Gran tour dell'Egitto

All’inizio l’idea era quella di affrontare questo viaggio in Egitto in due, senza l’appoggio di alcuna agenzia italiana (per non ritrovarci a viaggiare in gruppo lungo itinerari troppo affollati e fatti troppo velocemente). Ma dopo aver stabilitto un nostro programma ...

  • di michelebianco
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

All’inizio l’idea era quella di affrontare questo viaggio in Egitto in due, senza l’appoggio di alcuna agenzia italiana (per non ritrovarci a viaggiare in gruppo lungo itinerari troppo affollati e fatti troppo velocemente). Ma dopo aver stabilitto un nostro programma di viaggio, che ci permettesse di visitare le principali mete con la dovuta calma e con alcune soluzioni fuori dalla classica proposta dei tour operator italiani, lo abbiamo inviato a delle agenzie di viaggio egiziane che ci hanno fatto delle offerte molto convenienti: la cifra richiesta era quella che avevamo previsto di spendere per conto nostro in hotel 3 stelle e spostamenti con mezzi pubblici, ma loro offrivano hotel 4 stelle, macchina con autista e guida per tutti i trasferimenti e le visite solo per noi due, da non condividere con nessun altro. Dopo moltissime ricerche su internet di referenze per questa agenzia, non avendo trovato alcun commento negativo ma solo gente molto soddisfatta, decidiamo di accettare la loro proposta. Compreso nel loro pacchetto abbiamo tutti gli hotel al Cairo, Assuan e Luxor (notte + colazione), la crociera in pensione completa sul lago Nasser, 6 notti all Inclusive a Marsa Alam, tutti i trasferimenti, le visite (compresi i biglietti d’ingresso) con macchina privata, autista e guida per noi due soli.

15/09: volo Alitalia Milano-Cairo, arrivo alle 14.00, accoglienza del tour operator che ci aiuta nel ritiro dei bagagli, acquista i visti per noi (15$ l’uno) e ci accompagna in auto all’hotel Mayorca. L’hotel è nel quartiere Agouza, fuori dalla zona turistica, raggiungibile da qui con 5-10 LE di taxi. E’ bello passeggiare per il quartiere a vedere la vera vita degli egiziani senza essere assaltati da venditori di ogni sorta. Anche i prezzi sono molto diversi da quelli del centro.

16/09: alle 8.00 vengono a prenderci all’albergo autista e guida. Il programma prevede visita alle piramidi di Saqqara e Giza. Tralascio la descrizione dei monumenti che tutti conoscono. Mi soffermo sul trattamento ricevuto: nei precedenti viaggi ci siamo sempre arrangiati ed ora passare all’autista e guida per noi due soli ci fa sentire dei VIP. Essendo in due la guida ci fa visitare delle tombe sulla piana di Giza molto anguste, sicuramente non accessibili ai gruppi numerosi. Ci pensa lui ad allungare una mancia ad un custode che ci accompagna e la apre solo per noi. La guida ci chiede se vogliamo fermarci in un negozio di tappeti a Saqqara (acconsentiamo ma non compriamo niente) e di papiri a Giza (compriamo dei papiri). La sera prendiamo il caratteristico taxi bianco e nero per la zona di Khan el Kalili.

17/09: solito appuntamento alle 8.00 nella reception e partenza per la visita della Cittadella, moschea di Muhamad Ali, madrasa di Hasan, moschea di Ibn Tulun. Come da programma la guida ci lascia a 12.00 nella zona di Khan el Khalili. Visitiamo per conto nostro la moschea di El Azhar. All’ingresso veniamo “accolti” da una persona che ci accompagna nella visita della moschea. Lo abbiamo seguito senza dire niente ed alla fine, quando ci ha richiesto una mancia per il servizio, gli abbiamo lasciato 30 LE.

Nel primo pomeriggio torna a riprenderci l’autista che ci riaccompagna in hotel.

18/09: oggi giornata libera. Ci siamo mossi da soli: abbiamo preso un taxi e siamo andati a visitare il Cairo Copto. Sembra di essere in un’altra città: la tranquillità, l’assenza di traffico di queste stradine confrontate con il caos e la folla dell’altro Cairo. Poi siamo tornati con la metropolitana in midan Tharir (1LE a testa) e ci siamo tuffati nel museo Egizio. Alla sera siamo rientrati in albergo, abbiamo cenato sulla terrazza (ci siamo fatti portare quello che vedevamo mangiare al personale dell’albergo dopo il tramonto, tutti assieme, per la conclusione del digiuno giornaliero. Ottimo ed economico) ed alle 20.30 sono venuti quelli dell’agenzia per portarci alla stazione di Giza e farci salire sul treno delle 22.00 per Assuan. Abbiamo optato per delle poltrone di prima classe (loro le chiamano spanish seat): larghissime, con poggiapiedi. La carrozza era occupata da pochi turisti e da egiziani facoltosi, l’aria condizionata era da ibernazione, c’era un omino che passava a servire tè caldo e che ci darà la colazione la mattina dopo. Il costo è di circa 14 € contro i 60 $ del vagone letto. Il viaggio è stato discreto, siamo riusciti a dormire: unico neo, la pulizia dei bagni

  • 427 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social