Ancora Sicilia: Isole Eolie

Una settimana nell'arcipelago tra sole, mare e... pane cunzato!

  • di carabattola
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Anche quest'anno la Sicilia, come una sirena, ci ha attirato con le sue bellezze. E’ la volta delle Isole Eolie! Dopo aver visionato diverse offerte, anche di tour organizzati, alla fine abbiamo optato per un compromesso tra l’organizzato ed il fai da te: volo+hotel prenotati con Expedia, e tutto il resto prenotato da noi. Abbiamo fatto base a Vulcano, l’isola più vicina alla terraferma, e da lì siamo partiti per le escursioni e le visite a tutte le altre isole.

Prima giornata

Partenza da Malpensa alle 6:35, con Easyjet. Arrivo puntuale all’aeroporto Fontanarossa di Catania. Lì avevamo prenotato, tramite l’hotel, il servizio navetta per Milazzo: le navette sono dei bus o dei pulmini, a seconda del numero dei passeggeri previsti; ci sono diverse compagnie che effettuano il servizio, la nostra era Aliprando. I costi sembrano abbastanza standard, 25€ a testa a tratta. Per chi vuol risparmiare qualcosina e non ha fretta ci sono gli autobus di linea Giunti, che però impiegano circa il doppio del tempo (la navetta 1h45’, il bus più di 3h).

A Milazzo bisogna prendere l’aliscafo (16,50€ a testa). O il traghetto: se si va a Vulcano la differenza di tempo non è molta (si risparmia qualcosina). Per l’aliscafo, come per l’aereo, se avete dei bagagli voluminosi dovrete pagare un sovrapprezzo (2€ a bagaglio).

Arrivati a Vulcano ci attende il pulmino dell’Hotel Garden, che comunque non è distante; l’accoglienza ed il luogo ci ispirano, così decidiamo di prenotare anche la mezza pensione, di cui non ci pentiremo perché le cene saranno tutte favolose (25€ a testa, bevande escluse).

Nel pomeriggio il primo bagno, nella spiaggia delle sabbie nere, a pochi passi dall’hotel: la sabbia è incandescente! Senza sandali o ciabatte è impossibile camminare. Ci sono dei bagni attrezzati ed anche un po’ di spiaggia libera, non curata però; ed anche l’acqua purtroppo non è proprio entusiasmante, con sacchetti fazzolettini e quant’altro a galleggiare. Sicuramente, come riscontreremo anche in altre parti, colpa della maleducazione dei turisti; ma credo che un po’ più di attenzione da chi con i turisti ci vive e guadagna non sarebbe male. Per quanto riguarda l’acqua, fortunatamente, questa sarà l’unica nota negativa perché tutti gli altri bagni saranno fantastici.

Dopo cena passeggiata per il centro di Vulcano; è piccolino, ma con diverse bancarelle, negozietti, ristoranti, bar, localini. Ci sono tante agenzie che propongono escursioni: il suggerimento è quello di sentirne diverse e contrattare il prezzo.

Noi ci siamo rivolti, su consiglio dell’hotel, a Giuseppe della motonave Paloma; gentilissimo e disponibilissimo, ci siamo rivolti a lui anche per altre escursioni. Ovviamente, se fate un pacchetto, il prezzo potrà essere più basso… consiglio, una volta tanto, di NON prenotare queste escursioni on-line. I prezzi sono notevolmente più alti, in loco invece si riesce anche a fare dei bei giri con 20-25€ a testa.

Seconda giornata: Panarea e Stromboli

Oggi la prima delle escursioni: Panarea e Stromboli. Le escursioni in motonave hanno un po’ tutte le stesse caratteristiche: si gira intorno alle isole per vedere paesaggi, spiagge e calette caratteristiche, con delle soste bagno dove sguazzare in posticini difficilmente raggiungibili altrimenti; si sbarca in ciascuna isola per rifocillarsi o fare shopping. Io le consiglio, in quanto sono sicuramente economiche rispetto ad altri mezzi di trasporto, anche rispetto alle navi di linea. Questa particolare escursione differisce un po’ dalle altre in quanto innanzitutto parte nel primo pomeriggio ed, all’imbrunire, porta alla Sciara del Fuoco per cercare di vedere i lapilli eruttati (non dimentichiamo che Stromboli, come l’Etna, è un vulcano attivo)

  • 3607 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social