Berenice: il mar rosso sconosciuto

Siamo partiti il 19 agosto da Malpensa per Marsa Alam (4 ore di volo) per raggiungere il Lahamy Bay Beach resrt a Berenice, all'estremo sud della costa egiziana del Mar Rosso: più giù c'è solo il Sudan. Dimenticate le spiaggie ...

  • di Elena Bellotti
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 
Annunci Google

Siamo partiti il 19 agosto da Malpensa per Marsa Alam (4 ore di volo) per raggiungere il Lahamy Bay Beach resrt a Berenice, all'estremo sud della costa egiziana del Mar Rosso: più giù c'è solo il Sudan. Dimenticate le spiaggie affollate di Sharm, i venditori di tappeti ed essenze di Hurgada e i villaggi iperorganizzati. Berenice si trova a 130 km dal nuovo, ordinatissimo aeroporto di Marsa Alam (circa 200 km a sud di Hurgada), aperto a febbraio 2002. Dopo circa 1 ora e 45 minuti di pullman verso sud lungo la strada che si snoda tra il deserto e il mare, c'è il Lahamy Bay Beach Resort, aperto alla clientela italiana a metà giugno 2002. Il villaggio è molto carino anche se in stile più mediterraneo che arabeggiante, tutto bianco e per ora con poco verde, dato che palme e cespugli sono stati piantai da poco. L'ambiente è comunque molto piacevole, con una grande piscina attrezzata con lettini e ombrelloni, ponticelli e vasca per i bambini. Ad agosto c'era un solo ristorante aperto, con servizio buffet a colazione (ottima) e cena (dipendeva un po' dall'ispirazione del cuoco...) ma in generale la scelta era vasta e la qualità discreta.

Ma il bello di questo posto sono sicuramente la spiaggia e il paesaggio circostante caratterizzato dagli altipiani del deserto. Il resort si trova su una baia di sabbia fine, anche se non chiarissima, ideale per i non nuotatori: l'acqua arriva alla vita per almeno una trentina di metri e si può stare tranquillamente sdraiati sul bagnasciuga ad abbronzarsi senza rischiare di spelacchiarsi coi coralli. Ai lati della baia si trova una splendida barriera ricca di pesci e soprattutto di coralli dai colori davvero bellissimi, facilmente raggiungibile con pinne e maschera anche dai meno esperti. Anche la spiaggia è attrezzata con ombrelloni di paglia, lettini, materassi e asciugamani forniti dall'hotel. Inoltre direttamente sulla spiaggia si possono comprare acqua e frutta, mentre al ristorante all'ora di pranzo si trovano anche insalate e carne alla griglia, il tutto a pagamento poichè il trattamento è di mezza pensione escluse le bevande Quanto alle escursioni, quelle previste sono il jeep safari (un pomeriggio nel deserto, caffè preparato dai beduini che vivono veramente con le capre e i dromedari, e tramonto molto suggestivo), una visita a El Shalatin al mercato dei cammelli - non è un mercato per turisti, fa molto caldo ma è interessante - e la gita in barca all'isola deserta, una specie di atollo di sabbia popolato solo da gabbiani con la sabbia bianchissima e ottimi punti per lo snorkling.

Grazie ad una serie di circostante positive, siamo riusciti ad organizzare anche la gita in barca al Dolphin Reef, una barriera che si trova a 2 ore di navigazione a sud - l'unico inconveniente può essere il mal di mare dato che si balla un po' -, dove abbiamo avuto la fortuna di vedere - e non esagero, giuro - un branco di 50 delfini, che hanno giocato con la scia della nostra barca e ci hanno offerto uno spettacolo indimenticabile. Abbiamo tentato di fare il bagno con loro ma non essendo ancora stati addomesticati dall'uomo sono un po' timidi, ma è stato comunque molto emozionante vederli nell'acqua a due metri da noi.

Nel complesso, Lahamy Bay è un posto molto bello, che offre un buon compromesso tra la natura selvaggia che lo circonda - con i dromedari che ogni tanto attraversano la spiaggia - e la comodità di un resort a 5 stelle - camere spaziose, con tv e aria condizionata e un buon livello di servizio. Al momento ci sono 110 camere aperte, entro l'anno diventeranno 220 e per la prossima stagione estiva 440... Quindi andateci prima che diventi troppo grande. Il villaggio è gestito da Turisanda e da un tour operator svizzero Lo sconsiglierei solo a chi non può fare a meno della vita mondana: il modo più emozionante di passare le serate è stare sdraiati nell'angolo beduino creato sulla spiaggia con torce e tappeti, a sorseggiare tè alla menta o caffè allo zenzero, guardando la luna che si specchia nel mare e le stelle cadenti... Cosa che a noi è piaciuta moltissimo.

Annunci Google
  • 98419 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social