La Famiglia Bigaroni

La Famiglia Bigaroni In tutte levacanze che si rispettino esiste sempre al tuo fianco la famiglia Bigaroni! Essa è di solito composta da quattro individui di origine più o meno meridionale. ( non è detto, ne sono state trovate otto ...

  • di Stefano Pischiutta 1
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

La Famiglia Bigaroni In tutte levacanze che si rispettino esiste sempre al tuo fianco la famiglia Bigaroni! Essa è di solito composta da quattro individui di origine più o meno meridionale. ( non è detto, ne sono state trovate otto a Bergamo, Germania e sull’isola delle Svalbad ma forse si erano perse oppure dopo la frammentazione della Pangea nella deriva dei continenti! Questo spiegherebbe la scomparsa dei dinosauri tra il cretaceo ed il giurassico ).

Il Capo(famiglia) in qualsiasi luogo di villeggiatura pascoli, si aggira famelico, fornito di sandali marroni a croce, slip da bagno e canotta a coste ( variante: il “Capo maculato” con macchie di sugo di pomodoro perino incrostato sul manto e barba di almeno tre giorni bianca di calce ) ed una cazzuola a manico corto ( non si sa mai ). Il tratto fondamentale che contradistingue il Capo è un’enorme “prugna” o pancia, rigonfia di frittata di pasta riscaldata e fagocitata la sera prima, subito sotto, nascosto molto bene, lo slippino urla respiro. Abile piantatore di ambrelloni urlando e chiedendo consensi persino alle pietre, si aggira sulla spiaggia urlando iterativamente : Fa un cazzo di caldo porco ... Fa un cazzo di caldo porco ... Lei, l’angelo della casa dai tratti somatici illici-calabrotti è riconoscibilissima da almeno un paio di comportamenti: alta un metro o poco più, con zeppe anni settanta rigorosamente aperte, quando si adagia docemente sulla sdraio, dopo un viaggio estenuante in macchina, per pressione, fa partire le zeppe come due missili sovietici insieme ad una scorreggia gassosa che tramortisce subito il cane il quale comunque sarebbe dovuto morire comunque a causa dei manicaretti prodotti dalla signora.

Frase più usata: mi fan’ mal i pedi! ( mi fanno male i piedi perché sgobbo tutto il girno per te ).

Appunto grande lavoratrice, moglie “schiava lava stira e chiava” a detta del marito, massima libidine per lei è dar da mangiare QUALSIASI cosa al proprio branco e gongolarsi con le sue amichette con la solita frase : ch’est’ann ho uscito a firia ( finalmente dopo tanto lavoro sono riscita a convincere mio marito a fare le ferie al mare! ).

Terzo componente della fam Bigaroni è il bambino. Il “bambino grasso”, biologicamente contaminato da frittura, è una zampogna a forma di aspiratutto che puntualmente dopo aver ingurgitato container di untissime pietanze, tenta furtivamente di farsi il bagno in mare od in piscina rischiando la propia vita scatenando le ire della madre, ma visto che il vero Capo è soltanto il marito che con due palate sul grugno del bambino convince lo stesso a tuffarsi almeno dopo la digestione ( approssimativamente otto mesi ). Il bambino grasso, con variante schiena amaranto, si fa riconoscere varso sera, quando giocando come ogni giorno con gli arnesi più pericolosi che trova in spiaggia, riesce a farsi malissimo ; la madre urlando lo sgrida, il padre gli affibia altre due palate e subito dopo lo stesso marito viene rimproverato dalla moglie per il gesto dicendogli : Non in bocca alla creatura che c’ha male che poi non mi mangi’a chiù! Ultima, ma non con rammarico la Figlia ( lat. Dandolasvengo vulvaris ). Inconfondibile per il trucco marcato ed una tempesta ormonale perenne che la fa odorare di un leggero puzzo di mestruo marcatore. Riesce ad attirare i peggiori individui della spiaggia e dintorni “scodinzolando” e facendo prendere aria alla sua pluritimbrata fregna. Da non confondere con le altre abitanti della spiaggia sgualdrine perché essa urla in continuazione : Mo ...Mo , intercalati da bestemmie

  • 543 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social