Lungo e silenzioso, scorre il fiume

Incollato al finestrino dell'aereo cercavo di intravedere per la prima volta l'Africa. Manca poco all'atterraggio, il pilota ha annunciato che sta per iniziare le manovre di discesa. Circondato da nuvole striate che occultano la vista di questa terra che da ...

  • di Facosta
    pubblicato il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Incollato al finestrino dell'aereo cercavo di intravedere per la prima volta l'Africa. Manca poco all'atterraggio, il pilota ha annunciato che sta per iniziare le manovre di discesa. Circondato da nuvole striate che occultano la vista di questa terra che da tanto avevo desiderato visitare.

Eccola! All'improvviso mi appare l'infinita distesa di sabbia monocromatica ma al tempo stesso fatta di mille sfumature. Ma la mia attenzione è subito attratta da quell'interminabile cicatrice blu che si perde all'orizzonte, due fasce di un verde intenso la bordano: il generoso Nilo.

La calda aria di Luxor mi abbraccia dandomi il benvenuto e scendendo dalla scaletta dell'aereo sono felice e già pregusto la vacanza... -:-:-:-:-:-:-:-:-:-:-:-:-:-: Bisogna alzarsi presto stamattina, ci aspetta un programma molto ricco e nelle ore di gran caldo è sconsigliabile girare. LUXOR, la vecchia Tebe, situata sulla riva orientale del Nilo, è stata la capitale dell'Egitto dal 1500 al 1000 a.C. Ed in quel periodo ha conosciuto un grande splendore ed i numerosissimi resti che troviamo nella città e nei dintorni, lo testimoniano.

Ci allontaniamo un poco dall'animosa città e subito il paesaggio cambia e si fa brullo, la vegetazione scompare per lasciare il posto a collinette di calcare friabile e polveroso, siamo nella famosa VALLE DEI RE. La vasta zona è occupata da 64 tombe in cui sono sepolti i faraoni dalla XVIII alla XX dinastia. Come bocche spalancate, le entrate delle tombe si rivelano a noi, ne visitano soltanto alcune perché, allo scopo di preservare i dipinti che ornano le pareti, solo poche sono aperte al pubblico. Poco distante la VALLE DELLE REGINE, è molto simile nel paesaggio della precedente, se pur in dimensioni minori. Di contro la valle è dominata dal TEMPIO A TERRAZZE DELLA REGINA HATSHEPSUT, uno degli edifici più spettacolari di Tebe, si estende ai piedi di un ripido massiccio roccioso che s'innalza per 300 m. Sviluppato in tre terrazze collegate da rampe, il tempio, fatto costruire dall'unico faraone donna della storia, pur essendo stato molto danneggiato nel tempo, conserva pregevoli bassorilievi ...

Torniamo in città e mentre ci dirigiamo verso un tipico ristorante della città, facciamo una rapida sosta presso i cosiddetti colossi di MEMNON (statue alte circa 18 m), che sono quel che rimane del tempio funerario di Amenofi III e che raffigurano il faraone in posizione seduta.

Il tempo di mangiare e di riposarsi un poco, che riprende il nostro giro. Per visitare tutto ciò che merita in questa città non basterebbe una settimana, quindi ci rimettiamo subito in moto.

Situato al centro della città, IL TEMPIO DI LUXOR ci appare subito nella sua gran maestosità. Il suo ingresso se pur privo di molte parti (vedi l'obelisco che troneggia in Place de la Concorde a Parigi), rimane ancora oggi monumentale, con le sue grandi statue alte circa 14 m.; gli ambienti che si fanno via via sempre più piccoli fino a giungere al sacrario.

Distante circa 3 km da quello di Luxor, Il TEMPIO DI KARNAK era un tempo collegato all'altro da una via detta delle sfingi, ma oggi ne rimane purtroppo solo una piccola parte. Per secoli questo tempio fu considerato il centro religioso del regno dei faraoni e molti sovrani ne apportarono modifiche e aggiunte realizzando così un'opera complessa e gigantesca. Unica nel suo genere la sala ipostila, nella quale si elevano 134 colonne riccamente decorate.

Torniamo alla motonave stanchi, ma pienamente soddisfatti. Il gentilissimo personale ci accoglie con una bevanda dissetante e un asciugamano profumato per ristorarci un po'..

  • 257 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social