente.. Alla fine dei cinque giorni che abbiamo trascorso a Matamanoa anche noi ci siamo bulizzati!

Le persone poi sono fantastiche, i fijiani sono sempre allegri, solari, disponibili e non solo perché è il loro lavoro. Abbiamo incontrato persone che non ci dimenticheremo mai che ci hanno dimostrato tanto sincero affetto e che ha reso ancora più difficile andarsene. Alcuni di loro ci hanno anche chiesto di mandargli le nostre foto e ci hanno dato i loro indirizzi, ovviamente tornati a casa lo abbiamo fatto subito.

Altra cosa che alle fiji ti colpisce molto è la natura. I colori mi sono rimasti impressi nella mente in modo indelebile: il blu del cielo così intenso che gli occhi ti facevano male, il verde delle palme, il bianco della spiaggia e l’azzurro del mare. Anche i pesci ovviamente erano fantastici appena mettevo il piede nell’acqua mille pesciolini gialli, argento, neri, pesci picasso correvano attorno alla mia gamba e non lontano potevo veder stelle marine blu grandi e bellissime.

Il giorno della partenza siamo molto tristi, per fortuna anche il tempo non è dei migliori infatti è nuvoloso e scende un po’ di pioggia . Ci imbarchiamo e salutiamo Matamanoa con già la malinconia nel cuore ma felici di aver trovato la nostra isola che non c’è...

  • 4092 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Annalisa Iavarone
    , 2/7/2010 19:03
    Anche io devo partire per il mio viaggio di nozze per l'australia, me la consigli Matamanoa?

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social