Al cairo piove solo 5 volte all anno

Febbraio, tempo del carnevale, tempo degli innamorati, tempo del freddo mattutino, tempo di prendere una vacanza… E così sono iniziati i preparativi e dopo aver compiuto mentalmente il giro della Birmania, di Bali, del Nepal, del Marocco e del Messico ...

  • di Ila 1
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Febbraio, tempo del carnevale, tempo degli innamorati, tempo del freddo mattutino, tempo di prendere una vacanza... E così sono iniziati i preparativi e dopo aver compiuto mentalmente il giro della Birmania, di Bali, del Nepal, del Marocco e del Messico (magari la prossima volta...)sono giunta alla Crociera sul Nilo(ci fosse mai la possibilità di vedere qualche coccodrillo!).

E’ tempo di partire, valigia alla mano, bermuda, ciabatte, parei, costumi e creme solari...Mai abbigliamento fu più errato...

Volo da Bologna in orario e raggiungiamo dopo circa 4 ore il Cairo, città in cui i picchi di traffico intenso sono 8 se sei fortunato, dove i fanali accesi sono un optional, i bus passano con il rosso e suonare il clacson è costantemente obbligatorio. Il Cairo città caotica, piena di vita, di suoni, di auto, di persone, città dei vivi che vivono nella città dei morti, città colma di storia, città cordiale, città di guglie, cupole e moschee, città delle piramidi.

Inizia l avventura nel fascino misterioso dell Egitto...(sembra una pubblicità) 7000 anni di storia in 6 giorni. (tipo i tour giapponesi Roma-Pisa-Venezia in 2 giorni!) Sveglia alle 7, il buongiorno si vede dal mattino e noi lo sfruttiamo tutto, incontro con la guida Tarek (Tarek Tarek Tarek...) e si dia inizio alle danze! Visita della Cittadella, della moschea di Mohammed Ali dove per entrare mi tolgo le scarpe(ad averlo saputo non avrei messo calzini bianchi) e mi viene fornito un bel tunicone verde lungo fino ai piedi perché i pantaloni a vita bassa sono di moda ma non nelle moschee! Poi dritti verso il Museo Egizio, tanto famoso e rinomato dove se fossi entrata da sola avrei ammirato soltanto sassi senza significato ed invece vi era la statuetta di Cheope, le pupille di cristallo delle statue, i gioielli di Tutankhamon, il lettino pieghevole, l ombrello del faraone, le oche dell alto e del basso Egitto, l elefantiasi e Akhenaton l eretico, due piani di rocce ammucchiate, due piani di gruppi turistici che corrono da un angolo all altro delle sale, due piani di storia in due ore.

Ma il tempo è tiranno e così si vola nel pomeriggio verso il mercatino di Khan al-Khalili per avere i primi contatti con il commercio locale per il rito della contrattazione nel vano tentativo di stabilire il giusto prezzo per scoprire che la contrattazione non fa per me.(ma come si fa ad entrare in un negozio quando ti danno l assalto già dalla strada?) Al Cairo piove solo 5 volte all anno...Bè una l ho beccata io!!! 10 minuti di acqua che creano fiumi nelle strade, 10 minuti di acqua che intasano la città, 10 minuti di acqua che prendono di sorpresa, 10 minuti di festa!!! Chi altro può dire di aver preso l acqua al Cairo?! (fortuna o sfiga?) E non starò ora a fare l elenco delle visite ora per ora, minuto per minuto ma è il momento delle piramidi, veri capolavori di perfezione! E partiamo da Saqqara 2600 a.C., la prima piramide a gradoni, la prima piramide in assoluto affacciata sulla valle del nilo. E all orizzonte le altre piramidi, la perfezione di Giza con Cheope, Chefren e Micerino. E occorre provare il brivido di entrare all interno di Chefren,(se non hai problemi di cuore, se non hai ernie, se non hai problemi di pressione, se non hai problemi di mal di schiena, se non hai problemi di claustrofobia, se non hai problemi di panico...Insomma o sei sano o ci lasci le penne e voglio vedere chi ti ci leva!) in un cunicolo stretto e basso con l aria ristagnante secoli, per giungere alla sala del sarcofago e trovare scritto “scoperto da Giovanni Belzoni nel 1818”( e siamo proprio come il prezzemolo...) Niente di particolare all interno,(hai appena rischiato la vita per niente?) l afa opprime il petto ma sei dentro una piramide e il resto non conta

  • 1282 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social