Terza visita all'Expo di Milano

Un lunedì in giro per i padiglioni dell'Expo

  • di Jessy_P_Bg
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Terza visita ad Expo Milano

Lunedì 22/06, biglietto preso in anticipo con data fissa alla Coop vicino casa (costa di meno, se sei "socio coop").

La prima visita invece ho avuto il piacere di farla sabato 23/05 ed ero riuscita a visitare i Padiglioni di: Coca Cola, Food Truck Nation, Svizzera, Ecuador, Chile, Iran, Kuwait, Stati Uniti d’America, Slovenia, Austria, Turchia, Monaco, Slovakia, Estonia, Sultanato dell’Oman, Indonesia, Turkmenistan, Qatar, Marocco, Cluster Cereali e Tuberi, Germania, New Holland, Cluster Bio Mediterraneo, Cluster Isole Mare e Cibo. Qui si può leggere il racconto: http://turistipercaso.it/expo-milano/73620/prima-visita-allexpo-di-milano.html

Mentre la seconda volta è stata sempre di sabato, il 13/06 ed ero riuscita a visitare molte cose, i Padiglioni di: Giappone, Russia, Slow Food, Birra Moretti, Israele, Francia, Santa Sede, Polonia, Spagna, Ungheria, Romania, Messico, Regno Unito, Olanda, Azerbaijan, Argentina, Colombia, Cina, Thailandia e finalmente avevo assistito allo spettacolo dell’Albero della Vita in versione notturna. Qui si può leggere il racconto: http://turistipercaso.it/expo-milano/73728/expo-di-milano-mordi-e-fuggi.html

PRIMA DI ENTRARE

Io vengo da Bergamo, lasciamo l'auto tutta la giornata al parcheggio di "Lampugnano", spendendo solo 2,50€ (e non ho sbagliato a scrivere...). Qui si prende la Metro Rossa e dopo 5 fermate ("Uruguay", "Bonola", "S.Leonardo", "Molino Dorino","Pero") si arriva al capolinea "Rho Fiera". Il biglietto da “Lampugnano” costa 2,00 euro, si consiglia sempre di specificare il tragitto per non incorrere in eventuali sanzioni. Il tragitto dura poco meno di dieci minuti e i treni sono frequenti. Abbiamo aspettato massimo due minuti. All'uscita dei tornelli della metro la prima volta ci sono stati i controlli del personale ATM dei biglietti della metro, questa volta invece no. Qui si seguono le indicazioni e si arriva ai tornelli d'ingresso Expo. Fuori dai tornelli ci sono i bagni (pulitissimi), le biglietterie, l'info point (qui ho preso la cartina). Ai tornelli ci sono ingressi riservati a: gruppi, media, donne incinte e portatori di handicap, operatori che lavorano all'interno e visitatori. Ho scelto un tornello e poco prima delle 10:00 mi sono messa in coda. Nella vaschetta dei controlli si mette: cellulare, tablet, cinture, oggetti metallici, bevande in bottiglie di plastica (queste le mettono loro in un contenitore a parte), subito dopo si passa il biglietto sotto la "timbratrice" ottica.

DOPO L'ENTRATA

Militari, Carabinieri, Polizia, Vigili del Fuoco, Guardie Forestali, Guardia di Finanza (scusate chi ho dimenticato), ovunque, magari non danno troppo nell'occhio ma ci sono e sono tanti. Ho visto anche unità cinofile verso la sera. Lo staff dei padiglioni in cui sono entrata è stato tutto molto carino, sorridente, gentile e preparato. Ognuno con il suo abbigliamento tipico, sia uomini che donne.

Da qui inizia la lunga camminata attraverso il ponte coperto che arriva proprio davanti al "Padiglione Zero", la mia giornata si è concentrata nella visita dei padiglioni all’inizio del Decumano, di alcuni Cluster non ancora visitati ed altri (sia Cluster che Padiglioni) che avevo già visitato in precedenza per vedere alcune cose che mi erano sfuggite oppure per vedere se avevano apportato delle migliorie (Esempio: Cluster Isole, Mare e Cibo)

  • 14187 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social