Paesi Baltici, Helsinki, Berlino

Dopo una lunga trattativa con Sergio e la sua determinata consorte circa l'itinerario da seguire, partiamo il 18.6.2005, da Catania diretti a Milano Orio, con My Air. Costo del biglietto aereo (tasse comprese) € 50 a persona. Ripartiamo per Tallin, ...

  • di frasca giuseppe
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Dopo una lunga trattativa con Sergio e la sua determinata consorte circa l'itinerario da seguire, partiamo il 18.6.2005, da Catania diretti a Milano Orio, con My Air. Costo del biglietto aereo (tasse comprese) € 50 a persona.

Ripartiamo per Tallin, alle ore 1,20, con la Estonian Air, al prezzo di € 109,60.

A Tallin, Riga e Vilnius alloggiamo, al costo di € 70 la doppia per notte, con colazione a buffet, negli alberghi della rete internazionale REVAL****.

All'arrivo veniamo a conoscenza che il prezzo, davvero basso per la categoria ed i servizi offerti, è dovuto ad uno sconto particolare praticato a coloro che prenotano un soggiorno in tutti e tre gli alberghi presenti nei Paesi Baltici. La prenotazione la abbiamo effettuata, con e-mail, presso il Reval Hotel Olimpia di Tallin.

19 giugno) La visita approfondita di Tallin richiede una giornata. Le due ore che precedono il chech-in in albergo (siamo arrivati alle 7), le utilizziamo per una passeggiata nelle caratteristiche vie medioevali della città vecchia. Nel corso della giornata approfondiamo la visita della città partendo dalla piazza del Municipio. La salita sulla torre annessa al Municipio ci stronca letteralmente le gambe. Per giunta non offre un panorama interessante.

Nulla a confronto di quello che si gode dalla collina Trompea, alla quale si accede attraverso la torre-porta di Pikk j Alg "gamba lunga". Interessanti il palazzo Comunale gotico, sovrastato da un segnavento raffigurante un guerriero con spada, la Chiesa di Santa Caterina, la Chiesa di Sant'Olaf, la cattedrale ortodossa Alexander Nesky.

20 giugno) Effettuiamo una escursione ad Helsinki utilizzando una delle tante navi veloci che, alla modica cifra di € 37 A/R, ci porta in Finlandia. Visita deludente in quanto Helsinki offre poco. Il famoso mercato coperto Kauppatori è una sorta di souk mediorientale con la differenza che è pulito e senza odori. Si vende e si mangia un po' di tutto. Il mercato antistante, all'aperto, sulla banchina, è più caratteristico. Ci sono le solite bancarelle (che tanto affascinano mia moglie) e si mangia bene (per la Finlandia) ed a buon prezzo. La Cattedrale e la piazza del Senato, distanti qualche centinaio di metri dal mercato, non suscitano alcuna emozione; lo stesso dicasi per la Chiesa scavata nella roccia. Girata a piedi quasi tutta la città, anticipiamo di un'ora il ritorno a Tallin.

21.Giugno) Utilizziamo i servizi offerti da una agenzia di viaggi locale per visitare il Parco Nazionale di Lahema, a circa 100 Km da Tallin. Il Parco è veramente incantevole per le sue cascate, i suoi laghi, le paludi, la flora ed i paesaggi languidi e riposanti; senza contare le splendide e visitabili ville e taverne con tetto di paglia, ubicate nel Parco stesso.

Il costo dell'escursione, di € 57 a persona, ci era sembrato esorbitante ma in effetti si è rivelato equo in quanto, senza guida, non saremmo stati in grado di individuare le località visitate.

22 e 23 giugno) Partenza per Riga con pullman Eurolines. Il percorso, di cinque ore, è molto monotono, anche se confortevole e dal prezzo irrisorio (€ 17).

Riga è una città interessante con il suo Castello, le case delle corporazioni, la Cattedrale, il Monumento della Libertà, la Chiesa di San Pietro. Da evitare il mercato coperto degli ex hangar dei Zeppelin, dove si vendono solo alimentari e si corre il rischio borseggiatori.

A Riga prendiamo a noleggio, per quattro giorni, una Laguna station vagoon per € 370. Inspiegabilmente mi vengono trattenute, sulla carta di credito, successivamente, € 428. 24 giugno) Con l'auto visitiamola città di Sigulda ed il Parco Nazionale di Gauya, i castelli di Turgida, Kaimulda e le grotte di Gutman. Quindi proseguiamo per Rundale dove troviamo difficoltà a trovare un albergo e da mangiare (i ristoranti chiudono alle 21). Ci accontentiamo, quindi, di un piccolo albergo a Bauska dove, contrariamente alle aspettative, dormiamo bene e mangiamo meglio lungo le rive di un riposante corso d'acqua affollato, fino alle ore 23, da frotte di giovani i quali, approfittando delle lunghe giornate nordiche, fanno il bagno

  • 1046 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social