Tra Alto e Basso Egitto, alla scoperta di un'antica civiltà

Navigando il Nilo alla scoperta di magnifici templi e siti. Camminare nella caotica citta di Il Cairo ed entrare nelle Piramidi

  • di Libra
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 9
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

L'Egitto era sempre stata una delle mie mete più pensate e sognate... Tante volte ho immaginato di navigare sul Nilo, di perdermi tra il caos del Cairo, di fare “nascondino” tra le colonne dei suoi grandiosi templi. Sulla mia pelle ho anche un tatuaggio con un simbolo egiziano, così come da anni porto una catenina con uno scarabeo, uno dei maggiori simboli dell'antica cultura egizia. Finalmente dopo diversi anni ho potuto realizzare tutto ciò, ed ora, di rientro da questo particolare viaggio, eccomi a scrivere di questa fantastica esperienza.

Va detto che l'Egitto può essere una meta multiforme: c'è chi va per andare a rilassarsi sul Mar Rosso, chi per navigare il Nilo, chi va per scoprire uno straordinario mondo passato che non c'è più ma di cui rimane ancora traccia. Ho cercato di unire un po' diversi aspetti (mare a parte) e così ho colto l'occasione di un prezzo molto vantaggioso di un pacchetto organizzato da un tour operator italiano (I Viaggi del Turchese per essere preciso), che prevedeva 8 giorni di vacanza, 5 giorni di crociera sul Nilo più 3 giorni alla scoperta del Cairo. Il prezzo era davvero molto vantaggioso, 1150 euro a testa compreso pacchetto crociera + albergo al Cairo (5 stelle), pasti e quasi tutte le bevande comprese, guida, voli interni e internazionali con compagnia di bandiera, più escursione ad Abu Simbel (non sempre molti tour la prevedono nel prezzo). Non erano comprese solo 4 escursioni facoltative, ma io le ho acquistate tutte e quattro al prezzo di circa 100 euro.

Partiamo con un po' di ansia dato che forse in realtà non è il periodo migliore, proprio in mattinata sentiamo la notizia di una sempre più crescente nuova guerra tra Egitto e Libia a causa dei soliti fanatici del gruppo ISIS.

Partendo da Bologna, prendiamo un treno alta velocità che ci porta fino a Milano, da lì prendiamo il comodo Malpensa Express che dalle stazioni di Milano porta proprio in aeroporto comodamente, in circa 45 minuti. Una volta usciti si è praticamente già dentro l'aeroporto. Abbiamo il volo nel pomeriggio, per cui attendiamo e cerchiamo di perdere tempo girellando un po' per l'aeroporto. Sbrighiamo poi tutto il check in aeroportuale e non ci resta che attendere. Il volo parte in orario, non avevo mai preso l'Egyptair, diciamo senza infamia e senza lode, mi aspettavo di più credo... Arriviamo al Cairo, già in volo dall'aereo vediamo le enormi dimensioni della città, pare non finire mai. L'aeroporto è di conseguenza davvero grande, tenuto davvero molto bene e ordinato. Mi fa solo un po' strano che pare quasi vuoto...! All'arrivo ci attende il personale del tour operator che ci dà una mano a sbrigare le varie faccende di routine per l'ingresso in Paese, come il visto, controllo sicurezza... Dal Cairo prenderemo un altro volo di linea interno con destinazione Luxor, è da qui che inizierà la nostra crociera. In meno di un'oretta siamo a Luxor; l'aria qui è sì più calda, ma non c'è tutto questo caldo come immaginavamo, coi nostri giubbotti stiamo anche bene...! Facciamo conoscenza del nostro gruppo e della nostra guida, che più che una guida è un vero e proprio egittologo, Alì, una persona che si riserverà essere davvero in gamba, gentile e davvero molto ma molto preparato. Saliamo sul nostro bus e lasciamo il piccolo e brutto aeroporto di Luxor per dirigerci verso la motonave. E' davvero tardi, notte fonda, tra una cosa e l'altra arriviamo in motonave che sono le 3 del mattino. Siamo devastati. Quando ci si viene detto che alle 5 c'è la sveglia che ci attende una giornata piena di visita, mi viene un colpo! Nonostante la stanchezza, sono contento di vedere che la nave è davvero una “signora motonave”, molto bella, curata nei dettagli, molto pulita, dei bellissimi arredi. Si chiama “Emilio Cruise”. In camera abbiamo anche una bella balconata con il vetro apribile. Subito non resisto, devo affacciarmi, voglio avere subito il mio primo contatto col “Grande Fiume”..

  • 9781 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social