Isole Faroe, che spettacolo!

Una vacanza stupenda a contatto diretto con la natura

  • di pece83
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

1° giorno

Partenza da Bologna la sera direzione verso Copenaghen, metro fino all'ostello Danhostels che è risultato molto rumoroso puzzolente e un po' caro 70€.

2° GIORNO

Arrivati alle Faroe fin da subito veniamo rapiti dai paesaggi suggestivi. L'aeroporto è piccolo pulito, la cosa che ci ha impressionato è che dall'aereo e anche da terra sembra che le nuvole incontrino la terra. Prendiamo il bus #300 direzione Torshavn (circa 12€ a testa). Come primo giorno decidiamo di visitare la capitale che risulta essere carina e pulita, bella soprattutto la parte vecchia verso il porto con le case caratteristiche delle isole. E' l'unico posto delle Faroe dove si trova un po' di vita mondana, pub club e ristoranti decenti ma cari. Notiamo fin da subito il meteo variabile, infatti è stato soleggiato fino alle 15e poi vento a 90km/h e pioggia. Cena giapponese al ristorante minuscolo e carino chiamato Etika, non male e il sashimi di salmone era stellare (40€ a testa). Alloggiamo all'hotel Hafnia (di fronte all'Etika), hotel 4 stelle (finte) con ottima posizione colazione e camera, il bagno invece era sporco e orribile, andateci solo se trovate come noi camere in offerta.

3° GIORNO

La mattina il vento è estremo e la barca per Nolsoy non è partita. Gita rinviata al pomeriggio, il vento è calato appena, arriviamo in barca a Nolsoy in 20 minuti pagando una stupidaggine. L'isola risulta selvaggia e stupenda, indimenticabile natura. Proviamo ad arrivare al faro posto dalla parte opposta dell'isola (circa 7km) ma tra il vento estremo e il percorso molto impervio a metà decidiamo di tornare verso la cittadina molto piccola ma carina. C'è pure un bel pub dove bere una buona birra. Rientro a Torshavn e cena all'irish pub economica ma non buonissima, abbiamo faticato non poco a trovare un pub/ristorante con dei posti libero, meglio prenotare nel weekend.

4° GIORNO

Partenza da Torshavn in barca verso Suduroy (2 ore), isola parecchio grande a piedi si riesce a vederne solo una parte, noi abbiamo optato per la costa di fronte la città più importante. Carina però a differenza delle altre isole visitate è meno selvaggia. Il cammino infatti lo abbiamo fatto lungo una strada asfaltata e ha perso un po' di fascino. E' una bella isola ma è quella che ci è piaciuta meno. Con l'auto deve essere molto bella da visitare, sconsigliata a piedi a meno di coincidenze con i bus che quando siamo andati noi non c'erano. Rientro a Torshavn e cena all'aarvest, ristorane di classe della capitale. E' risultata la miglior cena fatta durante la vacanza, però è molto caro (tra i 50-100€ a testa).

5° GIORNO

E' giunta l'ora di spostarsi, prendiamo una macchina a noleggio dalla hertz e andiamo a Vestmanna per la famosa gita in barca. Ma a causa del vento l'escursione viene annullata. Allora proseguiamo per la costa e andiamo prima a Eidi (carina), e poi proseguiamo la strada di montagna (magnifica) verso Gijogv che risulterà il paesetto più bello che abbiamo visto grazie anche alla sua vista. Proseguiamo dopo la sosta sulla costa di Gijogc e arriviamo all'appartamento prenotato con airb&b a Nordragota (paesetto molto brutto ma comodo data la presenza di un ristorante e un distributore (tutti i distributori hanno un mini super market all'interno e un fast food/cafè)

  • 9053 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social