Viaggio in Etiopia

La rotta storica ail Timkat

  • di frasca giuseppe
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Pungolato dall’articolo di una rivista, che illustra i festeggiamenti che si svolgono a Gondar in occasione della ricorrenza del Timkat, inizio, alla fine di ottobre, ad organizzare un tour in Etiopia. Ritenendo, erroneamente, il viaggio molto disagevole, limito la partecipazione ai soli compagni di comprovata esperienza, capaci di adattarsi e di dare una mano in caso di difficoltà. Pertanto ci ritroviamo, appena in quattro, il 14.1.2015, a partire da Siracusa per Addis Abeba, via Roma, con la Ethiopian Airlines. Una compagnia aerea, quest’ultima, che utilizza aerei un po’ vecchiotti e per niente puliti. In compenso il personale di bordo è gentile, gli orari dei voli internazionali sono rispettati ed è confortevole lo spazio fra i sedili.

Prima di addentrarmi nel resoconto del viaggio, fornisco le notizie utili che sono, forse, quelle che più interessano i lettori di questi diari.

· Moneta: sono accettati, ovunque, gli euro. Il cambio (1 € = 24 birr) può essere effettuato all’aeroporto o anche negli alberghi. La moneta locale è molto sporca e maltrattata perché non usano portamonete. Non esistono grossi tagli: con l’equivalente di € 100 si riempie il portafoglio. Utilizzabili solo in banca le carte di credito.

· Visto: è possibile ottenerlo all’aeroporto dopo una fila interminabile (nel nostro caso, circa 2 ore): va consegnato il passaporto (non servono foto né moduli compilati) presso un primo sportello; poi bisogna passare ad uno sportello limitrofo, dove viene riconsegnato il passaporto previo pagamento di € 43 (e non 17 come riportato nelle guide); per avere il resto (se si danno € 50) bisogna prima insistere perché il secondo sportellista fa lo gnorri e, poi, passare ad un terzo limitrofo sportello dove, a questo punto, conviene anche effettuare il cambio.

· Corrente elettrica: negli alberghi abbiamo trovato prese con due fori come in Italia e prese con tre fori a lamelle. Comunque, inserendo i due spinotti del carica-batterie o del rasoio elettrico nei due fori superiori delle prese a tre lamelle, abbiamo constatato che si può fare a meno dell’ adattatore poiché la corrente affluisce lo stesso agli apparecchi.

· Malaria: inesistente -limitatamente ai luoghi da noi visitati- in quanto la zanzara anopheles non sopravvive oltre i 2.000 mt. .

· Sicurezza: totale nelle città. Borseggiatori in occasione del Timkat. Controlli, con il metal-detector, all’ingresso di quasi tutti gli alberghi. Per le strade molti uomini, dall’aspetto mite, girano armati di fucile o di kalashnikov al solo fine della difesa personale. Al confine con l’Eritrea e la Dancalia si consiglia di chiedere il permesso prima di fare le foto.

· Alberghi: contrariamente alle aspettative, tutti buoni e puliti. Di solito nelle stanze si trovano gli asciugamani per una sola persona (consuetudine locale). Per averne due basta chiedere ed avere un po’ di pazienza perché il servizio non è sollecito.

· WI-FI: gratis e presente in tutti gli alberghi ed anche in molti ristoranti.

· Telefoni: è possibile acquistare una scheda per telefonare in Italia al costo di 1 € al minuto..

· Ristoranti: anche fuori dagli alberghi si può mangiare all’occidentale. La pasta e la pizza, retaggio dell’occupazione italiana, fanno parte della dieta etiope.

· Strade: quelle percorse da noi, eccetto 100 Km di sterrate, tutte asfaltate e quasi in buone condizioni. Inesistente la segnaletica stradale ed il rispetto del codice stradale. Tanta gente ed animali lungo la strada rallentano e rendono poco sicura la marcia. Pochi distributori e, spesso, privi di carburante. Indispensabile portare delle taniche di riserva piene di gasolio.

· Clima: soleggiato e primaverile. Di sera basta una felpa od un K-way.

Ed ora, per chi ha interesse, passo alla descrizione del viaggio

  • 6970 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social